Uncharted 3 compie 10 anni e Naughty Dog svela la creazione dell'iconica scena dell'aereo

Tante informazioni svelate su Uncharted 3.

Uncharted 3: L'inganno di Drake è uscito 10 anni fa il 1° novembre 2011 e probabilmente ha consolidato lo status di Naughty Dog come uno degli studi first party più prolifici di Sony. Basandosi sulle idee introdotte in Uncharted 2: Il Covo Dei Ladri, il gioco ha alzato la posta aggiungendo scene più emozionanti e avvincenti sequenze di inseguimento.

Alcuni dei set di Uncharted 3 sbalordiscono ancora oggi e tra questi troviamo la scena in cui Nathan Drake deve sopravvivere su un aereo cargo. Il director del gioco, Kurt Margenau, attraverso un post sul blog ufficiale spiega come è nata quella sequenza che ha fatto innamorare i giocatori.

"Era la prima volta nella mia carriera che riuscivo a mettere insieme qualcosa del genere" si legge nel post. "È stato davvero uno sforzo collaborativo con animatori, programmatori, sound designer e chiunque altro volesse contribuire. È iniziato con un'idea improvvisata: 'E se potessi inseguire un aereo sull'asfalto e salirci a bordo?', che poi si è trasformato in: 'Ok, e se l'aereo si fosse schiantato mentre ci sei dentro?'".

"Penso che, uscendo dall'apice del successo di Uncharted 2, tutti pensavamo che il cielo fosse il limite e che avremmo potuto realizzare qualunque idea di successo colossale ci venisse in mente. La nostra tecnologia e la nostra eccitazione erano davvero alle stelle, ma ci è voluto comunque la maggior parte dei due anni di tempo di produzione per trasformare davvero quella sequenza in realtà".

"Stavo realizzando piccoli modelli di camion sulla mia scrivania per capire come il giocatore potesse arrampicarsi su queste cose mentre penzolavano dal retro dell'aereo. Jeremy [Yates] stava facendo un lavoro sul palco del mocap per catturare l'arrampicata su una rete da carico che soffia nel vento. Abbiamo dovuto implementare degli sfondi a scorrimento infinito perfettamente cuciti per rendere il deserto in grado di muoversi infinitamente sotto l'aereo. Avevamo persino una sequenza a gravità zero completamente riproducibile all'interno dell'aereo che abbiamo tagliato all'ultimo secondo! C'erano solo un sacco di nuove innovazioni e problemi divertenti da risolvere in ogni fase del percorso e adorerò sempre quella sensazione di risolverli in modo creativo. Ricorderò sempre il mio tempo su quel set e le persone con cui ci ho lavorato così affettuosamente" conclude il director.

Fonte: IGN

Contenuti correlati o recenti

Articoli correlati...

Commenti (4)

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza