Metroid Dread: Yoshio Sakamoto ci parla del quinto capitolo della serie di Nintendo - anteprima

La fine di un arco narrativo che dura da 35 anni... e ciò che verrà in futuro!

Durante la trasmissione del Direct dell'E3 2021, Nintendo ha voluto premiare i suoi pazienti fan con il tanto atteso ritorno di franchise come WarioWare e Advance Wars e, dopo una lunga attesa, alla fine ha mostrato anche Breath of the Wild 2. Con ogni probabilità, tuttavia, l'annuncio più sorprendente è stato quello di Metroid Dread, un progetto a cui anche i più rodati fan di Metroid avevano rinunciato più di un decennio fa.

Descritto inizialmente come "Metroid 5", Metroid Dread è stata una sorpresa così bella da prendere in contropiede gli appassionati per ben due volte. No, non è Metroid Prime 4 ma è comunque un titolo che è stato liquidato più volte come il più classico dei vaporware. È stato un colpo di genio e la cosa ancora più bella è che mancano pochissimi mesi al suo lancio.

Ma quanto è simile il Metroid Dread che giocherete a ottobre al concetto inscatolato più di dieci anni fa? E perché sta tornando in vita ora? Questa settimana abbiamo partecipato a un meeting su Zoom con Yoshio Sakamoto, il custode dell'essenza 2D di Metroid 2D presso Nintendo, per saperne di più su questo progetto da tempo perduto e su come esso serva da conclusione all'arco iniziato oltre 35 anni fa.

Quando abbiamo chiesto a Sakamoto cosa sia cambiato nello sviluppo dei Metroid 2D rispetto al 2005, le sue prime risposte sono quelle che ci aspettavamo: la potenza grafica e le capacità tecniche del nuovo hardware. Seguito di Metroid Fusion, Dread era originariamente previsto per Nintendo DS. Naturalmente, le cose sono cambiate un bel po' da allora.

Ma ciò che diventa chiaro è anche il ruolo che i madrileni MercurySteam hanno avuto nel dare un futuro a Metroid. Dopo aver attirato l'attenzione dell'industria con la serie Castlevania: Lords of Shadow, MercurySteam ha formato una partnership di successo con Nintendo per produrre il remake del secondo capitolo della serie. Il progetto risultante, Metroid: Samus Returns per 3DS, è stato ben accolto da critica e pubblico ed ha convinto gli sviluppatori a iniziare a progettare il futuro della saga.

"Samus Returns è andato molto bene", ha affermato Sakamoto. "Nel frattempo c'era questo progetto di vecchia data che volevamo realizzare da molto tempo. Una volta confermata l'eccellente collaborazione con MercurySteam, ho sentito che avevamo finalmente trovato il partner ideale per realizzare questo mio sogno nel cassetto".

1
Una scena del prologo di Metroid Dread.

È raro che i prototipi Nintendo cancellati (e ce ne sono parecchi) diventino di dominio pubblico, ma a causa di un misto tra fughe di notizie, dichiarazioni ufficiali e un easter egg sfacciato in Metroid Prime 3: Corruption, il progetto Metroid Dread è stato svelato al grande pubblico, molto tempo dopo che la sua build originale del 2005 è stata cancellata. Un secondo tentativo di realizzare il gioco nel 2008 ha raggiunto lo stadio di prototipo giocabile, mostrato internamente a Nintendo, ma poi non è andato avanti per svariate ragioni. Il concetto, però, è rimasto chiaramente impresso nella mente di Sakamoto... e ora aveva anche un partner di sviluppo collaudato per trasformarlo in realtà!

"15 anni fa, quando ho originariamente concepito il gioco, la storia in sé non era impostata in modo chiaro", ha ricordato Sakamoto. "Era, fondamentalmente, solo un concept. Solo di recente abbiamo finalizzato la storia dettagliata, quindi potete immaginare che quello che avevo concepito 15 anni fa non è lo stesso intreccio che è stato realizzato ora".

"Consisteva in Samus che doveva affrontare un avversario terribile, un'esperienza terrificante ", ha risposto Sakamoto quando gli abbiamo chiesto dettagli sul suo concetto originale. "All'epoca non avevo ancora sviluppato nel dettaglio la trama all'interno della cronologia generale e del background della serie. All'inizio della collaborazione con MercurySteam abbiamo sviluppato ulteriormente nel dettaglio la storia. Posso dire con certezza che il prodotto finale supera quello che avevo originariamente previsto."

Un elemento sorprendente annunciato su Metroid Dread è che questo quinto capitolo segnerà la fine della trama di Samus e la sua connessione con i Metroid parassiti. Questo è il motivo per cui il gioco è stato originariamente descritto come "Metroid 5", in quanto sarà un seguito delle vicende narrate in Metroid, Metroid 2: Return of Samus, Super Metroid e Metroid Fusion. In definitiva concluderà la narrazione della saga iniziata 35 anni fa.

Metroid Dread "segna la conclusione di questo arco narrativo e abbiamo ideato un finale appropriato per dare un giusto epilogo alla storia ", ha dichiarato Sakamoto. Certamente, il gameplay mostrato già durante il Nintendo Treehouse Live dell'E3 include vari collegamenti a Metroid Fusion, come il computer Adam di Samus e un accenno al fatto che l'X Parasite di quel gioco non è stato sradicato. Per coloro che non conoscono la storia di Metroid, Sakamoto ha rivelato che Dread inizierà con un prologo per i neofiti e un riassunto della storia della serie fino ad oggi.

Per quanto riguarda la storia di Dread, beh, sappiamo ancora molto poco. Si svolge su un nuovo pianeta, ZDR, che ospita rovine di Chozo e comodi power-up. Purtroppo per Samus, ZDR è anche sede dei robot EMMI, originariamente inviati dalla Federazione Galattica per indagare sul ritorno del Parassita X. Questi, per ragioni sconosciute, si sono rivoltati contro di lei e agiscono come boss vaganti simili ai Tyrant di Resident Evil che inseguono inesorabilmente Samus in alcune sezioni del gioco. Tuttavia, Sakamoto ha sottolineato che non sono presenti in tutto il gioco: anche l'esplorazione e le tradizionali battaglie con i boss rimangono un punto focale dell'esperienza.

2
EMMI è l'acronimo di Extraplanetary Multiform Mobile Identifier.

Ma se questa è la conclusione dell'arco narrativo principale di Metroid, quale sarà il futuro della serie 2D? È questa la fine per Metroid? È la fine per Samus? Calmatevi, fan di Metroid: è una prospettiva improbabile. "È la conclusione di un arco narrativo", ha detto Sakamoto. "Quello che posso dire in anticipo è che l'avventura di Samus continuerà. Come continuerà? Beh, per prima cosa, credo che se e quando il Dread verrà eliminato, si avrà un'idea chiara. Oltre a questo, continueremo a lavorare sodo per soddisfare le aspettative e continuare a sorprendervi con esperienze di gioco emozionanti".

In una nota più personale, dopo 35 anni di questo arco di Metroid, Sakamoto ha detto che non vede l'ora di esplorare "nuove idee". "Per quanto riguarda i miei progetti", ha detto, "spero di affrontare nuove sfide e di provare un senso di soddisfazione nell'aver raggiunto tutti questi obiettivi".

Vai ai commenti (0)

Riguardo l'autore

Tom Phillips

Tom Phillips

News Editor  |  tomphillipsEG

Tom is Eurogamer's news editor. He writes lots of news, some of the puns and makes sure we put the accent on Pokémon.

Contenuti correlati o recenti

Returnal di Housemarque è una 'mega hit' per Sony

L'esclusiva PS5 ha lasciato il segno.

Horizon Forbidden West dedica un nuovo video al misterioso Sylens

Guerrilla torna a parlare dei personaggi del sequel.

Max Payne compie 20 anni!

Remedy festaggia con un video e Sam Lake diventa Max Payne.

Articoli correlati...

Commenti (0)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza