Mass Effect 5: Analisi e teorie sull'affascinante immagine teaser

Un momento... quello è un geth?!

Nel corso di una tranquilla celebrazione dell'N7 Day, la giornata dedicata a tutti i fan di Mass Effect, BioWare ha rivelato un brillante teaser per il prossimo capitolo della sua saga fantascientifica.

Un'immagine dettagliata è stata infatti pubblicata su Twitter e, subito dopo, è apparsa anche sul sito web di EA in alta definizione. Inutile dire che questa mossa a sorpresa non ha fatto altro che gettare benzina sul fuoco delle speculazioni tra i fan di tutto il mondo, che si sono subito lanciati nell'analisi di ogni singolo pixel.

Mass Effect continuerà...

Ad una prima occhiata l'immagine ritrae un cratere da impatto visto dall'alto, con una nave molto simile a quelle dell'immaginario tipico di Mass Effect parcheggiata proprio sotto. Quattro figure sembrano essere uscite dalla nave per avvicinarsi al luogo dello schianto e a un pezzo di detrito di fronte.

1

Prima di tutto, diamo un'occhiata alla zona interessata dall'impatto. L'intera forma dell'immagine sembra deliberatamente progettata per sembrare la testa di un geth (a ben vedere, in effetti, quei detriti di fronte al cratere sulla destra sembrano essere un cadavere geth sdraiato su un fianco).

L'oggetto al centro del cratere sembra metallico e potrebbe avere dei segni incisi sopra. Si tratta di una nave precipitata o di un enorme foro di proiettile galattico causato da un'antica guerra? E perché l'area al centro sembra così fresca? È stata scavata di recente?

2

Inquadrando le figure di fronte alla nave, dalla loro forma appare chiaro che uno è un krogan. L'armatura del krogan è rossa, un fattore che per alcuni fan potrebbe suggerire che si tratta di Wrex. A livello cronologico potrebbe funzionare? I krogan possono vivere fino a 1000 anni, quindi sì, anche se ciò significherebbe che BioWare ha scelto di rendere canonico un intreccio narrativo in cui Wrex è sopravvissuto agli eventi della trilogia.

È difficile distinguere le altre figure ma le loro armature sembrano avere i colori bianco, blu e grigio dell'Iniziativa Pathfinders/Andromeda. Bizzarro.

3

Passando alla nave, si tratta chiaramente un nuovo design, mai visto prima nella serie (anche se il profilo ricorda quello della Normandy e della Tempest). Alcuni artwork pubblicati in precedenza hanno mostrato un veicolo più piccolo e dall'aspetto più robusto che BioWare ha soprannominato "Mudskipper". È chiaro, tuttavia, che non si tratti di questo.

Il suggerimento, quindi, è che questa sia la nave principale con cui i giocatori potranno esplorare il prossimo gioco della serie, magari in una fase avanzata, dopo aver acquisito un po' più di libertà. Potrà anche attraversare lo spazio tra le galassie per consentire il salto tra la Via Lattea e Andromeda? Forse ma non senza l'impiego di qualche altra tecnologia a noi sconosciuta.

4
La precedente imbarcazione, 'Mudskipper'

Ingrandendo ulteriormente l'immagine possiamo notare quelli che sembrano cannoni montati sulla parte anteriore della nuova nave, il che è interessante dal momento che la Tempest era molto più di una nave da esplorazione. Inoltre, dal momento che questo gioco sarà apparentemente ambientato in un'epoca successiva alla guerra con i Razziatori, vuol dire che non ci troveremo in un periodo di pace galattica?

Infine, la nave è marchiata con le lettere "SFX" (in modo simile a come la Normandy era indicata come "SR1", che stava per Special Reconnaissance 1). Come il superfan di Mass Effect Shinobi ha sottolineato, questo è probabilmente un richiamo al nome in codice originale del primo Mass Effect di BioWare: SFX.

Alcuni fan sostengono di vedere anche un altro corpo sul bordo del cratere:

Cos'è successo qui? I geth stavano indagando su questo luogo dell'incidente molto prima che la nave SFX apparisse? E perché stiamo tornando ai geth ora, dopo che la loro storia con i quarian è stata conclusa?

Forse questo si collega a ciò che abbiamo scoperto sui geth in Mass Effect Andromeda: stavano usando i relè di massa come telescopi giganti per scrutare le galassie vicine... e forse sapevano più cose sull'universo di quanto avessero lasciato intendere. Il teaser trailer dell'anno scorso implicava pesantemente che la storia del gioco avrebbe presentato elementi di entrambe le galassie, e forse questo è ciò su cui Liara e il suo team stanno indagando ora.

I geth hanno visto anche qualcos'altro mentre scrutavano l'universo di Mass Effect? Qualcosa che ora minaccia sia la Via Lattea che Andromeda? E rivedremo i geth vivi o BioWare sceglierà di canonizzare il finale distruttivo della trilogia?

Tutto ciò che sappiamo per certo del prossimo Mass Effect è che si occuperà dell'universo di gioco molto tempo dopo gli eventi della guerra dei Razziatori (quando Liara è più vecchia) e quindi quando molti altri personaggi della trilogia originale non sono più in circolazione.

BioWare sta mantenendo le cose piuttosto vaghe ma manca ancora molto tempo prima dell'uscita di questo gioco. Il prossimo Mass Effect, qualunque sia il suo nome, non dovrebbe essere lanciato fino a qualche tempo dopo Dragon Age 4, che a sua volta non è previsto per almeno un altro anno.

Vai ai commenti (0)

Riguardo l'autore

Tom Phillips

Tom Phillips

Deputy Editor  |  tomphillipsEG

Tom is Eurogamer's news editor. He writes lots of news, some of the puns and makes sure we put the accent on Pokémon.

Contenuti correlati o recenti

Articoli correlati...

Recensione | Gloomhaven - Dal cartone al digitale il passo è... falso

Il celebre gioco da tavolo arriva in formato digitale.

'The Elder Scrolls VI dovrà essere un gioco decennale' come Skyrim

Todd Howard punta forte su The Elder Scrolls VI.

Project Awakening è vivo e il nuovo video sfoggia un Cyllista Engine che flirta con il fotorealismo

Cygames ci mostra il motore grafico alla base di Project Awakening.

The Elder Scrolls VI potrebbe non uscire prima del 2026

Sarà un'attesa lunghissima per The Elder Scrolls VI?

Commenti (0)

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza