Facebook in USA: diversi collaboratori non pagati minacciano lo sciopero totale

Stipendi mancanti e gravi problemi economici per alcuni collaboratori di Facebook.

Alcuni collaboratori di Facebook di un sito Accenture ad Austin stanno affrontando un vero e proprio disastro salariale che ha lasciato molti senza stipendi.

I lavoratori del sito gestiscono moderazione, servizio clienti e altre attività per Facebook e WhatsApp e se la situazione non sarà risolta è già stata minacciata l'interruzione del lavoro.

I problemi sono iniziati già il 4 gennaio, quando alcuni lavoratori hanno notato errori nel sistema che tiene traccia dei permessi retribuiti (PTO), una confusione che è stata attribuita a un recente cambiamento nei fornitori di buste paga nel sito. Le cose si sono fatte più serie quando la tornata di buste paga del 6 gennaio non è arrivata. I sistemi interni di buste paga mostravano che molti stipendi erano azzerati e i lavoratori non avevano idea di quando avrebbero potuto ottenere i loro soldi.

In una lettera aperta agli amministratori delegati di Facebook e Accenture, pubblicata su una bacheca interna, un gruppo di lavoratori si è impegnato a interrompere il lavoro presso il sito fino a quando non saranno state emesse integralmente le buste paga.

"Se questi problemi non vengono risolti immediatamente, verrà emanata un'interruzione del lavoro", prometteva la lettera. "L'interruzione dei lavori inizierà il 7 gennaio 2022 se non verrà risolto nulla".

Diversi pagamenti sono stati emessi ai lavoratori colpiti poco dopo l'invio della lettera e Accenture afferma che la società non ha visto alcuna indicazione di interruzione coordinata del lavoro presso il sito nei giorni successivi.

Un amministratore delegato della sede di Accenture ha affermato di non essere sicuro di quando il problema sarà risolto. "Verranno pagati gli importi dovuti. Li forniremo il prima possibile".

Facebook

Alcuni lavoratori hanno ricevuto pagamenti dall'azienda, destinati a salire fino a quando l'intero importo non sarà calcolato correttamente. Ma i dipendenti del sito affermano che non tutti hanno ricevuto questi pagamenti e molti sono in gravi difficoltà finanziarie.

A partire da lunedì sera, un lavoratore del sito di Austin ha affermato che più di 50 persone del suo team non erano ancora state pagate. "Conosco molti che sono in ritardo su bollette, utenze, cibo e affitto", ha detto a The Verge. "Quando vieni pagato solo $16 l'ora in una città come Austin, perdere un assegno è come perdere una gamba".

"Alcuni dipendenti hanno dovuto prendere prestiti con anticipo sullo stipendio solo per poter avere abbastanza soldi per comprare cibo per i loro figli", ha detto un altro dipendente a The Verge.

Raggiunto per un commento, il rappresentante di Accenture Stacey Jones ha sottolineato che l'azienda sta lavorando per risolvere il problema. "Recentemente abbiamo cambiato fornitore di buste paga e abbiamo affrontato alcune sfide impreviste durante la nostra prima gestione delle buste paga con il nuovo fornitore", ha detto Jones a The Verge. "La nostra priorità dalla scorsa settimana è quella di far pagare le nostre persone che hanno riscontrato problemi e continuiamo a incoraggiare le nostre persone che hanno bisogno di assistenza a contattare il proprio supervisore o le risorse umane, per aiutarli meglio".

Meta (società madre di Facebook, Instagram e Whatsapp) spesso subappalta servizi ad aziende come Accenture. Un'indagine di The Verge del 2019 su un sito Accenture ad Austin che moderava i video di YouTube ha rilevato che i manager spesso costringevano i dipendenti a lavorare durante le pause e a rinunciare alle ferie di fronte a una forte domanda.

Raggiunto per un commento, Facebook ha confermato l'interruzione e ha sottolineato gli sforzi di Accenture per affrontarla. "Accenture ha informato i suoi dipendenti di questo problema", ha affermato Kadia Koroma, rappresentante di Meta, "e sta lavorando per risolverlo il prima possibile".

Fonte: The Verge.

Vai ai commenti (1)

Riguardo l'autore

Matteo Zibbo

Matteo Zibbo

Redattore

Appassionato di videogiochi e musica (quella più rumorosa e veloce possibile), ha un'insana passione per i GdR occidentali che gli sta condizionando l'esistenza.

Contenuti correlati o recenti

Bobby Kotick vuole $375 milioni di buonuscita da Microsoft

A quanto pare Kotick intascherà una cifra enorme dopo l'accordo tra Xbox e Activision.

PlayStation, Xbox, Embracer, Take-Two ed EA in una infografica tra software house e publisher mastodontici

Uno sguardo più da vicino a Sony, Microsoft e ai publisher più grossi.

Microsoft che acquisisce Activision Blizzard sembra aver lasciato gli investitori indifferenti

Un analista parla di come è stata accolta la notizia dell'acquisizione da parte di Microsoft.

Articoli correlati...

Commenti (1)

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza