AMD Radeon R9 390 8GB - recensione

La sfida si accende. La GTX 970 di Nvidia ha finalmente trovato una degna rivale?

Ecco un eccellente esempio di come la concorrenza porti a prestazioni migliori. Al suo arrivo, la GTX 970 ha sbancato il mercato delle schede grafiche di fascia alta. Versioni overclockate di fabbrica competevano con la GTX 780 Ti, e le prestazioni potevano essere spinte ancora oltre per arrivare in linea con quelle della GTX 980. R9 290 e 290X di AMD erano diventate improvvisamente costose e piuttosto mediocri. Quasi un anno dopo, il marchio rosso ha risposto bene: la nuova R9 390 8GB ha i suoi limiti, ma le prestazioni sono innegabili. La scheda è effettivamente più veloce della GTX 970.

La formula di AMD per sfidare le schede migliori di Nvidia è abbastanza semplice. I chip Hawaii delle R9 290 e 290 X sono utilizzati stavolta in forma overclockata, e i moduli di memoria GDDR5 sono stati rimpiazzati con componenti più capaci dotati di 500gbps di banda aggiuntiva. È una formula semplice che permtte di raggiungere sufficienti prestazioni aggiuntive da rendere la Radeon R9 390X competitiva nella sua fascia di prezzo, e lo stesso metodo è ugualmente efficace con la R9 390, che si comporta ottimamente nel confronto con la GTX 970.

In pratica le prestazioni ci sono, ma hanno un prezzo: il chip Hawaii genera ora ancora più calore di prima, e anche il consumo è aumentato. Dissipare questo calore richiede un sistema di livello: per la nostra recensione, abbiamo potuto contare sul nuovo modello DirectCU 3 di ASUS, il prodotto di punta della compagnia. È lo stesso dissipatore che la compagnia usa sulla sua R9 Fury, ma la differenza è che la R9 390 genera più calore, pur essendo meno potente.

Ed è da qui che gli inevitabili confronti con la GTX 970 dovrebbero cominciare. La scheda di Nvidia è disponibile in tutta una serie di forme e dimensioni: il modello che abbiamo usato è una versione minuscola prodotta da Zotac, dotata di un piccolo overclock di fabbrica (+25MHz) ma notevole per le dimensioni ridotte che le permettono di entrare nella maggior parte dei case mini-ITX da gioco sul mercato. Abbiamo provato anche il modello MSI Gaming 4G, una GPU di dimensioni standard ma con possibilità di overclock che le permettono di competere con la GTX 980, cosa che la R9 390 non può fare nella maggior parte dei giochi.

In breve, anche se questa recensione si occuperà principalmente delle prestazioni, ci sono altri fattori che devono essere presi in considerazione prima di procedere. La scheda è più grande della GTX 970 e consuma di più (specialmente in ambito di overclocking), producendo inoltre più calore, quindi considerate bene l'acquisto di una R9 390: un alimentatore decente e un flusso d'aria nel case sono assolutamente indispensabili. Da questi punti di vista, la GTX 970 è molto più accessibile.

Ovviamente il prodotto AMD ha un vantaggio aggiuntivo che non dovrebbe essere sottovalutato, vale a dire gli 8GB di RAM contro i 3.5/4GB splittati della GTX 970. Abbiamo già parlato di quest'ultimo aspetto), ma se avete dubbi sulla struttura della RAM della GTX 970 o volete una scheda più a prova di futuro, la R9 390 non può essere ignorata, specialmente in virtù delle sue ottime prestazioni.

La solita sfida sul gameplay di Crysis 3 a 1080p60 ci dà le prime indicazioni sulla differenza tra R9 390, GTX 970 e R9 290 (il nostro modello di quest'ultima è reference, e le sue ventole girano all'80% della velocità massima rivelandosi assordanti per scongiurare problemi di throttling). La R9 390 si avvicina molto ai 1080p60 stabili, perdendo solo 156 fotogrammi da un totale di 18.650. Si avvicina quindi alla R9 390X e surclassa la GTX 970, lasciando parecchio indietro la vecchia R9 290.

R9 390 e 390X a confronto con GTX 980 e R9 290 per verificare quali schede possano far girare Crysis 3 a impostazioni massime mantenendo il più stabili possibile i 1080p60 con meno tearing.

Crysis 3 Gameplay a 1080p con v-sync R9 390 R9 390X GTX 970 R9 290
Frame-Rate minimo 50.0fps 47.0fps 44.0fps 34.0fps
Fotogrammi perduti (da un totale di 18650) 156 (0.8%) 107 (0.6%) 465 (2.5%) 1347 (7.2%)

I benchmark iniziali a 1080p sembrano mostrare che la R9 390 sia molto simile alla rivale di Nvidia. La scheda AMD è in convincente vantaggio (circa il 18%) su Far Cry 4, Ryse e Shadow of Mordor e in maniera meno netta su Crysis 3, ma risulta più lenta con Tomb Raider e The Witcher 3. I risultati sono così vicini su Battlefield 4 e Assassin's Creed Unity che si inizia a rientrare nel margine d'errore. Nel complesso, la R9 390 è più veloce della sua rivale, ma solo grazie a quei 3 giochi che storicamente risultano più favorevoli all'hardware AMD. Tenendo presente le capacità di overclocking, diremmo che la GTX 970 mantiene il vantaggio a 1080p, risoluzione a cui è improbabile che la particolare struttura di memoria causi prolemi. Ovviamente, alcuni giocatori non si fidano dell'overclocking e preferiscono rimanere a velocità di base.

I confronti con la R9 390X sono rivelatori. Far Cry 4 gira in maniera virtualmente indistinguibile, mentre tutti gli altri giochi provati girano al 93% della velocità rispetto alla R9 390X. Visto il prezzo del modello superiore, i risultati sono notevoli, e la differenza può essere colmata con l'OC anche se è possibile che ciò causi surriscaldamento o comprometta la stabilità del sistema. Sempre che non siate contrari al consumo e alla produzione di calore ancora maggiori.

In generale è un inizio incoraggiante per la R9 390: la GTX 970 ha battuto agevolmente R9 290 e 290X nel gameplay a 1080p, e la R9 390 riesce a fare lo stesso. Avendo provato le schede AMD con il driver rilasciato per la serie 300, abbiamo verificato che il solo hardware è causa di un incremento prestazionale superiore del 13% rispetto alla R9 290 e del 6% rispetto alla 290X. Non sarà un colpo da KO per la GTX 970, specialmente perché la scheda di Nvidia può arrivare ai livelli della GTX 980 grazie all'overclocking, ma la nuova alternativa di AMD è chiaramente competitiva.

La R9 390 risulta più veloce a 1080p, ma il vantaggio nella media è dovuto principalmente al grosso margine di cui gode in Ryse, Shadow of Mordor e Far Cry 4.

1920x1080 (1080p) R9 390 R9 390X GTX 970 GTX 980 R9 290 R9 290X
The Witcher 3, Ultra, HairWorks Off, AA Custom 53.8 57.4 56.0 65.8 47.4 50.5
Battlefield 4, Ultra, 4x MSAA 74.1 78.3 74.6 86.5 64.8 69.0
Crysis 3, Very High, SMAA 75.1 80.1 71.4 81.5 65.1 69.7
Assassin's Creed Unity, Ultra High, FXAA 51.6 56.0 51.7 62.4 46.2 50.0
Far Cry 4, Ultra, SMAA 82.1 82.4 77.4 87.4 70.9 75.0
Ryse: Son of Rome, High, SMAA 76.6 81.8 65.1 76.1 69.9 74.5
Shadow of Mordor, Ultra, Texture High, FXAA 95.2 101.9 80.8 91.7 84.5 89.4
Tomb Raider, Ultimate, FXAA 100.4 107.1 102.4 118.2 88.6 97.9

Se avete seguito la battaglia tra i prodotti di fascia alta AMD e Nvidia negli ultimi due anni circa, probabilmente conoscete già il seguito. Le schede di AMD basate su Hawaii sono dotate di un'interfaccia di memoria a 512-bit contro i 256-bit delle GPU Maxwell di Nvidia di questa fascia, vale a dire GTX 970 e GTX 980. Man mano che la risoluzione sale, l'importanza di questo fattore diventa sempre più apparente.

La R9 390 è una buona scheda per giocare a 1440p, e lo dimostra assumendo il vantaggio in ogni benchmark (eseguiti tutti con le stesse impostazioni usate per i 1080p, dove la GTX 970 era più competitiva). Il divario tra la scheda e la GTX 970 varia da gioco a gioco: The Witcher 3 e Battlefield 4 fanno registrare appena un 2-3% di differenza, ma il gap si fa più marcato in altri titoli. Far Cry, Ryse e Shadow of Mordor girano più velocemente di oltre il 20%, Crysis 3 del 13%, Assassin's Creed Unity e Tomb Raider del 5%.

A questo punto si potrebbe pensare che la GTX 970 possa affidarsi all'overclocking per rifarsi: ciò la rende competitiva nella maggior parte dei giochi, ma l'efficacia dell'oveerclock dipende dal boost di clock dinamico, il quale varia da gioco a gioco. Anche con OC, la scheda non raggiunge la R9 390 a velocità di base in Crysis 3, mentre la GPU di Nvidia torna in vantaggio con Battlefield 4, superando R9 390 e 390X ma avvicinandosi anche alla GTX 980.

La R9 390 fa un buon lavoro nel surclassare la GTX 970 a 1440p. Il suo margine di vantaggio sulla GTX 970 varia da gioco a gioco, ma la scheda di Nvidia riesce a riavvicinarsi con un overclocking più aggressivo.

2560x1440 (1440p) R9 390 R9 390X GTX 970 GTX 980 R9 290 R9 290X
The Witcher 3, Ultra, HairWorks Off, AA Custom 40.3 43.5 39.2 47.5 35.6 38.2
Battlefield 4, Ultra, 4x MSAA 51.7 54.5 48.9 57.0 44.2 47.2
Crysis 3, Very High, SMAA 48.7 52.3 43.0 50.0 42.0 44.8
Assassin's Creed Unity, Ultra High, FXAA 35.5 38.4 32.8 39.7 31.4 34.4
Far Cry 4, Ultra, SMAA 64.7 69.0 53.9 61.3 52.9 57.5
Ryse: Son of Rome, High, SMAA 57.5 62.2 46.3 54.1 52.0 55.9
Shadow of Mordor, Ultra, Texture High, FXAA 69.2 74.4 57.0 66.0 61.6 65.9
Tomb Raider, Ultimate, FXAA 69.0 75.7 65.5 76.7 61.3 67.2

Come sempre, i 4K si dimostrano una lama a doppio taglio per l'hardware AMD. È a questa risoluzione che i vantaggi della banda delle schede Hawaii vengono maggiormente a galla, specialmente in queste nuove serie 300, ma resta la sensazione che non ci sia ancora abbastanza potenza di rendering per gestire l'enorme pixel count e gli effetti che vogliamo vedere a frame-rate decenti. Più in basso potete vedere la media dei frame-rate, ma è bene sottolineare che in quattro titoli (AC Unity, Crysis 3, Ryse e The Witcher 3) i valori scendono sotto ai 30fps nonostante le impostazioni siano state abbassate di un livello rispetto a quelle utilizzate nei test a 1080p e 1440p.

La realtà è che la R9 390 offre alcuni miglioramenti notevoli rispetto alla GTX 970. Ignorando il 'leggero' vantaggio del 7% in Battlefield 4 (un titolo per cui Nvidia ha ottimizzato aggressivamente per competere con Mantle), il divario più piccolo è del 14% in Assassin's Creed Unity, mentre Far Cry 4 e Ryse operano a una velocità maggiore del 36%. I benchmark a 4K danno ad AMD un'opportunità per lasciare molto indietro la GTX 970, ma l'applicazione pratica di queste GPU a 4K è abbastanza limitata sui titoli più recenti.

Forse in questo caso non è importante il confronto con la GTX 970 (in effetti, a questa risoluzione la R9 390 compete con la GTX 980), e bisognerebbe invece chiedersi se due schede in CrossFire non siano un'opzione migliore rispetto a una R9 Fury X. Certo non ci sarebbero motivi d'ansia legati a soli 4GB per giocare a 4K, ma la sfida in questo caso è di natura più pratica. R9 390 e 390X sono tra le schede che producono maggior calore: il dissipatore DirectCU 3 fa un eccellente lavoro nel raffreddare l'hardware, ma c'è comunque bisogno di espellere il calore dal case. Oltre a un alimentatore capace, è quindi necessario avere un case di dimensioni ragguardevoli e dotato di molte ventole.

A risoluzione 4K, le nuove schede Hawaii fanno registrare il vantaggio maggiore rispetto alle GPU Maxwell di seconda generazione, ma la realtà è che nessuno di questi prodotti è abbastanza potente da permettere di giocare con impostazioni molto alte.

3840x2160 (4K) R9 390 R9 390X GTX 970 GTX 980 R9 290 R9 290X
The Witcher 3, High, HairWorks Off, AA Custom 26.8 29.1 22.8 27.7 23.7 26.1
Battlefield 4, High, Post-AA 42.3 44.5 39.5 46.8 37.2 39.6
Crysis 3, High, SMAA 38.5 40.2 31.9 39.0 33.8 36.1
Assassin's Creed Unity, Very High, FXAA 21.0 22.7 18.4 21.8 17.7 18.7
Far Cry 4, Very High, SMAA 40.8 44.4 30.0 36.1 34.2 37.4
Ryse: Son of Rome, Normal, SMAA 35.0 37.8 25.7 31.5 31.2 34.0
Shadow of Mordor, High, Texture High, FXAA 43.8 50.1 35.3 42.4 41.0 44.8
Tomb Raider, Ultra, FXAA 46.6 51.4 39.0 47.1 41.3 45.9

Nella nostra recensione della Radeon R9 390X non ci siamo cimentati nell'overclocking a causa dei livelli estremi di consumo e riscaldamento. La situazione è simile anche in questo caso, anche perché ASUS ha già applicato un OC di 50MHz di fabbrica. Insieme all'OC fino a 4.6GHz della nostra CPU, il consumo del sistema con la R9 390 è arrivato a 560W (!) e abbiamo avuto problemi di stabilità cno la scheda fino a dover abbassare le velocità di clock per rilevare il giusto limite. Anche le temperature erano da incubo: abbiamo raggiunto gli 85° con il dissipatore DirectCU 3 su un sistema di test aperto.

Abbiamo trovato la giusta stabilità a 1100MHz, 100MHz in più rispetto al modello reference, 50MHz in più dell'OC di fabbrica. È un incremento relativamente piccolo, ma supportato da un corposo boost di 600MHz agli 8GB di GDDR5. Ciò si traduce però in un miglioramento di appena il 5-7% rispetto alle velocità fornite dalla configurazione con OC di fabbrica. La GTX 970 ha molto di più da offrire a seconda del gioco preso in esame, e c'è una differenza enorme in termini di efficienza.

I dati sui consumi più in basso illustrano il prezzo pagato da AMD per recuperare su Nvidia: sotto sforzo nelle stesse condizioni, sia in configurazione di base che in OC, la R9 390 consuma molta più energia ed emette molto più calore rispetto alla GTX 970. La differenza va da 170W a 190W: immensa.

crysis
Consumo e calore generato sono gli ostacoli più grandi per R9 390 e 390X. Queste schede possono essere overclockate, ma non di molto se si vuole che restino stabilit. Questa scena di Crysis 3 è ottima per testare la stabilità dell'overclock e il consumo massimo durante il gameplay.
R9 390 R9 390 OC GTX 970 GTX 970 OC
Assorbimento massimo 447W 486W 277W 291W

AMD Radeon R9 390 8GB - il verdetto del Digital Foundry

Prima dell'arrivo della R9 390 era difficile consigliare altre schede rispetto alla GTX 970 in questa fascia di prezzo. La nuova scheda si batte in maniera convincente, e i due prodotti offrono punti di forza e vulnerabilità diverse.

La R9 390 riconquista il primato relativo alle prestazioni in questo settore di mercato (almeno a velocità reference), ed evita qualsiasi preoccupazione relativa alla VRAM offrendo 8GB di GDDR5. Può essere che non se ne abbia mai il bisogno, ma è rassicurante sapere che ci sono. Dal canto suo, Nvidia continua a fare il suo con un migliore supporto per i driver (date un'occhiata ai picchi di latenza delle schede AMD in The Witcher 3), funzioni più utili a livello GPU ed efficienza energetica molto migliore. La GTX 970 è fisicamente più piccola in molte delle sue versioni, scalda parecchio di meno e offre un innegabile potenziale di overclocking. In queste aree AMD non è in competizione, ma forse non ha bisogno di esserlo in un settore in cui quel che conta sono le prestazioni di base.

La scheda di Nvidia ha cambiato tutto nella sua fascia di prezzo, e la R9 390 8GB restituisce finalmente al mercato un prodotto concorrente di AMD. È vero che la scheda non può surclassare i punti di forza della GTX 970, ma è migliore nel punto debole percepito della rivale di Nvidia, offrendo 8GB di memoria GDDR5. Il confronto è affascinante, ma il vero vincitore è il consumatore che ora ha due prodotti tra cui scegliere in un segmento di mercato cruciale.

Leggi la nostra guida al punteggio

Vai ai commenti (41)

Riguardo l'autore

Richard Leadbetter

Richard Leadbetter

Technology Editor, Digital Foundry

Rich has been a games journalist since the days of 16-bit and specialises in technical analysis. He's commonly known around Eurogamer as the Blacksmith of the Future.

Contenuti correlati o recenti

eFootball PES 2021 perde le licenze di Inter e Milan

La Serie A del gioco perde altri due club.

Test Drive Unlimited Solar Crown annunciato durante il Nacon Connect

Unirà la fisica moderna alla libertà di progresso e alla competizione.

Articoli correlati...

Commenti (41)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza