"Chiunque" può vincere a StarCraft II

Parola di Blizzard!

Stando a quanto promesso da Blizzard, qualsiasi partita di StarCraft II potrà essere vinta da qualunque giocatore.

"L'obiettivo" di Blizzard è di avere un matchmaking 50/50 nell'imminente gioco strategico, che dovrebbe permettere di creare abbinamenti fra avversari con lo stesso livello di abilità.

"Quando abbiamo lanciato la beta per la prima volta, c'erano alcuni problemi di bilanciamento", ha dichiarato il lead producer Chris Sigaty a IGN.

"Da allora, tuttavia, il nostro matchmaking è migliorato molto. L'obiettivo ultimo è quello di un matching 50/50. Ogni giocatore dovrebbe avere la possibilità di vincere ogni volta che avvia una partita. Sappiamo che lì fuori ci sono persone che vorrebbero vincere ogni singola volta, ma quello non è certo un approccio divertente".

Sigaty ha avvertito i giocatori di non aspettarsi che la campagna single player di StarCraft II, chiamata Wings of Liberty, insegni le abilità necessarie per vincere nel multiplayer.

Piuttosto, il gioco includerà sfide pensate per far vivere una situazione di combattimento particolare.

"Il single-player non aiuta molto per l'online", ha affermato Sigaty.

"Spiega semplicemente le dinamiche base del gioco. Non cerca di insegnare il modo giusto di giocare. Al di là di questo, comunque, ci sono le sfide che aiutano a capire, per esempio, che avere solo otto unità a raccogliere minerali non basta".

Non importa quanto tempo investirete in StarCraft II, comunque, visto che ci sarà sempre un sud coreano più forte di voi.

Il gioco uscirà su PC e Mac il 27 luglio, e sembra davvero una bomba.

Vai ai commenti (0)

Riguardo l'autore

Filippo Facchetti

Filippo Facchetti

Redattore

Filippo Facchetti è un rispettabile nerd da sempre appassionato di "giochini elettronici". Prima di approdare a Eurogamer scrive per importanti riviste di settore e conduce programmi TV dedicati all'intrattenimento digitale.

Contenuti correlati o recenti

Disintegration dice addio al multiplayer online a soli cinque mesi dal lancio

L'opera del papà di Halo non ha lasciato il segno sperato.

Gears Pop! arriva al capolinea: annunciata la chiusura dei server

Ecco quando non sarà più possibile giocare al titolo di Mediatonic.

Hearthstone perde pezzi: il principle narrative designer lascia Blizzard dopo 12 anni

Dave Kosak è stato in precedenza anche lead quest designer di World of Warcraft.

Articoli correlati...

EssenzialePikmin 3 Deluxe - recensione

Interstellar... ma con i Pikmin.

Iron Harvest- recensione

Quando i mech cambiarono il corso della storia.

Total War Warhammer 2 incontra...Henry Cavill

L'interprete di Geralt e Superman è protagonista dell'ultimo DLC.

Commenti (0)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza