L.A. Noire è stato troppo impegnativo

Per una software house appena nata.

Dopo un lungo silenzio, Brendan McNamara torna sullo spinoso argomento di L.A. Noire, progetto che ha portato alla chiusura del Team Bondi nonostante il suo successo commerciale.

Sulle pagine di Official PlayStation Magazine McNamara ha dichiarato che la scelta di realizzare un titolo ambizioso e impegnativo come L.A. Noire come primo progetto di uno studio neonato è stata a dir poco azzardata.

Secondo quanto riportato dall'ex leader del Team Bondi, infatti, tra lo sviluppo del MotionScan e la progettazione di un'ambientazione curata e credibile, il processo creativo di L.A. Noire è durato 7 lunghissimi anni.

Vai ai commenti (0)

Riguardo l'autore

Filippo Facchetti

Filippo Facchetti

Redattore

Filippo Facchetti è un rispettabile nerd da sempre appassionato di "giochini elettronici". Prima di approdare a Eurogamer scrive per importanti riviste di settore e conduce programmi TV dedicati all'intrattenimento digitale.

Contenuti correlati o recenti

Articoli correlati...

Commenti (0)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza