Final Fantasy XIV e tossicità: il director Naoki Yoshida chiede ai fan di essere più gentili

Gli abusi verbali nei confronti degli sviluppatori di Final Fantasy XIV non possono essere tollerati.

Tutti abbiamo appreso la regola d'oro "tratta gli altri come vorresti essere trattato" e ora il director di Final Fantasy 14, Naoki Yoshida, sta esortando i fan a seguire questa regola, per eliminare gli abusi verbali diretti verso sviluppatori e altri giocatori.

In un video su YouTube tradotto su Reddit, Yoshida ha affrontato il feedback dei fan, dicendo che mentre sostiene le critiche costruttive, gli abusi verbali non dovrebbero essere tollerati.

"Ovviamente sono grato ai giocatori che ci dicono che 'dovremmo fare questo o quello' e quant'altro, ma gli abusi verbali sono [qualcosa che vorremmo poter fermare]", ha detto Yoshida.

Il mese scorso, Square Enix ha lanciato Final Fantasy XIV: Endwalker, l'ultima espansione del popolarissimo MMO ambientato nell'universo di Final Fantasy. Tuttavia, prima della sua uscita, Square Enix ha dovuto rinviare il gioco di due settimane. Yoshida afferma che questo rinvio ha portato a una tossicità indesiderata nella community

"Sin dallo sfortunato rinvio dell'espansione... per qualche ragione sembra che ci sia qualcuno (hater) in giro ad attaccare altri giocatori nonostante non abbiano giocato ed è stato piuttosto lampante", ha detto Yoshida. "Mi sentivo come se quelle parole forti usate nelle discussioni contro le persone finissero per trattenerle dal giocare".

Yoshida afferma che questo comportamento tossico all'interno della community può far sì che nuovi giocatori abbandonino completamente il gioco e ha anche un impatto negativo sugli sviluppatori, portando persino ad alcune dimissioni per gli abusi da parte dei fan.

"Posso sopportarlo, anche se non lo rende meno cattivo", ha detto Yoshida. "Ma i membri dello staff si sentiranno davvero giù dopo aver ricevuto certe parole quando hanno dato il massimo per cercare di creare qualcosa che tutti possano apprezzare, e questo potrebbe finire per far sì che non creino più cose divertenti da lì in poi".

La soluzione, secondo Yoshida, è trattarsi con più empatia, come se si parlasse di persona con sviluppatori e fan.

"Quindi ho solo una richiesta per ogni giocatore: per favore immaginate di parlare faccia a faccia con uno sviluppatore di cui potresti non conoscere il nome né la faccia e immagina come si sentirebbero prima di inviare il vostro feedback, e io sarò felice se le persone riusciranno a farlo educatamente".

E, naturalmente, Yoshida vuole ancora che i fan sottolineino gli errori commessi dagli sviluppatori, spera solo che i fan considerino il modo in cui forniranno il loro feedback in futuro.

Nonostante un po' di negatività nella community, Endwalker sta riscuotendo un grande successo.

Fonte: IGN.

Vai ai commenti (0)

Riguardo l'autore

Matteo Zibbo

Matteo Zibbo

Redattore

Appassionato di videogiochi e musica (quella più rumorosa e veloce possibile), ha un'insana passione per i GdR occidentali che gli sta condizionando l'esistenza.

Contenuti correlati o recenti

Articoli correlati...

Recensione | Gloomhaven - Dal cartone al digitale il passo è... falso

Il celebre gioco da tavolo arriva in formato digitale.

'The Elder Scrolls VI dovrà essere un gioco decennale' come Skyrim

Todd Howard punta forte su The Elder Scrolls VI.

Project Awakening è vivo e il nuovo video sfoggia un Cyllista Engine che flirta con il fotorealismo

Cygames ci mostra il motore grafico alla base di Project Awakening.

The Elder Scrolls VI potrebbe non uscire prima del 2026

Sarà un'attesa lunghissima per The Elder Scrolls VI?

Commenti (0)

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza