"Monster Hunter non Ŕ hardcore".

Per i giapponesi il co-op semplifica il gioco.

Ryozo Tsujimoto e Kaname Fujioka, creatori e produttori della serie Monster Hunter, hanno dichiarato che il gioco non è visto come un prodotto hardcore in Giappone, ma semplicemente come un action adventure.

Tsujimoto ritiene che la natura co-op sia la chiave affinchè il gioco venga apprezzato anche dagli utenti meno esperti.

"A dire il vero Monster Hunter non è mai stato visto come una serie hardcore in Giappone. A causa dell'approccio cooperativo, uno o due dei giocatori non devono essere particolarmente esperti, gli altri possono seguirli e condurli sul loro livello. Poichè il gioco non premia la gente in base al contributo e non ci sono sistemi di conteggio dei danni o statistiche su chi abbia ucciso cosa, una volta che una missione è completata chiunque è un vincitore e ottiene una ricompensa analoga. Volevamo che fosse così in modo che i nuovi giocatori potessero entrare ed essere guidati dai cacciatori con maggiore esperienza".

Parlando nel corso di un evento relativo a Monster Hunter Tri tenutosi a Londra, i due hanno parlato del fatto che la serie sia alla ricerca di una nuova audience attraverso il Wii, incoraggiando i meno esperti a cimentarsi in qualcosa di nuovo. Parlando del successo di critica per titoli come Deomon's Souls e lo stesso Monster Hunter, Kaname ha sottolineato che ci sono sempre stati giocatori che apprezzano la sfida.

"Non penso sia un fenomeno nuovo - ci sono sempre stati questi giocatori. Quello che è cambiato è la natura della community. Mentre una volta questi utenti erano isolati, ora possono creare una community visibile molto rapidamente e semplicemente".

I due sviluppatori pensano anche che il Wii possa offrire un'esperienza impossibile invece su PSP, a causa della sua natura portatile, rendendo più semplici sessioni di gioco più confortevoli e prolungate e permettendo loro l'implementazione di quest più lunghe.

Contenuti correlati o recenti

Articoli correlati...

Recensione | Gloomhaven - Dal cartone al digitale il passo Ŕ... falso

Il celebre gioco da tavolo arriva in formato digitale.

'The Elder Scrolls VI dovrÓ essere un gioco decennale' come Skyrim

Todd Howard punta forte su The Elder Scrolls VI.

Project Awakening Ŕ vivo e il nuovo video sfoggia un Cyllista Engine che flirta con il fotorealismo

Cygames ci mostra il motore grafico alla base di Project Awakening.

The Elder Scrolls VI potrebbe non uscire prima del 2026

SarÓ un'attesa lunghissima per The Elder Scrolls VI?

Commenti (1)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza