Xbox 'non è una piattaforma pensata per fare da megafono' alla politica

Xbox è prima di tutto videogiochi e intrattenimento nelle parole di Phil Spencer.

In una nuova e approfondita intervista con il New York Times, è stato chiesto a Phil Spencer, boss di Xbox, la sua opinione sulla connessione tra i giochi e la polarizzazione della politica americana. Al che Spencer ha affermato che Xbox "non è una piattaforma per la libertà di parola" ed è progettata prima di tutto per i giochi e l'intrattenimento.

Spencer ha discusso l'idea di radicalizzazione politica e sociale con il New York Times sul podcast Sway di Kara Swisher.

"Una delle cose che abbiamo affermato è che non siamo una piattaforma per la libertà di parola. Siamo una piattaforma che gira attorno all'intrattenimento interattivo e ai videogiochi. E noi non siamo qui per permettere che tutti i tipi di discorsi sociali avvengano sulla nostra piattaforma. Non è per questo che esistiamo".

"Xbox Live semplicemente non è stato progettato per questo tipo di politicizzazione. È davvero impostato per la community attorno all'intrattenimento interattivo e ai giochi".

Phil_Spencer

Nella stessa intervista, Phil Spencer ha parlato anche dei nuovi rapporti tra Xbox e Activision, in seguito alle accuse di discriminazione e abusi all'interno del publisher di Call of Duty.

Fonte: IGN.

Vai ai commenti (0)

Giochi trattati in questo articolo

Riguardo l'autore

Matteo Zibbo

Matteo Zibbo

Redattore

Appassionato di videogiochi e musica (quella più rumorosa e veloce possibile), ha un'insana passione per i GdR occidentali che gli sta condizionando l'esistenza.

Contenuti correlati o recenti

Articoli correlati...

Commenti (0)

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza