Videogiochi in Cina: nuove pesanti restrizioni contro le microtransazioni

Un problema serio evidentemente per la Cina.

Cina e videogiochi sembrano non andare d'accordo, nonostante posseggano gran parte del mercato soprattutto grazie a Tencent. Dopo la questione relativa alle ore passate davanti lo schermo, arriva un'altra direttiva, stavolta rivolta verso le microtransazioni, più croce che delizia dei videogiochi contemporanei e su cui la Cina si è scagliata come fosse una piccola nazione confinante.

I cittadini cinesi hanno dunque nuove regole e mentre qualcuno potrebbe pensare alla "dittatura videoludica", la situazione può risultare quasi paradossale. In sostanza le regole vogliono che i bambini sotto gli otto anni non possano effettuare acquisti digitali, cui si aggiunge per la fascia 9-16 anni, il limite di spesa a circa 7€ a transazione e di 27€ circa al mese.

La cifra sale nella fascia d'età che va dai 17 ai 19, con 13€ a disposizione per transazione e 53€ al mese. Anche le aziende che si troveranno ad approfittare delle microtransazioni potrebbero passare guai molto grossi, e qui sorge un problema: la maggior parte di titoli con microtransazioni, è cinese. Insomma, la classica "zappa sui piedi" che potrebbe diventare mannaia, in territorio cinese.

Fonte: pledgetimes.com

Vai ai commenti (4)

Riguardo l'autore

Marcello Ribuffo

Marcello Ribuffo

Redattore

Contenuti correlati o recenti

Xbox permette di giocare ai giochi Steam grazie a GeForce Now

Arriva il supporto a Edge di GeForce Now, che amplia la libreria Xbox.

Nintendo Switch Pro sarebbe inutile, 'Switch non ha bisogno di un hardware migliore'

Nintendo Switch Pro commentato dagli sviluppatori di World War Z.

Fortnite, Valorant e PUBG sono i giochi con il più alto tasso di bullismo e tossicità

La community di giochi di Fortnite e non solo sotto la lente d'ingrandimento di uno studio.

Articoli correlati...

Commenti (4)

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza