The Last of Us Parte II Fazioni, il multiplayer sembra realtà e sarebbe free-to-play con microtransazioni

Spuntano nuovi rumor sul multiplayer di The Last of Us Parte II da un annuncio di lavoro di Naughty Dog.

Naughty Dog ha pubblicato un nuovo annuncio di lavoro che non solo suggerisce che The Last of Us II avrà finalmente il multiplayer online, ma che potrebbe essere free-to-play con microtransazioni.

Il 2020 ha visto l'uscita di uno dei sequel più attesi della storia, ma TLOU 2 mancava di una caratteristica presente nel primo gioco: il multiplayer online.

Il multiplayer di The Last of Us è stato molto apprezzato all'epoca e Naughty Dog ha già confermato che il sequel avrebbe avuto una sorta di aspetto multiplayer, ma non al momento del lancio.

Nella pagina "Carriere" di Naughty Dog, c'è una posizione aperta per un "Senior Monetization / Economy Designer". Bisogna sottolineare che da nessuna parte viene menzionato direttamente che questo annuncio è legato al multiplayer online di The Last of Us II, ma dato che sappiamo che è in sviluppo sembra un suggerimento ragionevole.

L'annuncio recita: "Imbarcati nella nuova avventura di Naughty Dog: il primo gioco multiplayer standalone dello studio! Stiamo cercando di portare lo stesso livello di ambizione e qualità dei nostri giochi basati sulla trama in questo progetto multiplayer unico, quindi stiamo cercando un Economy Designer esperto, creativo e collaborativo che ci aiuti a costruire un'economia player-friendly. Questa posizione avrà l'opportunità di essere altamente innovativa e di lasciare il segno sviluppando da zero un sistema economico best-in-class".

Uncharted ha già avuto il multiplayer online e sembra che Naughty Dog voglia essere più ambizioso questa volta. Tuttavia, sembra che il giocatore potrebbe non aver bisogno di possedere il gioco originale poiché la descrizione menziona quasi immediatamente il "primo gioco multiplayer standalone". Ciò suggerirebbe che il multiplayer di The Last of Us II sarà separato dal titolo originale.

Con le microtransazioni coinvolte, sembrerebbe che Naughty Dog stia cercando di entrare nel mercato dei servizi live. Il modello di business si è rivelato di grande successo per giochi come Fortnite, Apex Legends e Warzone, e una modalità online free-to-play dedicata di The Last of Us II potrebbe essere un enorme successo.

Fonte: Dexerto.

Vai ai commenti (7)

Riguardo l'autore

Matteo Zibbo

Matteo Zibbo

Redattore

Appassionato di videogiochi e musica (quella più rumorosa e veloce possibile), ha un'insana passione per i GdR occidentali che gli sta condizionando l'esistenza.

Contenuti correlati o recenti

Articoli correlati...

Commenti (7)

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza