Corsair Vengeance RGB RS 16GB DDR4 DRAM 3200MHz C16 - recensione

La nuova arma della casa delle vele.

In attesa della commercializzazione delle attese DDR5, comunque ancora relativamente lontana almeno per le build non prettamente high-end, le RAM DDR4 da diversi anni stanno rappresentando una soluzione versatile e ormai collaudata. Se al debutto la loro frequenza "regular" si attestava sui 2133 Mhz, con quelle a 3200 Mhz riservate agli "enthusiast", abbiamo visto come dal 2014 in poi queste velocità siano aumentate al progredire della tecnologia, con le configurazioni "mainstream" passate prima alle 2400 Mhz e ora attestatesi proprio sulle 3200 Mhz.

Parallelamente non sono mancati continui upgrade per le frequenze più alte, arrivate a ben 4800 Mhz nel caso delle versioni più performanti e costose, nient'affatto distanti da quei 5200 Mhz che sarà la frequenza standard delle nuove DDR5, anche se probabilmente la più gettonata al lancio potrebbe essere la 6400 Mhz. Va comunque detto che questa nuova generazione avrà altre caratteristiche, oltre alla frequenza, che comporterà un deciso passo avanti rispetto alla precedente.

Come sempre tra le prime in termini di vendite e a offrire prodotti al top nel campo dei banchi RAM, l'azienda californiana Corsair ha recentemente rinnovato la sua gamma Vengeance con le RGB RT e RGB RS. Le prime, specificamente ottimizzate per le motherboard dei processori AMD, arrivano a una frequenza di ben 4600 Mhz mentre quelle oggetto di questa recensione, le RS, in grado di essere spinte al massimo anche dai processori Intel, arrivano a 3600 Mhz.

1
Le Vengeance RGB RS si presentano in una confezione davvero accattivante con sfondo giallo lucido e dei piccoli triangoli in rilievo.

Non una frequenza elevatissima, ma Corsair assicura altissima affidabilità grazie a un PCB proprietario in grado di garantire non solo eccellente qualità e stabilità del segnale ma anche un'accurata selezione dei chip Samsung B-die per fornire ai giocatori PC il massimo potenziale di overclocking. È sicuramente questa una delle caratteristiche più interessanti di queste nuove RAM, dato che si pongono in una fascia di prezzo inferiore rispetto alle RGB Pro.

La casa californiana ha oltretutto ideato un look totalmente nuovo per queste Vengeance RGB RT ed RS, che quindi risultano inedite sotto il profilo estetico: davvero moderna e gradevole la grande V centrale formata dal dissipatore, che fa ovviamente riferimento al nome del prodotto, finalmente ben rimarcata nonché realizzata in alluminio a sottolineare l'eccellente qualità costruttiva di queste RAM. Un look davvero aggressivo e unico che siamo sicuri verrà ripreso anche dai futuri prodotti dell'azienda delle tre vele.

RT e RS rappresentano in questo momento il segmento entry level di Corsair per quanto riguarda le RAM con illuminazione RGB: mentre le RT sono disponibili in due colori, bianco e nero, e dispongono di dieci LED configurabili manualmente tramite il software iCue (comunque compatibili con quelli dei principali marchi produttori), le RS ne hanno sei, anch'essi del tutto configurabili con effetti dinamici e panoramici davvero molto coreografici, in grado di soddisfare anche i più esigenti sotto quest'aspetto.

Sia Vengeance RGB RT che RS sono disponibili nei tagli da 8, 16 e 32 gigabyte con un Cas Latency che va da 16 per le 3200 Mhz a 18 per le 3600 Mhz e le versioni superiori, offrendo dunque sino a 128 GB sui classici quattro banchi, ovviamente con piena compatibilità con i profili XMP 2.0, quindi pienamente configurabili da BIOS. Nello specifico noi abbiamo potuto testare il set base composto da due banchi da 8 GB a 3200 Mhz CL16, presentatici in una confezione molto accattivante con sfondo giallo lucido e dei piccoli triangoli in rilievo a simboleggiare ancora una volta la V di Vengeance. All'interno, in due gusci di plastica preformati, i due banchi RGB RS con due libretti informativi: uno sulle informazioni di sicurezza e uno di istruzioni sull'installazione in sette lingue.

Aprendo il loro guscio si nota subito il dissipatore in alluminio anodizzato nero lucido, vero segno distintivo di queste nuove RAM, con al suo esterno ripreso il tema dei piccoli triangoli equilateri a completare il design perfettamente simmetrico, se non per la scritta //RS presente nella parte sinistra di entrambi i lati del banco. L'impressione che si ha è quella di un hardware estremamente robusto e rifinito, nonché dotato di un'eccellente cura nei dettagli estetici.

Le dimensioni hanno notevole importanza per i banchi di memoria, e queste RS risultano decisamente compatte andando a riprendere i 44 mm di altezza già scelti da Corsair per le sue RGB PRO SL, cosa che le rende estremamente adatte all'overclocking permettendo l'utilizzo di dissipatori CPU dalle dimensioni particolarmente generose.

2
Il nuovo design caratterizzato dalla V formata dal dissipatore in alluminio anodizzato è l'elemento distintivo di queste nuove RAM Corsair.

Una volta installate non si può non notare la dimensione davvero notevole della barra RGB, che il software gratuito iCue permette di personalizzare in maniera veramente completa: è possibile impostare sia la luminosità sia naturalmente l'effetto (quello predefinito è il classico arcobaleno), con tantissime combinazioni disponibili, da quelle monocromatiche a quelle esacromatiche, che rendono questo kit un non plus ultra per coloro che sono alla ricerca di effetti particolarmente distintivi per il proprio computer.

In buona sostanza le Vengeance RS rappresentano un ottimo compromesso per chi cerca RAM DDR4 RGB estremamente affidabili, di elevata qualità costruttiva e dalle buone prestazioni senza pensare troppo all'overlocking: in configurazione stock, sul benchmark AIDA 64 i due banchi hanno superato abbondantemente i 45000 MB/s in lettura e scrittura, arrivando a sfiorare i 50000 MB/s per quest'ultima.

Risultati molto buoni per delle 3200 Mhz insomma, di poco inferiori alle Crucial Ballistix RGB 3600 Mhz CL16 con cui abbiamo potuto confrontarle, anche se in termini di FPS il divario è di fatto praticamente nullo con l'unico dato a sfavore rappresentato da una latenza piuttosto elevata, del resto testimoniata da i valori di fabbrica 16-20-20-38 a 1.35V.

3
Praticamente infinite le possibilità di configurazione dei 6 LED RGB grazie al software iCue, che permette di personalizzarli individualmente.

Valori che naturalmente possono salire con l'overclocking, come già detto configurabile via BIOS, almeno sulle schede madri di fascia alta, sia con i processori Intel tramite i profili XMP e AMD tramite quelli DOCP. Oltretutto nel caso si sia possessori una "mobo" Z590 con la novità introdotta da questi chipset, ossia la possibilità di desincronizzare la frequenza da quella del controller, si possono raggiungere valori di frequenza davvero molto elevati. Realisticamente, dato che i chip Samsung B-die montati su queste RAM non sono molto amanti degli aumenti di tensione, è consigliabile che le Vengeance RGB RS 3200 Mhz siano spinte al limite senza aumentare la tensione nominale di 1.35 Volt, potendo arrivare tranquillamente a valori di frequenza di 3600 Mhz e forse anche 3800 Mhz senza particolari problemi.

Questo nuovo prodotto di Corsair rappresenta in definitiva un'ottima scelta nel caso si vogliano acquistare delle ottime RAM RGB a un prezzo competitivo: il loro punto di forza è sicuramente il design del tutto inedito e particolarmente piacevole del dissipatore in alluminio, che nel caso delle RS è un peccato non sia disponibile anche di colorazione bianca come invece avviene per le sorelle RT. Sono quindi un acquisto consigliato? Assolutamente sì, il rapporto qualità/prezzo è decisamente favorevole, ancora di più se opterete per prendere la versione di punta delle Vengeance RGB RS, quella a 3600 Mhz.

Contenuti correlati o recenti

Recensione | EPOS H3 Hybrid - Un headset per domarli tutti!

Una nuova interessante proposta arricchisce l'offerta di EPOS per il settore gaming... ma a che prezzo?

Recensione | Razer Zephyr: Solo un esercizio di stile geek?

La casa del serpente realizza la prima maschera “social”: ecco la nostra prova.

Digital Foundry | Razer Zephyr - La mascherina per affrontare la pandemia in sicurezza ma con stile

Chi si aspettava una mascherina di protezione dal re delle periferiche tech RGB?

Articoli correlati...

Commenti (1)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza