Epic Games fatica a recuperare i costi dei giochi esclusivi e gratuiti

Regalare giochi non è redditizio ed Epic Games lo sa.

Epic distribuisce giochi gratuiti su Epic Game Store da molto tempo ormai, e molte persone si chiedono come fa l'azienda a fare soldi. Forse non sorprende nessuno, ma la società in realtà di soldi...non ne fa, o meglio, non così tanti. Solo tre dei giochi lanciati sulla piattaforma, infatti, hanno recuperato il costo minimo di garanzia iniziale.

Grazie alle ricerche raccolte su Resetera, possiamo vedere che tre giochi hanno raggiunto i loro obiettivi minimi di garanzia, sebbene i nomi siano stati oscurati. Come funziona il modello di business di Epic Gams? La garanzia minima è un pagamento anticipato che Epic effettua agli sviluppatori che accettano di firmare un contratto di esclusiva di sei mesi con Epic Games Store. Garantisce agli sviluppatori una grande quantità di denaro prima che venga effettuata una singola vendita. Una volta raggiunto un certo numero di vendite, Epic dovrebbe quindi iniziare a condividere i profitti.

Questa era un'offerta interessante per molti piccoli sviluppatori indipendenti che non potevano garantire le vendite e che non dovevano rimborsare l'anticipo se gli obiettivi non venivano raggiunti. Epic molto probabilmente sapeva che molti di questi giochi non avrebbero recuperato i costi spesi per l'esclusività. E' ovvio che per competere sul mercato e ottenere una fetta di clienti, bisogna prendere misure che ingolosiscano le persone.

Al giorno d'oggi, il modo comune per farlo è usare il denaro degli investitori per offrire un servizio a basso costo che sminuisce tutti gli altri fino a quando non si crea un dominio considerevole sul mercato. Dal momento che Epic Games era in competizione con Steam, ha tentato di invogliare gli utenti di Steam con giochi gratuiti o esclusive per creare una base di utenti.

epic

Secondo la ricerca effettuata su Resetera, Epic sta ora cercando di passare a un modello di business per publisher più tradizionale, in cui aiuterà gli sviluppatori con i costi di marketing e altri ostacoli che ostacolano la realizzazione dei videogiochi.

Fonte: ResetEra e Metro

Vai ai commenti (5)

Riguardo l'autore

Claudia Marchetto

Claudia Marchetto

Redattore

Contenuti correlati o recenti

Articoli correlati...

Commenti (5)

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza