Square Enix ha realizzato un solido MMORPG con Final Fantasy 14 Online: A Realm Reborn, nonostante un complicato sviluppo di due anni che ha visto redesign dell'originale, correzione a vari sistemi di gameplay e infrastrutture di rete. Ora che la versione PS4 del gioco è arrivata, sarà libera dalle restrizioni imposte da un hardware vecchio di sette anni, permettendo ai giocatori di godere di un'esperienza dello stesso livello di quella PC?

In precedenza, il producer/director Naoki Yoshida ha dichiarato che gli sviluppatori stavano puntando a una presentazione nativa a 1080p per la versione PS4, con una qualità grafica simile a quella della versione PC a impostazioni massime. Dopo aver esaminato il framebuffer possiamo confermare la risoluzione full HD, supportata da un FXAA tutto sommato standard.

La qualità dell'immagine è paragonabile a quella della versione PC fino a dettagli come la leggera sfocatura delle texture e lo sfarfallio degli elementi sub-pixel. La risoluzione 1080p permette di avere personaggi nelle vicinanze nitidi e ben resi, ma ciò non impedisce a varie scalettature di farsi notare altrove.

A Realm Reborn su PS4 puntava in teoria anche a un aggiornamento costante a 60fps, ma la versione finale è caratterizzata da un frame-rate sbloccato (cappato a 60Hz) e l'obiettivo di mantenere il numero di fotogrammi sopra ai 30fps. È una soluzione simile a quella adottata in Tomb Raider: Definitive Edition, che suggerisce un gioco più esigente quanto a risorse richieste di quanto l'uscita su una console old-gen faccia pensare.

" La qualità dell'immagine è paragonabile a quella della versione PC"

Final fantasy 14 a confront su PS4 e PC.

Confronti alternativi:

Tutti i tocchi migliori sono almeno al posto giusto. Dettaglio delle texture, modelli dei personaggi e la maggior parte degli effetti come fumo, particelle, riflessi e trasparenze, sono identici a quelli della versione PC. Dettagli e qualità degli artwork vengono valorizzati a differenza di quanto accade nella versione PS3.

Esaminando meglio le immagini della nostra galleria di immagini comparativa a tre formati di Final Fantasy 14, l'unica vera differenza tra PS4 e PC è il livello palesemente inferiore di filtering anisotropico rilevato sulla console di Sony. La versione PC opera con AF X16, mentre l'applicazione di un livello di filtering inferiore risulta su PS4 in alcuni dettagli delle texture leggermente sfocati se visti da angolazioni strette, anche se negli altri casi la resa è nitida.

Il modo in cui il gioco è illuminato ha un forte impatto, con alternarsi di giorno e notte che trasformano completamente l'aspetto degli scenari. La qualità di questa alternanza è rimasta intatta su PS4, con un modello di illuminazione che proietta più ombre rispetto alla versione PS3, dando alle locazioni sfumature più realistiche.

PCPlayStation 4PlayStation 3
Il livello di dettaglio è paragonabile tra PC e PS4, con ampie distanze di visualizzazione che offrono visuali mozzafiato. Lo streaming del livello di dettaglio più aggressivo rende gli scenari molto più desolati su PS3.
PCPlayStation 4PlayStation 3
Qui vediamo una serie di compromessi grafici su PS3. Alcuni oggetti sono realizzati con un numero minore di poligoni (date un'occhiata alle rocce sullo sfondo), si notano meno ombre e la vegetazione è renderizzata a risoluzione inferiore.
PCPlayStation 4PlayStation 3
Le ombre sono rese a risoluzione maggiore su PC e PS4. Qui si può notare che la forma dell'ombra proiettata dai capelli e dagli abiti del personaggio è più nitida rispetto a quella della versione PS3.
PCPlayStation 4PlayStation 3
L'unico elemento in cui la versione PS4 non è al pari di quella PC è il filtering delle texture. Il livello di filtering anisotropico è chiaramente inferiore, con l'effetto che alcuni elementi sono sfocati se visti da angolazioni molto strette.
PCPlayStation 4PlayStation 3
La qualità dell'immagine è identica su PS4 e PC. La presentazione a 1080p nativi e un FXAA più raffinato risultano in scene più nitide e dettagliate.
PCPlayStation 4PlayStation 3
Le texture sono di risoluzione inferiore su PS3, una caratteristica che sembra estesa anche alle normal maps. Un esempio di questi compromessi sono la minore profondità delle costruzioni. Questi elementi sono identici su PS4 e PC .

Un altro vantaggio grafico rispetto alla old-gen è il modo in cui gli oggetti vengono gestiti su PS4 e PC. Le transizioni tra i vari livelli di dettaglio sono molto meno aggressive, e personaggi e scenari sono meno soggetti a sparire alla distanza. Piccoli cespugli, staccionate e altri oggetti sono chiaramente visibili all'orizzonte, e come risultato il mondo sembra più vivo e dettagliato quando si osserva l'orizzonte.

Dal punto di vista del gameplay, ciò permette anche di vedere più facilmente le varie icone mostrate sui giocatori, e di farsi quindi un'idea più precisa di quanto stia accadendo in combattimento e negli eventi scriptati.

Passando alle prestazioni, Final Fantasy 14 sul nostro PC (un decente ma non spettacolare Intel Core i5 con GTX 680), arriva vicino ai 60fps costanti che garantiscono fluidità e risposta precisa dei controlli, con pochi compromessi. A parte alcuni cali di frame-rate nelle battaglie su larga scala, e alcuni scatti nelle aree affollate, l'esperienza si mantiene solidamente sui 60fps.

Le prestazioni di Final Fantasy 14 su PS4 sono variabili, e si mantengono tra 30-45fps, con picchi a 60fps nelle scene più tranquille. La sincronia verticale elimina il tearing, anche se il frame-rate instabile causa occasionalmente degli scatti e riduce la reattività dei controlli.

"Anche se Final Fantasy 14 non è il titolo graficamente più avanzato su PS4, è chiaramente un grosso passo in avanti rispetto alla versione PS3."

Questo è ciò che ci piacerebbe avere da PS4, una stabilità maggiore e un'esperienza più fluida per quanto riguarda il gameplay, cosa che purtroppo non si verifica in questo caso. A Realm Reborn tocca i 60fps in alcune circostanze, ma in generale è abbastanza disomogeneo. In una sessione di gameplay estesa il gioco si mantiene tra 30 e 45fps, calando anche a valori vicini ai 20fps durante le battaglie che vedono coinvolti molti giocatori. La sincronia verticale elimina comunque il tearing, e anche questo frame-rate instabile è molto superiore a quello di PS3, con meno scatti in generale.

Ovviamente è lecito aspettarsi un miglioramento rispetto alla versione PS3, ma la cosa più impressionante è il lavoro fatto da Square Enix per integrare delle funzioni uniche per PS4. Le funzionalità di base del DualShock 4 sono simili a quelle PS3, ma ci sono più opzioni di personalizzazione della Cross Hotbar e il touchpad aiuta molto, rimpiazzando decentemente il mouse.

È possibile muovere liberamente il cursore, mentre premendo il touchpad si cicla tra le diverse parti del menu HUD: chat, icone della mappa, log delle quest e altro. Serve un po' di tempo per abituarsi, ma una volta che lo si capisce, il sistema si rivela molto flessibile. È inoltre possibile collegare anche mouse e tastiera.

"Forse l'elemento più impressionate di Final Fantasy 14 è la sua piena compatibilità tra piattaforme"

Uno sguardo ad alcune sequenze di Final Fantasy 14 rivela un vantaggio di 10-20 fotogrammi al secondo su PS4.

Final Fantasy 14 su PS4 fa anche pieno uso delle funzioni di sharing e streaming della console, e l'inclusione del Remote Play implica la possibilità di giocare su Vita, anche se con immagine di qualità inferiore e più latenza nei controlli.

Forse l'elemento più impressionate di Final Fantasy 14 è la sua piena compatibilità tra piattaforme. Comodo per i possessori di PS3 che vogliono passare a PS4, vista la possibilità di trasferire dati e progressi senza dover ricominciare. La funzionalità migliore è però la condivisione dello stesso mondo su PC, PS3 e PS4. Non ci sono barriere o shard che separano gli utenti.

Final Fantasy 14 su PS4: il verdetto del Digital Foundry

La versione PlayStation 4 è una conversione impressionante che si avvicina alla qualità vista su PC. La versione PC resta la migliore, ma la nitida presentazione a 1080p, artwork più dettagliati, distanze di visualizzazione maggiori e la possibilità di avere centinaia di personaggi su schermo senza grossi cali di prestazione sono risultati fantastici. Chi preferisce giocare su console ha a disposizione una versione di qualità e potrà comunque giocare insieme ai propri amici che utilizzano il PC.

Un frame-rate più solido sarebbe stato il benvenuto, ma siamo comunque molto avanti rispetto alla versione PS3. Dopo un complicato periodo di ristrutturazione, Final Fantasy 14 è veramente rinato.