Forza Motorsport 4

Un amore a quattro ruote.

Eravamo stati preparati al fatto che Dan Greenawalt, Creative Director di Turn 10, fosse un personaggio molto particolare e diverso dai soliti creativi.

Ci aspettavamo però che nel corso della presentazione alla stampa della nuova fatica sua e del suo team snocciolasse canonicamente dati e numeri: quanti tracciati, quante auto, quante ore di gioco... e invece, niente del genere.

Il nostro prode direttore creativo ci sorprende parlando di amore e passione, e lo fa riferendosi con trasporto non a una donna ma alla sua prima automobile, definendola un mezzo inguidabile, puzzolente e con mille difetti, ma con il pregio di essere un "biglietto per la libertà".

Non sorprende allora che Dan sia al timone di quello che per Microsoft è uno dei franchise intoccabili, uno di quelli per cui, in tempi tanto cupi, è ancora vantaggioso impegnare risorse in campagne marketing. Parliamo naturalmente di Forza Motorsport.

Dopo il precedente hands-on di Forza Motorsport 4, torniamo quindi a dare uno sguardo in anteprima a quello che, nelle intenzioni di Microsoft, rappresenta la risposta definitiva a Gran Turismo. La versione che ci viene presentata è indicata come pressoché definitiva, sebbene il fatidico day one sia stato fissato per il 14 ottobre e quindi ci sia ancora un po' di margine per ritocchi dell'ultimo momento.

Ciò che abbiamo visto girare con estrema fluidità sugli schermi HD è indubbiamente uno dei giochi più belli da vedere nel genere racing. Le ambientazioni sono da cartolina ma è soprattutto la qualità delle auto a colpire. Chi ha già sentito parlare della tecnologia Image-Based Lighting, sarà felice di sapere che la sua implementazione è perfettamente riuscita e i risultati si vedono eccome.

I riflessi sulle carrozzerie sono naturali in qualunque ambientazione, quelli sull'asfalto aggiungono un tocco di realismo e generalmente tutto ciò che riguarda l'illuminazione è ad altissimo livello. Segnaliamo inoltre che, nel corso della nostra prova su strada, non abbiamo assistito a cali del frame rate o se ce ne sono stati, non li abbiamo minimamente notati.

Dato che, come tutti sappiamo, non è solo dalla grafica che dipende la bontà di un gioco, cominciamo ad analizzare nel dettaglio ciò che ci è stato mostrato e le informazioni rivelate al pubblico.

Vai ai commenti (7)

Riguardo l'autore

Mike Ortolani

Mike Ortolani

Redattore

Dopo un passato di musicista, incontra il buon Silvestri che lo coinvolge con Eurogamer. Mike ne è entusiasta, ma nel suo animo è ancora abbastanza sicuro di essere un musicista.

Contenuti correlati o recenti

VideoI 10 giochi più attesi del 2020

Dopo tanti rinvii, comincia il valzer dei videogiochi più attesi.

RaccomandatoMO: Astray - recensione

Il miglior titolo più ignorato e meno recensito del 2019?

ArticoloDreams: i migliori giochi visti finora - articolo

La nuova opera di Media Molecule mette in mostra la creatività dei giocatori

EA ha bannato uno YouTuber da tutti i suoi giochi e servizi online

Si tratta del pro player di FIFA Kurt 'Kurt0411' Fenech.

Articoli correlati...

Commenti (7)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza