Origin vuole un mercato "giusto e aperto"

Niente restrizioni per i DLC third party.

EA sta facendo il possibile per garantirsi titoli third party su Origin e, nel costante confronto con Steam, ha parlato del suo approccio verso i publisher esterni.

Crysis 2 e Dragon Age 2 sono stati rimossi da Steam per aver cercato di vendere DLC direttamente attraverso il gioco.

""Crediamo in un mercato giusto e aperto", ha dichiarato a GameSpot David DeMartini, senior vice president of global online di EA.

"Crediamo fermamente che gli utenti debbano essere liberi di comprare un prodotto come e dove vogliono. Qualora desiderasserp acquistare i DLC da servizi differenti rispetto a quelli dove hanno preso il titolo originale devono essere liberi di poterlo fare. Lo stesso vale per le micro-transazioni".

"Quando abbiamo la fortuna di vendere a prezzo pieno una grande IP sviluppata da qualcuno, se i produttori sono abbastanza in gamba da inserire uno store all'interno del proprio gioco rendendo l'acquisto dei DLC più semplice e intuitivo per gli utenti, per noi non c'è nessun problema", ha continuato.

Vai ai commenti (30)

Riguardo l'autore

Filippo Facchetti

Filippo Facchetti

Redattore

Filippo Facchetti un rispettabile nerd da sempre appassionato di "giochini elettronici". Prima di approdare a Eurogamer scrive per importanti riviste di settore e conduce programmi TV dedicati all'intrattenimento digitale.

Contenuti correlati o recenti

Articoli correlati...

Commenti (30)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza