Bungie perde il capo delle risorse umane che si dimette in seguito delle accuse contro lo studio

Alcuni report svelano tossicità all'interno di Bungie.

Gayle D'Hondt, senior manager delle relazioni con i dipendenti di Bungie, ha lasciato il suo ruolo nello studio. La notizia arriva pochi giorni dopo che sono emersi rapporti secondo cui i dipendenti di Bungie hanno sperimentato sessismo, razzismo, discriminazione e leader abusivi durante il loro periodo presso l'azienda che ha sviluppato Destiny.

La senior manager ha inviato un'e-mail ai dipendenti di Bungie annunciando che si è dimessa dal suo ruolo di capo delle risorse umane. Secondo l'e-mail, D'Hondt ha affermato che lavorerà con Holly Barbacovi, chief people officer e il team dirigenziale di Bungie per determinare quali sono i prossimi passi da compiere.

L'e-mail è iniziata con le sue riflessioni sul suo mandato di 14 anni presso lo studio, dicendo che vuole fare "tutto ciò che è in mio potere per assicurarmi che tutti coloro che lavorano qui siano un ambiente sicuro, accogliente e di supporto". Ha aggiunto che è necessario che il team delle risorse umane di Bungie vada avanti e idealmente dovrebbe essere "composto in gran parte da persone nuove per Bungie".

Il capo delle risorse umane uscente ha anche riflettuto sulle sue esperienze di tossicità in Bungie, inclusa la segnalazione di qualcuno che aveva abusato di lei: un dirigente maschio, "qualcuno che pensavo fosse mio amico", che è stato successivamente licenziato. Ha anche fatto riferimento al suo tempo lavorando attraverso "conflitti interpersonali profondamente impegnativi", che includevano il licenziamento dei dipendenti per "prestazioni, cattivo comportamento e per discriminazione, razzismo e molestie sessuali".

"Sono orgogliosa del lavoro che ho svolto in questa azienda", ha scritto. "Credo di aver fatto raccomandazioni che erano nel migliore interesse delle nostre persone e al servizio dell'azienda che vogliamo diventare. Credo anche che abbiamo commesso degli errori, e che per diventare la versione migliore di noi stessi, dobbiamo riconoscerli e affrontarli, in buona fede, e crescere insieme".

Fonte: Eurogamer

Contenuti correlati o recenti

Articoli correlati...

Commenti (0)

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza