Cyberpunk 2077 chiude la class-action: CD Projekt rimborserÓ gli azionisti con $1,85 milioni

Lo studio di Cyberpunk 2077 trova un accordo con gli azionisti. 

La scorsa settimana, è emerso che lo sviluppatore CD Projekt stava negoziando per risolvere una class-action sul famigerato lancio di Cyberpunk 2077, un gioco che è arrivato pieno di bug e con prestazioni abbastanza scarse su console. Come saprete, Sony ha rimosso il gioco da PlayStation Store e molti negozi hanno offerto rimborsi.

CD Projekt afferma che tali negoziati sono ora conclusi e la società pagherà $1.850.000.

Anche se l'accordo dovrà probabilmente essere approvato da un tribunale, sembra che i querelanti principali e i loro avvocati abbiano negoziato per una somma piuttosto piccola in cambio di "rinunciare a qualsiasi pretesa contro la Società e i membri del suo consiglio di amministrazione".

Vale la pena notare che questa causa (tecnicamente, quattro cause che erano state riunite in una) è stata intentata da azionisti che credevano di essere stati ingannati dalla società riguardo alle prestazioni finanziarie, non dai giocatori che hanno acquistato il gioco. Nonostante le vendite apparentemente decenti del gioco, la reputazione dell'azienda è "scivolata", le proiezioni di vendita sono diminuite e il prezzo delle sue azioni è diminuito del 54% rispetto allo scorso anno.

CD Projekt ha ripetutamente promesso di "aggiustare" il gioco e ha pubblicato una serie di patch, suggerendo che alla fine potrebbe diventare il gioco promesso. Alla fine di ottobre, la società ha annunciato che gli upgrade next-gen sia per Cyberpunk che per The Witcher 3 sono stati rinviati al 2022. "Ci scusiamo per l'attesa prolungata, ma vogliamo rimediare", ha scritto la società in un comunicato.

Fonte: The Verge.

Vai ai commenti (1)

Riguardo l'autore

Matteo Zibbo

Matteo Zibbo

Redattore

Appassionato di videogiochi e musica (quella pi¨ rumorosa e veloce possibile), ha un'insana passione per i GdR occidentali che gli sta condizionando l'esistenza.

Contenuti correlati o recenti

Articoli correlati...

Recensione | Gloomhaven - Dal cartone al digitale il passo Ŕ... falso

Il celebre gioco da tavolo arriva in formato digitale.

'The Elder Scrolls VI dovrÓ essere un gioco decennale' come Skyrim

Todd Howard punta forte su The Elder Scrolls VI.

Project Awakening Ŕ vivo e il nuovo video sfoggia un Cyllista Engine che flirta con il fotorealismo

Cygames ci mostra il motore grafico alla base di Project Awakening.

The Elder Scrolls VI potrebbe non uscire prima del 2026

SarÓ un'attesa lunghissima per The Elder Scrolls VI?

Commenti (1)

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza