Xbox e l'imperdibile storia dello spot TV più famoso e addirittura censurato!

La storia del celebre spot Xbox 'Life is short, play more'.

In molti ricorderanno il famoso spot della prima Xbox. Questa pubblicità è diventata famosa come uno dei primi esempi di video virale in un'epoca precedente a YouTube.

È anche nota per essere stata aspramente criticata.

Lo spot inizia con la nascita di un bambino, il bambino viene letteralmente sparato attraverso la finestra e poi invecchia rapidamente, prima di schiantarsi contro una tomba. Lo slogan era: "La vita è breve, gioca di più" (Life is short, play more) .

È interessante notare che non è stata la violenza della nascita, o anche il rapido invecchiamento, a angosciare maggiormente gli spettatori. Molte delle denunce sono arrivate da persone recentemente in lutto, che hanno trovato sconvolgente il tema della morte.

Microsoft ha difeso la sua posizione, insistendo che lo spot doveva essere una dichiarazione positiva sulla vita. Eppure l'ITC lo ha respinto e ha affermato che le urla dell'uomo suggerivano un'"esperienza traumatica" che, insieme allo slogan "la vita è breve", "ha reso la scena finale più scioccante".

ITC ha persino lanciato un avvertimento al Broadcast Advertising Clearance Center, il cui compito era quello di approvare gli spot, ricordando loro che le pubblicità che coinvolgono la morte - che potrebbero causare turbamento - non possono essere evitate come si può fare con un programma televisivo sull'argomento. Gli spettatori possono semplicemente evitare di guardare uno show contenente omicidi o violenza, poiché di solito presentano avvisi appropriati, ma le pubblicità no.

Eppure la verità è che il ban per "Life Is Short" - o meglio "Champagne" come era il suo vero titolo - ha solo reso lo spot più famoso e di successo.

Lo spot è stato commissionato dal manager pubblicitario europeo Harvey Eagle, che è entrato in Xbox nel 2000 da Hasbro Interactive e rimane a capo del mercato britannico ad oggi. Ha ottenuto il lavoro dopo aver scritto una lettera all'allora boss di Xbox Europe Sandy Duncan, ed è stato incaricato, insieme a un piccolo team, di definire il marchio Xbox per l'Europa.

"Ricordo che non esisteva un regolamento, nessuno di noi aveva lanciato una console prima, ed è stato un momento molto emozionante per far parte di quel piccolo team di lancio", ha detto Eagle a GamesIndustry.biz.

Eagle era l'uomo che avrebbe commissionato lo spot televisivo "Champagne". Eppure l'idea non è venuta da Eagle in persona, ma è stato piuttosto un concept lanciatogli da due dei più rinomati creativi di marketing al mondo. Inoltre, non era affatto pensato per la TV, almeno non all'inizio.

"Ricordo che abbiamo deciso di creare un contenuto che sarebbe stato condiviso in modo virale e che abbiamo pensato che sarebbe stato un modo davvero interessante per introdurre le persone al marchio Xbox", ricorda.

"L'agenzia pubblicitaria all'epoca con cui stavamo lavorando era BBH [Bartle Bogle Hegarty], e all'interno di BBH ci era stato assegnato un giovane team creativo di francesi ed erano due ragazzi chiamati Fred e Farid. Erano persone di grande talento, un team creativo molto prolifico."

Fred e Farid sono ora i leader della loro importante agenzia di marketing e avevano la reputazione di elaborare un sacco di concept e di presentarli ai clienti. Avevano escogitato dozzine di idee per il video virale di Xbox e le avevano presentate tutte a Eagle. Tra questi c'era Champagne.

Lo spot era certamente un po' rischioso, quindi Eagle è volato al quartier generale di Microsoft a Redmond per ottenere il permesso di produrlo, e il team statunitense ha dato il via libera.

"Ricordo che abbiamo dovuto ridurre il formato del file a meno di 2 MB perché doveva poter essere passato tramite e-mail", continua Eagle. "YouTube non esisteva a quei tempi e l'unico metodo per condividere qualcosa in modo virale era tramite e-mail. Ricordo anche di aver inserito un dispositivo di tracciamento, un pezzo di codice incorporato nel file, in modo che potessimo essenzialmente tenere traccia del numero di condivisioni".

Il dispositivo di tracciamento ha rilevato che oltre 1 milione di persone hanno condiviso lo spot tramite e-mail. "Potrebbe non sembrare così notevole rispetto ad alcune delle migliori visualizzazioni video di oggi, ma in termini di condivisione peer-to-peer tramite e-mail, era sicuramente un numero elevato a quel tempo", ha detto Eagle.

La risposta al video ha poi ispirato Eagle e il team Xbox a trasmetterlo in TV.

"Abbiamo finito per mettere l'annuncio in TV. Poi è stato vietato poco dopo. Ma le denunce sono servite solo ad aiutare ulteriormente la sua notorietà".

Eagle rimane orgoglioso dell'annuncio. Avrebbe vinto numerosi premi per video virali e marketing, ed è stato ancora mostrato online e nei cinema.

"Quando sei nuovo, devi essere chiaro su cosa rappresenti come marchio", conclude. "E penso che quell'idea particolare racchiudesse davvero tutto ciò che stavamo cercando di rappresentare come un nuovo marchio nell'industria dei videogiochi".

Fonte: Gamesindustry.biz.

Vai ai commenti (2)

Giochi trattati in questo articolo

Riguardo l'autore

Matteo Zibbo

Matteo Zibbo

Redattore

Appassionato di videogiochi e musica (quella più rumorosa e veloce possibile), ha un'insana passione per i GdR occidentali che gli sta condizionando l'esistenza.

Contenuti correlati o recenti

PlayStation ha già pronto un 'suo' Xbox Game Pass: il report di Jason Schreier

Sony sta cominciando ad affrontare il competitor con un modello molto simile al Game Pass.

PlayStation Game Pass? 'Non aspettatevi le grandi esclusive Sony al day one come su Xbox'

Jason Schreier ci tiene a fare chiarezza sul 'Game Pass' di Sony.

'PlayStation Game Pass sarà anche su PC'

Il "Game Pass" di PlayStation sarà su PC per una insider sempre più credibile.

Articoli correlati...

Commenti (2)

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza