The Witcher di Netflix nella seconda stagione avrà molte più battaglie con i mostri 'per i fan dei videogiochi'

Possiamo aspettarci più battaglie con i mostri nella seconda stagione di The Witcher.

I creatori di The Witcher di Netflix vogliono espandere le scene di battaglia con mostri nella seconda stagione, non solo perché c'è una carenza nel romanzo Blood of Elves, ma perché ai fan è piaciuto molto guardare Geralt combattere i mostri in The Witcher 3.

La showrunner Lauren Hissrich ha parlato dell'argomento nell'ultimo numero della rivista Sci-Fi and Fantasy (via Redanian Intelligence). La seconda stagione di The Witcher è in gran parte basata sul romanzo di Andrzej Sapkowski Blood of Elves, ma sarà molto diversa dalla prima, in quanto porterà una narrazione più lineare, storie più intense per i personaggi principali e un tono complessivamente più oscuro per la serie.

Tuttavia, il team di sceneggiatori ha riletto il libro originale per trasferire tutti i segni distintivi e per espandere ulteriormente le cose che le persone hanno amato di più, sia dai libri che dai giochi.

"Per esempio, Blood of Elves non ha mostri. Non ce ne sono molti", spiega Lauren Hissrich. "Ma sappiamo dai giochi che alla gente piace davvero vedere Geralt combattere i mostri, quindi abbiamo continuato ad aggiungere altri mostri alla seconda stagione".

Per molti, la prima stagione è stata un po' deludente in termini di effetti visivi. Tuttavia, con un budget aumentato per la seconda stagione, Netflix può offrire le sequenze di battaglie che i fan si aspettavano.

Per quanto riguarda i giochi CDPR, il combattimento è sicuramente uno dei pilastri centrali, ma non è l'unica caratteristica che ha portato il franchise alla grandezza: le storie, i personaggi e le loro relazioni sono ciò che spinge davvero i giocatori ad andare avanti.

La seconda stagione di The Witcher debutterà su Netflix il 17 dicembre, con una terza stagione già confermata.

Fonte: Thegamer.

Vai ai commenti (1)

Riguardo l'autore

Matteo Zibbo

Matteo Zibbo

Redattore

Appassionato di videogiochi e musica (quella più rumorosa e veloce possibile), ha un'insana passione per i GdR occidentali che gli sta condizionando l'esistenza.

Contenuti correlati o recenti

Articoli correlati...

Recensione | Gloomhaven - Dal cartone al digitale il passo è... falso

Il celebre gioco da tavolo arriva in formato digitale.

'The Elder Scrolls VI dovrà essere un gioco decennale' come Skyrim

Todd Howard punta forte su The Elder Scrolls VI.

Project Awakening è vivo e il nuovo video sfoggia un Cyllista Engine che flirta con il fotorealismo

Cygames ci mostra il motore grafico alla base di Project Awakening.

The Elder Scrolls VI potrebbe non uscire prima del 2026

Sarà un'attesa lunghissima per The Elder Scrolls VI?

Commenti (1)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza