Come gira Overwatch su PC di fascia bassa? - articolo

Il Digital Foundry punta a 60fps con schede grafiche economiche.

Come si comporta Overwatch sui PC di fascia più bassa? Blizzard è sempre stata bravissima nell'ottimizzare su PC, e ha sempre offerto impostazioni grafiche indirizzate a un'ampia gamma di configurazioni. È una questione importante per chi non possiede una macchina potente ma vuole giocare il nuovo shooter di Blizzard a 60fps. Per fortuna, Overwatch si adatta molto bene a una vasta serie di CPU e schede grafiche economiche.

Prendiamo come esempio il nostro PC economico. Il nostro test in basso è stato eseguito con un processore Core i3 4130, 16GB di RAM e una GTX 750 Ti overclockata, acquistabile a poco più di €100. Non è affatto una macchina potente, eppure riesce a reggere 60-90fps con impostazioni medie, rendendo l'esperienza potenzialmente sostenibile a 60fps fissi. In questo caso puntiamo a una risoluzione di 1080p, con tutte le impostazioni forzate manualmente al valore medio, lo scaling al 100% e solo il filtering delle texture portato a livello epico.

La GTX 750 Ti regge in maniera convincente, anche se le abbiamo dato una spintarella per aiutarla. Abbiamo fatto ricorso a un leggero overclock tramite l'utility gratuita Afterburner di MSI, aumentando la velocità di clock di 200MHz e quella della memoria di 400MHz. Questa scheda viene spesso venduta con un overclock di fabbrica. Con o senza questo extra, comunque, il risultato è molto buono a 60fps, e chi possiede schede simili può essere fiducioso.

Overwatch gira fluidamente anche sui PC di fascia bassa. Qui lo giochiamo sulla nostra macchina con Core i3 4130, abbinato a GTX 750 Ti e R7 360.

Possiamo spingere la grafica ancora oltre? Anche a impostazioni medie, il gioco beneficia della solita, forte direzione artistica di Blizzard, e gli utenti PC non resteranno delusi. Abbiamo giocato con la combinazione i3/750 Ti a queste impostazioni, e personaggi esplosivi come Junkrat e Bastion hanno causato a malapena un rallentamento negli scenari peggiori. Portando tutte le impostazioni ad high, il frame-rate scende però inevitabilmente a 50-70fps, rendendo impossibile mantenere l'aggiornamento a 60fps.

In altre parole, con impostazioni medie a 1080p su una GTX 750 Ti c'è un buon equilibrio tra grafica e prestazioni. Per offrire una prospettiva differente, Robert Purchese ci ha dato una mano nel provare il gioco sulla sua macchina dotata di AMD FX-6300, dotata di 8GB di RAM e una GTX 760, leggermente più potente della scheda precedente. In questo caso il gioco gira bene a 65-80fps con le stesse impostazioni medie e 1080p, ma con illuminazione, nebbia e riflessi portati ad high.

Per variare le cose, abbiamo anche provato ad abbinare una R7 360 di AMD con il nostro i3 4130, overclockando stavolta il core a 1200MHz e la memoria a 1800MHz. Curiosamente questa configurazione offre prestazioni inferiori rispetto a quella con la GTX 750 Ti nello stesso scenario (impostazioni medie e 1080p), producendo un frame-rate tra 50-80fps. Una soluzione è di abbassare lo scaler della risoluzione all'88%, forzando il gioco a eseguire un upscaling da risoluzione inferiore. In alternativa si può lasciare invariato lo scaling e diminuire la qualità di nebbia, riflessi e ombre a low. In questo modo si torna a un frame-rate di 60fps minimi con la R7 360.

In generale ciascun PC provato ha fornito prestazioni notevoli, vista l'azione frenetica sullo schermo. È un altro esempio del lavoro stellare di ottimizzazione svolto da Blizzard per le macchine di fascia bassa, e della flessibilità delle impostazioni che permettono di adattarsi a vari punti deboli. L'impressione iniziale è ottima e in seguito torneremo con un'analisi completa delle prestazioni di Overwatch su una serie più ampia di hardware, alla ricerca dei 60fps.

Vai ai commenti (9)

Riguardo l'autore

Thomas Morgan

Thomas Morgan

Senior Staff Writer, Digital Foundry

32-bit era nostalgic and gadget enthusiast Tom has been writing for Eurogamer and Digital Foundry since 2011. His favourite games include Gitaroo Man, F-Zero GX and StarCraft 2.

Contenuti correlati o recenti

Fortnite: un grandissimo successo per la prima Open Fiber Cup

Una straordinaria partecipazione con oltre 5.200 iscritti provenienti da ogni parte d'Italia.

Esport Club lancia la prima palestra virtuale per i giocatori

L'interessante iniziativa è dedicata a tutti, dai casual gamer ai pro player.

Articoli correlati...

Esport Club lancia la prima palestra virtuale per i giocatori

L'interessante iniziativa è dedicata a tutti, dai casual gamer ai pro player.

David Beckham è ora co-proprietario di un team eSport

L'ex stella del Manchester United entra nel mondo del gaming professionistico.

Commenti (9)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza