'Lo streaming non Ŕ un lavoro' a detta di Shroud, uno degli streamer pi¨ famosi

La posizione di Shroud sul dibattito streaming e lavoro.

Durante un livestream su Twitch (ovviamente, ndr) da cui è tratta la clip in questione, Michael "Shroud" Grzesiek ha fatto una dichiarazione che sicuramente ha del controverso, ma viene resa altresì scioccante dal momento che esce dalla bocca di uno degli streamer più famosi nel mondo: "Dovete capire che non mi piace lavorare, ecco perché streammo. Non mi piace lavorare, lavorare fa schifo, d'accordo?".

Shroud ha poi proseguito sminuendo addirittura la sua persona, dicendo che "Se qualcosa richiede del lavoro o uno sforzo, probabilmente non la farò", prima di parlare più in generale della questione rivolgendo quella che sembra essere una critica al mondo dello streaming tutto: secondo il pro player, che in quel momento rispondeva alla chat della sua trasmissione su Twitch, infatti, "«Lo streaming è lavoro»? No, non è lavoro nemmeno per il cazzo, è una cavolata. Guardatemi, sto qua seduto a fare un bel niente"

shroud_ajpg
Shroud ha avuto un successo sempre più alto in quanto pro-player, da Counter Strike a Valorant

Shroud vanta un seguito su Twitch di quasi dieci milioni di follower, e di questi tempi essere uno streamer in un ambiente saturo e con alti standard come quelli odierni non è impresa facile. Sempre più streamer si sono aperti riguardo le varie pressioni a cui sono sottoposti, anche dal lato dell'utenza, e i problemi di salute psicofisica che comporta doversi sottoporre a uno stile di vita simile.

Oggigiorno per poter avviarsi nel mondo dello streaming bisogna effettivamente avere un tipo di talento, che sia saper giocare bene o saper intrattenere la chat, per riuscire a trovarsi e cattuarare degli spettatori. Shroud magari parlava in particolare della sua esperienza: ha sviluppato un talento naturale e gli sembra di non starsi minimamente sforzando quando mette le mani su mouse e tastiera, ma questo non vuol dire che pensi lo stesso di altri suoi colleghi. Che ne pensate? La creazione di conteuti può essere a tutti gli effetti un lavoro?

Fonte: PC Gamer

Contenuti correlati o recenti

ESL Ŕ stata acquisita per $1 miliardo da una societÓ sostenuta dall'Arabia Saudita

Non solo ESL, Savvy Gaming ha comprato anche FACEIT per $500 milioni.

Videogiochi blockchain: United Esports e Dfinity Foundation creano un concorso da $10 milioni

Tutti puntano sulla tecnologia blockchain, anche nei videogiochi.

Lucca Comics & Games: tornano gli Italian Esports Open tra PokÚmon, Valorant e non solo

Tornei ed eventi a Lucca Comics & Games. I dettagli di Italian Esports Open.

eSport: in Giappone sta per aprire un vero e proprio liceo per gamer!

Nella terra del Sol Levante si punta sull'eSport.

Articoli correlati...

ESL Ŕ stata acquisita per $1 miliardo da una societÓ sostenuta dall'Arabia Saudita

Non solo ESL, Savvy Gaming ha comprato anche FACEIT per $500 milioni.

Call of Duty Warzone la denuncia di POW3R: 'due cheater mi hanno ricattato' e lancia #FIXWARZONEita

"Activision Ŕ un'azienda di pagliacci perchÚ permette tutto questo. ╚ ridicolo".

StarCraft 2: l'italiano Riccardo 'Reynor' Romiti Ŕ il nuovo campione del mondo!

L'impresa del 18enne che ha trionfato agli Intel Extreme Masters 2021.

Commenti (7)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza