Blizzard contenta del Real ID

"Ha funzionato".

Stando a quanto dichiarato da Blizzard nelle ultime ore, l'imposizione del Real ID, un sistema di riconoscimento volto a forzare i giocatori nell'usare il loro vero nome, avrebbe funzionato.

Due settimane fa, in seguito alle vigorose proteste dei giocatori, Blizzard è poi tornata sui propri passi per ciò che concerne la decisione di obbligare le persone ad usare il proprio nome nei forum di StarCraft II e World of Warcraft.

"Non siamo stati sorpresi dalle reazioni," ha detto a Eurogamer Michael Ryder, vice presidente e executive managing director per le operazioni internazionali.

"E' qualcosa che fa parte della nostra cultura. Siamo consapevoli di essere fortunati ad avere tantissimi giocatori affezionati che hanno a cuore ciò che facciamo".

"Ed è proprio per questo motivo che ci rivolgiamo costantemente ai nostri fan, chiedendo loro un parere su ciò che facciamo e tenendo in grande considerazione le loro osservazioni".

"E in questo caso ne abbiamo ricevute parecchie".

Ieri il general manager di BioWare Mythic, Eugene Evans, ha detto a Eurogamer di essere rimasto sorpreso dall'iniziale idea di Blizzard ma di essere contento che la compagnia abbia fatto dietrofront.

"Dovremmo tutti imparare ad ascoltare le nostre community."

Ryder, riguardo al "processo" (lo chiama proprio così) ha aggiunto: "Abbiamo avuto modo di osservare le reazioni e di riconsiderare la situazione nel suo insieme e infine abbiamo deciso di non procedere in quella direzione, almeno per ora. Cercheremo altri modi per raggiungere il nostro obiettivo, che è quello di migliorare i forum".

"Quindi, dopo tutto, il processo ha funzionato. Abbiamo detto la nostra, abbiamo avuto le relative reazioni, abbiamo riconsiderato il progetto, ci abbiamo ripensato. E non possiamo non apprezzare il fatto di avere dei fan così appassionati".

Ryder ha detto che l'esperienza, in fin dei conti, ha messo Blizzard in una buona luce.

"Rafforza la consapevolezza di essere privilegiati ad avere tanti giocatori che ci seguono e dialogano con noi".

StarCraft II, già uscito per PC e Mac, avrà a breve la nostra recensione.

Vai ai commenti (0)

Riguardo l'autore

Filippo Facchetti

Filippo Facchetti

Redattore

Filippo Facchetti è un rispettabile nerd da sempre appassionato di "giochini elettronici". Prima di approdare a Eurogamer scrive per importanti riviste di settore e conduce programmi TV dedicati all'intrattenimento digitale.

Contenuti correlati o recenti

Disintegration dice addio al multiplayer online a soli cinque mesi dal lancio

L'opera del papà di Halo non ha lasciato il segno sperato.

Gears Pop! arriva al capolinea: annunciata la chiusura dei server

Ecco quando non sarà più possibile giocare al titolo di Mediatonic.

Hearthstone perde pezzi: il principle narrative designer lascia Blizzard dopo 12 anni

Dave Kosak è stato in precedenza anche lead quest designer di World of Warcraft.

Articoli correlati...

EssenzialePikmin 3 Deluxe - recensione

Interstellar... ma con i Pikmin.

Iron Harvest- recensione

Quando i mech cambiarono il corso della storia.

Total War Warhammer 2 incontra...Henry Cavill

L'interprete di Geralt e Superman è protagonista dell'ultimo DLC.

Commenti (0)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza