Konami vuole che gli sviluppatori indie creino giochi ispirati ai suoi franchise storici

Konami guarda sempre più all'outsourcing?

Konami ha annunciato ufficialmente l'apertura di un particolare contest che propone a sviluppatori minori e indipendenti di creare videogiochi ispirati direttamente ad alcuni classici, come ad esempio Gradius, Ganbare Goemon e molti altri.

Il cosiddetto Action & Shooting Game Contest, pensato anche in occasione del 35simo anniversario del Konami Code, è già in corso e si terrà dal 30 settembre 2021 al 6 gennaio 2022, in collaborazione con Shueisha Game Creators CAMP. Le regole permettono agli sviluppatori di spaziare, scegliendo se creare remake o sequel dei titoli in elenco, hanno la possibilità di scegliere personaggi o meccaniche dai giochi storici, utilizzandole o evolvendole all'interno del loro progetto, combinando anche generi a loro piacimento.

1

Sono stati elencati ben 80 diversi videogiochi storici tra cui sarà possibile "pescare", come i già citati Gradius e Ganbare Goemon, oltre che Star Soldier, Twinbee, Knightmare e molti altri. L'elenco completo può essere consultato sulla pagina ufficiale del contest.

Perché tenere d'occhio questo evento? La risposta è che attraverso questa particolare iniziativa, potrebbero anche emergere prodotti interessanti, che Konami potrebbe decidere di pubblicare e mettere in commercio.

Fonte: IGN

Contenuti correlati o recenti

Bandai Namco fonda GYAAR Studio, una nuova etichetta di videogiochi indie

Lo studio di Bandai Namco ha annunciato Survival Quiz CITY come primo titolo.

Steam Next Fest è qui con centinaia di demo e approfondimenti su tanti giochi da non perdere

L'evento online di Steam ai blocchi di partenza, è di nuovo tempo di Steam Next Fest.

Impostor Factory: il terzo gioco della serie To the Moon è finalmente disponibile

Impostor Factory è il nuovo tassello dello splendido To the Moon.

The Long Dark: l'avventura survival 'sotto zero' sta per ricevere il quarto episodio

Una data di uscita per il quarto episodio di The Long Dark.

Articoli correlati...

JETT: The Far Shore - recensione

Un'opera sci-fi fra scienza e spiritualità.

Outer Wilds: Echoes of the Eye - recensione

Una delle più belle esperienze indie di sempre si espande con uno splendido DLC.

Sable - recensione

Un viaggio scritto nel destino tra Journey e Breath of the Wild.

Articolo | I 20 migliori videogiochi indipendenti

Venti opere indie capaci di scardinare i preconcetti e competere con i grandi dell'industria.

Commenti (0)

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza