PlayStation nei guai? Una ex dipendente fa causa per discriminazione e licenziamento illegittimo

L'ex security analyst di PlayStation fa causa alla compagnia.

Una ex dipendente di PlayStation ha intentato una causa contro Sony Interactive Entertainment in California, sostenendo che la compagnia "coltiva un ambiente di lavoro che discrimina le dipendenti di sesso femminile" e ha fatto causa all'azienda per "discriminazione di genere, molestie e licenziamento illegittimo".

Nella causa, intentata il 22 novembre dall'ex security analyst di PlayStation Emma Majo (via Axios), si afferma che Sony ha "violato volontariamente" le leggi sul lavoro "intenzionalmente, consapevolmente e/o deliberatamente pagando le donne meno degli uomini per lavori sostanzialmente uguali o simili".

Secondo Majo, che è entrata a far parte dell'azienda nel 2015, il personale femminile di PlayStation "non è stato retribuito allo stesso modo dei dipendenti di sesso maschile" che avevano lavori sostanzialmente simili e sono state "negate promozioni". Inoltre, la causa sostiene che "pratiche, politiche e procedure discriminatorie sono stabilite e implementate centralmente ai massimi livelli di Sony".

La causa sostiene che Sony ha manager che "parlerebbero solo con colleghi maschi" se nella stessa stanza fossero presenti anche dipendenti di sesso femminile. Inoltre, i manager ignorerebbero le richieste inviate dal personale femminile, rispondendo a quelle "praticamente identiche" inviate dai dipendenti di sesso maschile.

playstation_awards_2019_56763

Majo sostiene di aver "spesso" chiesto ai manager cosa poteva fare per essere promossa durante il suo periodo in Sony, ma "non è mai riuscita a ottenere una risposta". Afferma inoltre che non solo non è riuscita a essere promossa, ma è stata "effettivamente retrocessa" dopo aver chiesto informazioni sulle promozioni.

Inoltre, Majo afferma di "aver sentito personalmente i manager fare commenti di genere sulle dipendenti", citando un incidente in cui una lavoratrice con un problema personale è stata descritta come una impiegata che "non si comporta bene perché ha molte cose da fare a casa".

Altri presunti esempi di discriminazione di genere evidenziati nella causa includono "procedimenti separati per uomini e donne" perché il numero di uomini promossi è "notevole" e che "le risorse umane creano resistenza quando le donne cercano di essere promosse".

Secondo la causa, Majo ha presentato una dichiarazione firmata a Sony nel 2021 che descriveva in dettaglio il presunto pregiudizio di genere che aveva sperimentato presso l'azienda e "poco dopo ... ha ricevuto una lettera di licenziamento". Si dice che Sony abbia collegato il licenziamento all'eliminazione di un dipartimento all'interno dell'azienda, ma Majo afferma di non essere stata un membro del dipartimento in fase di scioglimento.

Majo "non è stata promossa, ed è stata retrocessa, a causa di pregiudizi di genere, perché è una donna e perché ha parlato di pregiudizi", riassume la causa. "Sostiene inoltre che il suo licenziamento sia stato causato da pregiudizi di genere nei confronti delle donne".

Majo chiede l'approvazione del tribunale per espandere la causa in un'azione collettiva per conto di tutte le donne che hanno lavorato per SIE in California negli ultimi quattro anni.

Al momento Sony non ha commentato quanto emerso.

La notizia della causa legale di Sony Interactive Entertainment arriva nel bel mezzo di una battaglia legale tra Activision Blizzard e lo Stato della California, che ha definito Activision "un terreno fertile per molestie e discriminazioni contro le donne". Questa storia ha preso una piega schiacciante la scorsa settimana quando un report del Wall Street Journal ha affermato che il CEO di Activision Blizzard, Bobby Kotick, era a conoscenza di presunti casi di violenza sessuale e molestie all'interno della sua azienda da anni, ma non è riuscito ad affrontare in modo adeguato i problemi.

I boss di Nintendo, Xbox e PlayStation hanno tutti espresso preoccupazione per le nuove accuse, con Jim Ryan che ha affermato di essere "sconfortato e francamente sbalordito nel leggere" che Activision "non ha fatto abbastanza per affrontare una cultura profondamente radicata di discriminazione e molestie".

Fonte: Eurogamer.net.

Vai ai commenti (5)

Giochi trattati in questo articolo

Riguardo l'autore

Matteo Zibbo

Matteo Zibbo

Redattore

Appassionato di videogiochi e musica (quella più rumorosa e veloce possibile), ha un'insana passione per i GdR occidentali che gli sta condizionando l'esistenza.

Contenuti correlati o recenti

Articoli correlati...

Commenti (5)

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza