Activision Blizzard bufera su Bobby Kotick: più di 1.200 dipendenti firmano una petizione per le dimissioni del CEO

ABK Workers Alliance non ha più fiducia nella leadership del CEO di Activision Blizzard.

ABK Workers Alliance, un gruppo di lavoratori di Activision Blizzard formato in risposta al trattamento riservato dall'azienda ai suoi dipendenti, ha iniziato a diffondere una petizione affinché chiunque lavori negli studi e negli uffici del publisher possa firmarla ed è stata approvata da oltre 1200 impiegati.

Questa non è una petizione anonima casuale; in questo caso ogni lavoratore mette in gioco il proprio nome e studio a sostegno di una dichiarazione che condanna le azioni del CEO Bobby Kotick e ne chiede le dimissioni immediate.

La dichiarazione a sostegno delle firme recita:

"Noi sottoscritti non abbiamo più fiducia nella leadership di Bobby Kotick come CEO di Activision Blizzard. Le informazioni che sono emerse sui suoi comportamenti e le sue pratiche nella gestione delle nostre aziende sono contrarie alla cultura e all'integrità che richiediamo alla nostra leadership e sono direttamente in conflitto con le iniziative avviate dai nostri colleghi. Chiediamo che Bobby Kotick venga rimosso dalla carica di CEO di Activision Blizzard e che gli azionisti possano selezionare il nuovo CEO senza il contributo di Bobby, che sappiamo possiede una parte sostanziale dei diritti di voto degli azionisti".

Sono state individuate 1211 firme, ovvero circa il 12% della forza lavoro totale di Activision Blizzard. Anche se questa cifra sembra bassa data l'entità degli atti che vengono contestati, il fatto che i dipendenti mettano il loro nome e potenzialmente il loro lavoro e la loro carriera in gioco nel farlo, in realtà lo rende una cifra impressionante.

kotick_cf_cropped_183_0_1095_821_ori_crop_MASTER__0x0

ABK Workers Alliance ha anche lanciato una petizione pubblica che i fan possono firmare in segno di solidarietà.

"Bobby Kotick ha dimostrato che non gli importa dei suoi dipendenti e che non è adatto per essere il CEO di Activision Blizzard".

"Questa petizione non garantirà la sua rimozione, ma gli dimostrerà che non ci sta bene che ignori sfacciatamente le grida dei suoi dipendenti. Avere una petizione con le firme dei consumatori Activision Blizzard dovrebbe mostrargli quanto pensiamo che sia inadatto alla sua posizione. Ha approfittato dei suoi dipendenti per anni e questa petizione è solo un piccolo trampolino di lancio".

Al momento della pubblicazione questa petizione è stata firmata 11.306 volte.

Fonte: Kotaku.

Vai ai commenti (2)

Riguardo l'autore

Matteo Zibbo

Matteo Zibbo

Redattore

Appassionato di videogiochi e musica (quella più rumorosa e veloce possibile), ha un'insana passione per i GdR occidentali che gli sta condizionando l'esistenza.

Contenuti correlati o recenti

Nintendo sta per sbarcare su PC? Un leak alimenta le speranze

Nuovi leak da Nvidia GeForce, suggeriscono l'arrivo di Nintendo su PC.

PlayStation Plus, i giochi 'gratis' di dicembre per PS5 e PS4 annunciati ufficialmente

Ecco cosa devono aspettarsi gli abbonati a PlayStation Plus.

Activision Blizzard: 'licenziate Kotick'! L'organizzatrice delle proteste Jessica Gonzalez si dimette con una dura lettera

Gonzalez afferma che il CEO di Activision Blizzard ha ignorato molestie e discriminazioni.

Articoli correlati...

Commenti (2)

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza