Nvidia GeForce GTX 980 Ti - recensione

Più economica della Titan X, con prestazioni virtualmente identiche.  

Sapevamo che sarebbe arrivata, ma la velocità con cui è giunta tra noi ci ha colto di sorpresa. La stupefacente Titan X di Nvidia, basata sul processore GM200 da 8 miliardi di transistor, ha ridefinito i limiti delle GPU lo scorso marzo. Immaginate il modello di punta dell'azienda, la GTX 980, combinata con una GTX 960 e dotata di 12GB di memoria GDDR5 a 7gbps e avrete una notevole conquista tecnologica. L'unico problema era il prezzo di oltre €1.000. La nuova GTX 980 Ti è una versione leggermente più limitata dello stesso prodotto, e offre il 98% delle prestazioni al 65% del prezzo.

Non è un cattivo risultato considerando i compromessi a cui è scesa Nvidia. I 3072 core della Titan X sono stati ridotti del 9% e due shader clusters disabilitati ottenendo un totale di 2816 stream processors. Per estensione sono state ridotte anche alcune texture mapping units, scese da 196 a 176. Il taglio maggiore, considerando l'attuale panorama videoludico, è forse il meno significativo, riguarda la memoria che è scesa da 12GB a 6GB. La velocità di memoria e clock core e boost è però rimasta identica, e a differenza di quanto accaduto con la GTX 970, i tagli non hanno influenzato ROP o banda, che invariati rispetto a quelli della Titan X. Per essere chiari, stavolta non ci sono inghippi di memoria suddivisa.

Le schede grafiche lavorano per natura in parallelo, distribuendo il carico di lavoro su quanti più core possibile. È quindi ragionevole dedurre che il 9% di potenza di calcolo in meno si traduca in un calo simile nelle prestazioni. La potenza di calcolo è però solo un elemento dell'equazione, e visto che la scheda incontra apparentemente già altri colli di bottiglia nel sistema (driver, DX11 o CPU), la realtà è che la GTX 980 Ti è virtualmente intercambiabile con la sua più costosa sorella maggiore.

In un paio di occasioni durante i nostri test, la 980 Ti è sembrata in realtà leggermente più veloce della Titan X, cosa ovviamente impossibile in teoria ma possibile in pratica quando due schede con così tanta potenza di calcolo si scontrano con altri limiti del sistema. Non è cosa da poco considerando che il nostro sistema di test utilizza un Core i7 4790K overclockato a 4.6GHz con 16GB di RAM DDR3 a 1600MHz. Inoltre, come l'intera linea Maxwell, la GTX 980 Ti si presta decentemente all'overclocking: non solo se ne possono incrementare le velocità per eguagliare quelle della Titan X, ma si può andare ben oltre le sue performance di base.

Le similitudini con la scheda di punta non si fermano alle specifiche. A parte uno schema di colori più in linea con il resto della linea GeForce, la GTX 980 Ti vanta lo stesso guscio di alta qualità e l'eccellente dissipatore della Titan X. Il TDP di 250W è lo stesso, con la medesima necessità di connettori a sei e otto pin per l'alimentazione, e le uscite video sono identiche: una DVI dual-link, tre DisplayPort, e una HDMI 2.0 che permette un throughput a 4K e 60Hz.

Tutto ciò è affascinante, ma ciò per cui siete qui sono le prestazioni, la conferma che potete godere di potenza di rendering a livello della Titan X senza pagare così tanto per averla. Cominciamo con il nostro test standard di gameplay, aggiornato per questa nuova fascia alta di hardware grafico. Abbiamo fatto girare Crysis 3 a impostazioni grafiche massime, con le migliori texture possibili e anti-aliasing SMAA T2x. Fino all'arrivo della Titan X abbiamo effettuato questi test a risoluzione 1080p, ma è chiaro che questo non porterà al limite il nuovo hardware di Nvidia, per cui siamo passati a 2560x1440.

Un benchmark standard prevede la disabilitazione della sincronia verticale e il far girare il gioco il più velocemente possibile (e più giù nella pagina, se siete interessanti, abbiamo test di questo tipo). Secondo noi, invece, l'esperienza di gameplay ottimale implica l'eguagliare la risoluzione nativa del proprio monitor e la sua frequenza di aggiornamento. In breve, vogliamo un frame-rate il più vicino possibile a 60fps costanti mantenendo la risoluzione 1440p in questo esigente gioco.

I risultati? Beh, tra la nuova scheda e la più potente Titan X c'è appena una deviazione dello 0,79% dal frame-rate a cui puntiamo, un valore che rientra nei margini d'errore. La GTX 980 Ti non riesce a mantenere i 60fps per appena il 3,35% della durata del test, contro il 20,66% della GTX 980; la Titan X resta in testa al gruppo con appena il 2,56% di fotogrammi perduti. Visto che questi playthrough non sono totalmente identici, è chiaro che c'è bisogno di un esame più attento al gameplay in movimento per rilevare le differenze tra le due schede con chip GM200.

Nei nostri test sul gameplay di Crysis 3, l'idea non è di ottenere i frame-rate più alti possibile, ma piuttosto di sincronizzare quanto più possibile il gioco in termini di risoluzione e aggiornamento, in questo caso 2560x1440 e 60Hz. Abbiamo usato le impostazioni più alte disponibile, con texture very high, anti-aliasing SMAA T2x e sincronia verticale abilitata.

Crysis 3 - Gameplay a 1440p60 con V-Sync GTX 980 Ti GTX Titan X GTX 980
Frame-Rate minimo 44.0fps 44.0fps 31.0fps
Fotogrammi perduti (da un totale di 18650) 624 (3.35%) 477 (2.56%) 3852 (20.66%)

La GTX 980 Ti non è stata ideata per far girare videogiochi a 1080p, e come detto nella nostra recensione della Titan X, è a questa risoluzione che il vantaggio nei confronti della GTX 980 è al minimo. Sui nove giochi testati, c'è un incremento di prestazioni di appena il 24,8% rispetto alla GTX 980 reference, un valore che probabilmente cala di molto se possedete (o volete acquistare) una scheda terze parti come l'eccellente GTX 980 Strix di ASUS o l'altrettanto impressionante modello MSI Gaming 4G.

Gli incrementi maggiori si verificano in giochi ben ottimizzati che lasciano a disposizione parecchia potenza di calcolo della CPU: Ryse e Shadow of Mordor sono più veloci del 29%, e Tomb Raider e Crysis 3 non sono troppo distanti da questi valori. Il gioco meno migliorato del gruppo è Far Cry 4, con un incremento del 15,8% che potrebbe avere qualcosa a che fare con l'eccessiva dipendenza da un singolo thread della CPU.

Per molti, comunque, l'elemento più rilevante è il confronto con la Titan X. Facendo la media su tutti i titoli alle velocità di base, la GTX 980 Ti fornisce il 98,6% delle prestazioni della Titan X, e non un singolo gioco è sceso sotto la soglia del 97%. Parleremo dell'overclocking più avanti, ma come potete vedere la GTX 980 Ti riesce con esso a superare le performance della scheda di punta ferma a velocità di base (ovviamente, anch'essa può essere overclockata). Detto ciò, a 1080p non si ottiene il massimo dall'OC: l'incremento medio è dell'11,2%, con un massimo del 14% in Battlefield 4 e Shadow of Mordor. Dato che abbiamo aumentato la velocità di 220MHz la velocità di clock del core e di di 400MHz quella della RAM, non è esattamente un grande risultato.

1080p è la risoluzione più popolare per il gioco, ma GTX 980 Ti e Titan X sono poco sfruttate con essa, e vengono spesso limitate da colli di bottiglia e driver. È una cattiva notizia per chi vuole usare queste schede al fine di aumentare il refresh su monitor full HD.

1920x1080 (1080p) R9 290 R9 290X GTX 970 GTX 980 GTX 980 Ti GTX 980 Ti OC Titan X
The Witcher 3, Ultra, HairWorks Off, AA Custom 46.4 50.5 56.0 65.8 82.6 92.1 84.4
Battlefield 4, Ultra, 4x MSAA 64.3 68.0 74.6 86.5 109.9 125.4 112.4
Crysis 3, Very High, SMAA 65.4 70.2 71.4 81.5 104.0 115.5 105.2
Assassin's Creed Unity, Ultra High, FXAA 38.0 42.6 51.7 62.4 74.4 84.3 74.7
Far Cry 4, Ultra, SMAA 72.2 75.0 77.4 87.4 101.2 103.0 101.4
COD Advanced Warfare, Extra, FSMAA 90.5 92.9 117.8 128.0 156.8 173.1 159.9
Ryse: Son of Rome, High, SMAA 69.2 74.8 65.1 75.8 97.8 109.5 99.2
Shadow of Mordor, Ultra, Texture High, FXAA 82.8 88.3 80.8 91.7 118.5 135.4 119.0
Tomb Raider, Ultimate, FXAA 84.1 89.0 102.4 118.2 150.1 168.2 150.3

A 2560x1440, il divario con la GTX 980 aumenta ulteriormente man mano che i vantaggi del bus di memoria a 384-bit entrano maggiormente in gioco. Gli incrementi prestazionali variano ancora una volta, con dati deludenti in Assassin's Creed Unity, Advanced Warfare e Far Cry 4, che si aggirano sul 22-23%. BF4, Crysis 3 e Ryse superano però la soglia del 30%, alla quale The Witcher 3 e Tomb Raider si avvicinano parecchio.

A risoluzione 1440p l'overclock raggiunge il livello ottimale di prestazioni, con una media sui nove giochi del 15,6% in più di fotogrammi (ACU si pone in coda al gruppo con il 12,6%, Tomb Raider in testa con il 18,4%. Tenendo presente che l'efficacia della GTX 980 cala all'aumentare della risoluzione, questi risultati sono prevedibili ma nondimeno piacevoli.

Il fatto che la nuova scheda sia dotata della stessa banda di memoria della Titan X potrebbe spiegare l'eccellente prestazione, con risultati identici delle due schede GM200 su Shadow of Mordor. In tutti I giochi, la GTX 980 Ti ha fornito il 98% delle prestazioni della Titan Xm un valore appena in calo rispetto alle prove effettuate a 1080p, ma ancora una volta nessun gioco è sceso sotto la soglia del 97%.

In termini di pixel count, impostazioni qualitative e potenziale d'overclocking, sembra che la risoluzione 2560x1440 sia la migliore per le capacità della GTX 980 Ti.

2560x1440 (1440p) R9 290 R9 290X GTX 970 GTX 980 GTX 980 Ti GTX 980 Ti OC Titan X
The Witcher 3, Ultra, HairWorks Off, AA Custom 35.3 38.2 39.2 47.5 61.7 70.9 63.3
Battlefield 4, Ultra, 4x MSAA 43.4 46.8 48.9 57.0 75.0 86.7 76.1
Crysis 3, Very High, SMAA 42.0 45.1 43.0 50.0 66.2 75.7 68.0
Assassin's Creed Unity, Ultra High, FXAA 26.6 29.5 32.8 39.4 48.3 54.4 49.6
Far Cry 4, Ultra, SMAA 53.2 57.8 53.9 61.3 75.4 86.9 77.0
COD Advanced Warfare, Extra, FSMAA 77.2 81.5 87.0 98.2 121.3 139.4 123.2
Ryse: Son of Rome, High, SMAA 51.8 55.6 46.3 54.1 71.2 83.3 72.8
Shadow of Mordor, Ultra, High Textures, FXAA 61.3 65.7 57.0 66.0 87.2 101.8 87.2
Tomb Raider, Ultimate, FXAA 56.9 62.4 65.5 76.7 99.2 117.2 101.9

Passando alle risoluzioni 4K, è qui che le schede basate su GM200 staccano agevolmente la GTX 980: il bus di memoria a 384-bit si fa valere e si pone in molti sensi al centro della scena. Assassin's Creed Unity risulta superiore del 22% ma è un caso isolato, con una media di incrementi superiore del 30% rispetto alla GTX 980. Più importante dei numeri è l'esperienza di gameplay: con un po' di aggiustamenti delle impostazioni, tutti i titoli (con l'eccezione di ACU) sono ampiamente giocabili a questa risoluzione estrema, e alcuni di essi si avvicinano anche a 60fps.

L'importanza della banda di memoria è testimoniata dal fatto che la GTX 980 Ti sembra avvicinarsi ancora di più alle prestazioni della Titan X che a 1440p, al punto da superarla appena in alcune occasioni: rientra tutto nel margine di errore in titoli nei quali la causa potrebbe essere un collo di bottiglia della CPU, ed è indicativo di quanto le due schede siano simili in condizioni reali. Bisogna menzionare anche i minori ritorni dell'overclock, con un incremento medio del frame-rate di appena il 10%.

È comunque qui che la GTX 980 Ti trova la sua dimensione. Abbinate alla nuova scheda uno dei prossimi monitor 4K G-Sync e potreste avere una combinazione vincente, ma il recente annuncio di uno schermo curvo 21:9 da 34” di Acer, l'XR341CKA (abilitato G-Sync) potrebbe valorizzare veramente la GM200. La risoluzione del monitor è di 3440x1440, vale a dire il 60% dei 4K, ma la visuale più ampia e la densità di pixel meno estrema lo rendono ottimo per lavoro e gioco (e per aggirare il fiacco scaling di Windows). Ovviamente sono disponibili altri pannelli a '3.4K', ma per quanto ne sappiamo quello di Acer è l'unico a supportare G-Sync.

L'importanza della banda di memoria eclissa la potenza degli shader a 4K, e rende il divario tra Titan X e GTX 980 Ti ancora meno pronunciato.

3840x2160 (4K) R9 290 R9 290X GTX 970 GTX 980 GTX 980 Ti GTX 980 Ti OC Titan X
The Witcher 3, High, HairWorks Off, AA Custom 23.6 26.0 22.8 27.7 36.9 40.7 37.5
Battlefield 4, High, Post-AA 36.9 39.4 39.5 46.8 61.0 69.6 61.3
Crysis 3, High, SMAA 33.9 36.0 31.9 39.0 52.5 59.7 52.4
Assassin's Creed Unity, Very High, FXAA 16.6 18.1 18.4 21.8 26.5 29.0 27.4
Far Cry 4, Very High, SMAA 33.3 36.0 30.0 36.1 47.1 50.9 46.7
COD Advanced Warfare, Console Settings, FXAA 60.2 62.1 59.6 69.0 86.9 96.9 90.8
Ryse: Son of Rome, Normal, SMAA 31.2 34.0 25.7 31.5 41.7 45.6 42.2
Shadow of Mordor, High, Texture High, FXAA 41.5 44.8 35.3 42.3 54.8 59.7 54.8
Tomb Raider, Ultra, FXAA 37.6 41.0 39.0 47.0 61.3 66.0 64.6

Dopo le prestazioni, parliamo di temperature, rumore e overclocking. Come previsto, la GTX 980 Ti è effettivamente molto simile alla Titan X, compreso il 'coil whine' intermittente e la sua tendenza di assestarsi sugli 80° sotto carico. A velocità di base, la scheda è molto silenziosa con il dissipatore reference, e inizia a sentirsi solo quando si inizia con l'overclocking.

Parlando di overclocking, abbiamo scoperto che la 980 Ti è capace di sostenere velocità nell'ambito dei 1400MHz con boost attivo. Siamo riusciti a raggiungere questo valore aumentando l'assorbimento di potenza al 110%, aggiungendo 220MHz al clock di base e 400MHz alla RAM (arrivando a un totale di 7.8gbps). Nei nostri test della Titan X non avevamo accesso all'over-volting, ma la funzione è ora disponibile in MSI Afterburner e funziona anche con la GTX 980 Ti. Purtroppo, i 1400MHz sembrano essere il limite della scheda: non siamo riusciti ad andare oltre senza causare evidenti instabilità. Ricordate che il GM200 è un chip relativamente grande, e solitamente c'è meno margine di overclock all'aumentare delle dimensioni. In più l'overclock della memoria è risultato leggermente meno efficace di quello dei nostri test con la Titan X, in cui siamo riusciti a raggiungere i 465MHz.

L'assorbimento di potenza resta impressionante, e ancora una volta quasi identico a quello della scheda GM200 superiore: abbiamo raggiunto un picco di 362W assorbiti durante la sequenza di benchmark di Metro Last Light a 1440p e impostazioni massime. Il valore è quasi identico a quello della molto meno prestante Radeon R9 290X e mette in luce ancora una volta l'eccellente efficienza energetica dell'architettura Maxwell, anche nei prodotti più capaci.

R9 290 R9 290X GTX 970 GTX 980 GTX 980 Ti GTX 980 Ti OC Titan X
Assorbimento energetico masimo 340W 363W 265W 265W 362W 396W 364W

Nvidia GeForce GTX 980 Ti - il verdetto del Digital Foundry

L'arrivo della GTX 980 Ti smuove i prezzi della lineup di GPU di Nvidia. La GTX 980 (che è ancora una scheda molto buona) scende di prezzo, ma la GTX 970 resta stabile. In un mondo in cui il prezzo non tende a scalare linearmente nella fascia più alta del mercato, con la 980 Ti si hanno prestazioni superiori di circa il 30% rispetto alla 980 Ti con un aumento di costo comparabile. Resta comunque il fatto che GTX 980 e GTX 980 Ti sono all'estremità più alta della fascia di prezzo. Quanto a lungo vi resteranno dipende dalla potenza e dal prezzo delle nuove schede Radeon di AMD.

Nel frattempo, la nuova GTX 980 Ti resterà fuori della portata di molti giocatori. È bene ricordare che i prodotti estremi di oggi sono il mainstream di domani. Una volta la Titan originale e le schede che ne sono derivate erano costose come le attuali schede di punta di Nvidia. All'arrivo della seconda generazione dell'architettura Maxwell (e in particolare con il debutto della GTX 970) i prezzi sono crollati. Senza dubbio vedremo accadere la stessa cosa a tempo debito.

Per ora, mentre i veri salti generazionali nella potenza di calcolo delle CPU sembrano pochi e distanziati tra loro, è stupendo vedere che la ricerca di hardware grafico sempre più potente è pienamente attiva. Resta da vedere se queste nuove GPU verranno pienamente sfruttate (abbiamo veramente bisogno delle DX12), e non possiamo che reputare il GM200 capace di qualcosa di più, ma ciò non può sminuire i molti punti di forza del prodotto.

Quindi, dovreste comprare una GTX 980 Ti o no? Come direbbe Ferris Bueller, "se potete farlo, vi consiglio vivamente di prenderne una”, ma tenete presente che i vantaggi alle risoluzioni più basse sono limitati, e forse è meglio attendere fino a che verranno rivelati le prestazioni e il prezzo delle alternative AMD.

Leggi la nostra guida al punteggio

Vai ai commenti (23)

Riguardo l'autore

Richard Leadbetter

Richard Leadbetter

Technology Editor, Digital Foundry

Rich has been a games journalist since the days of 16-bit and specialises in technical analysis. He's commonly known around Eurogamer as the Blacksmith of the Future.

Contenuti correlati o recenti

eFootball PES 2021 perde le licenze di Inter e Milan

La Serie A del gioco perde altri due club.

Test Drive Unlimited Solar Crown annunciato durante il Nacon Direct

Unirà la fisica moderna alla libertà di progresso e alla competizione.

Articoli correlati...

Commenti (23)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza