Activision Blizzard ha guadagnato la mostruosa cifra di $1,2 miliardi dalle microtransazioni in soli tre mesi

Nonostante gli scandali Activision Blizzard macina ricavi.

Nei rapporti finanziari di Activision Blizzard viene visualizzata una metrica denominata "Prenotazioni nette in-game", ovvero i soldi che la società guadagna tramite microtransazioni effettuate in-game.

Questa cifra si traduce in $ 1,198 miliardi per il terzo trimestre del 2021. È più della metà delle entrate totali di Activision Blizzard. La parte più consistente di questi ricavi proviene dal titolo free-to-play Call of Duty: Warzone. Tuttavia un altro importante gioco per la società che genera introiti è World of Warcraft che con il suo negozio offre spesso particolari cavalcature o skin per armi ed armature.

Recentemente Activision Blizzard ha rinviato le uscite sia di Overwatch 2 che di Diablo IV e si parla attualmente di spostarli al 2023. Una bella tegola per la società che ormai da qualche mese è sotto i riflettori per gli scandali e gli abusi sessuali trapelati da ex dipendenti.

E' notizia di poche ore fa che la co-leader Jen Oneal si è dimessa da Activision Blizzard dopo soli tre mesi.

Fonte: GamingBolt

Contenuti correlati o recenti

Articoli correlati...

Recensione | Gloomhaven - Dal cartone al digitale il passo è... falso

Il celebre gioco da tavolo arriva in formato digitale.

'The Elder Scrolls VI dovrà essere un gioco decennale' come Skyrim

Todd Howard punta forte su The Elder Scrolls VI.

Project Awakening è vivo e il nuovo video sfoggia un Cyllista Engine che flirta con il fotorealismo

Cygames ci mostra il motore grafico alla base di Project Awakening.

The Elder Scrolls VI potrebbe non uscire prima del 2026

Sarà un'attesa lunghissima per The Elder Scrolls VI?

Commenti (0)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza