Remedy vuole Alan Wake 2

Microsoft sarà d'accordo?

Il team responsabile del controverso Alan Wake vuole assolutamente realizzarne un seguito, anche se Microsoft finora non ha dato il suo assenso.

A delineare la situazione è stato Oskari Hakkinen di Remedy, il quale ha dichiarato ad IGN che lo studio è attualmente "sospeso in un limbo".

"Siamo ancora nella fase post-lancio di Alan Wake, ma Microsoft ha già un'opzione per il sequel, come da accordi precedenti".

"Non vedo perché non dovrebbero volere un seguito. Noi siamo felici della partnership con Microsoft e loro sono felici dei risultati ottenuti dal gioco".

Hakkinen ha anche detto che la produzione di un seguito sarebbe enormemente più veloce rispetto ai tempi del primo capitolo.

"Max Payne ci ha tenuti impegnati per 5 anni, il seguito appena 18 mesi. Con Alan Wake sarebbe più o meno lo stesso".

Hakkinen ha inoltre confermato che per ora non sono previsti ulteriori DLC di Alan Wake, oltre ai già preventivati The Signal e The Writer.

"Microsoft è interessata alla realizzazione di altri episodi, ne stiamo discutendo proprio in questi giorni. Decideremo cosa fare dopo l'uscita dei primi due".

The Signal è un add-on gratuito per chi ha comprato una copia nuova del gioco, uscirà il 27 luglio. The Writer arriverà invece più tardi e costerà 560 Microsoft Points.

Potete leggere la nostra recensione di Alan Wake a questo indirizzo.

Vai ai commenti (4)

Riguardo l'autore

Daniele Cucchiarelli

Daniele Cucchiarelli

Redattore

Lavora nel giornalismo videoludico da oltre 11 anni. Anche se tutti quelli che lo conoscono gli hanno consigliato di "trovarsi un lavoro serio", resta sempre fedele al suo primo amore.

Contenuti correlati o recenti

Articoli correlati...

Commenti (4)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza