Battlefield 2042 e il suo travagliato sviluppo nelle parole di un noto insider

Tom Henderson rivela alcuni dettagli sullo sviluppo problematico del nuovo Battlefield. 

Come avrete visto, Battlefield 2042 è stato ampiamente criticato sin dal suo lancio a causa di numerosi problemi che hanno minato l'esperienza complessiva del nuovo sparatutto di DICE ed EA.

Di recente, abbiamo scoperto che la serie è passata in mano al creatore di Titanfall ed ex COD e al papà di Halo, ovvero Vince Zampella e Marcus Lehto. Ora, il noto insider e giornalista Tom Henderson ha rivelato alcuni dettagli sullo sviluppo del nuovo titolo che sarebbe stato decisamente problematico.

Stando a quanto emerso, DICE avrebbe perso molti sviluppatori dopo BF5 e tutte le nuove idee partorite dal team sarebbero state "bocciate" da EA, publisher più legato a "riproporre ciò che va più di moda".

Già all'inizio dello scorso anno, il progetto avrebbe ricevuto vari tagli e molte idee sono state scartate. Battlefield 2042 è partito come un titolo battle royale ma è diventato un gioco principale della serie tra l'aprile e l'agosto del 2020.

Da agosto la produzione è entrata nel vivo ma lo studio aveva capito di aver bisogno di maggior supporto. Tuttavia, i problemi non sono stati risolti per una serie di motivi, come ad esempio la poca esperienza degli sviluppatori aggiunti al progetto nel mese di marzo di quest'anno.

Al momento, DICE sta lavorando per migliorare l'esperienza e i fan sono in attesa di patch correttive per riuscire a giocare a Battlefield 2042.

Fonte: YouTube.

Vai ai commenti (2)

Riguardo l'autore

Matteo Zibbo

Matteo Zibbo

Redattore

Appassionato di videogiochi e musica (quella più rumorosa e veloce possibile), ha un'insana passione per i GdR occidentali che gli sta condizionando l'esistenza.

Contenuti correlati o recenti

Articoli correlati...

Commenti (2)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza