Activision Blizzard: 'licenziate Kotick'! L'organizzatrice delle proteste Jessica Gonzalez si dimette con una dura lettera

Gonzalez afferma che il CEO di Activision Blizzard ha ignorato molestie e discriminazioni.

Jessica Gonzalez, una figura chiave nella recente azione di protesta dei dipendenti di Activision Blizzard, lascia l'azienda e abbandona del tutto il settore dei videogiochi. Gonzalez ha annunciato le sue dimissioni ieri, in un messaggio in cui ha ulteriormente criticato il capo di Activision Blizzard, Bobby Kotick, affermando di come continui il suo "rifiuto di assumersi la responsabilità".

"Tutti i prodotti della società soffriranno fino a quando non sarai rimosso dalla tua posizione di CEO", ha scritto. "Questo può sembrare duro, ma hai avuto anni per aggiustare la cultura e guardare fin dove si è spinta attualmente l'azienda".

In un messaggio su Slack che ha successivamente condiviso pubblicamente tramite Twitter, Gonzalez ha ringraziato i colleghi per il loro supporto negli ultimi mesi e ha affermato di ritenere che "con sufficiente educazione e consapevolezza", Activision Blizzard potrebbe ancora "essere un ottimo posto" in futuro.

Il mese scorso, Activision è stata al centro di un dannoso rapporto del Wall St Journal che descriveva in dettaglio presunte molestie sessuali, aggressioni e comportamenti inappropriati presso lo sviluppatore dietro Call of Duty. Particolare critica è stata rivolta al CEO di Activision Blizzard Bobby Kotick, comprese le affermazioni su quanto sapeva e il suggerimento che avrebbe potuto fare di più.

Fonte: NME

Contenuti correlati o recenti

Articoli correlati...

Commenti (1)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza