The Witcher 2 Soluzione, Atto 3, In nome di Temeria!

La guida di Eurogamer per non restare fermi al bivio.

THE WITCHER 2: ATTO 3: SENTIERO DI ROCHE

In nome di Temeria!

Raggiungete Loc Muinne dopo aver zittito qualche gruppo di arpie. Alle porte troverete dei membri dell'Ordine della Rosa Fiammeggiante, con i quali Roche parlerà per convincerli a farvi entrare in città. Roche vi aspetterà nella piazza centrale: prima di andarci a parlare, terminate qualsiasi compito o missione secondaria in atto

Una volta tornati da Vernon, andrete a parlare con re Radovid, che vi spiegherà il motivo della presenza dei nilfgaardiani e dei membri dell'Ordine in città, mentre voi gli racconterete di Sheala. Lui vi proporrà di aiutarlo nel recuperare la piccola Anais la Vallette, rapita da Dethmold, per affidarla alla sua custodia, promettendovi di farla pagare alla maga traditrice.

Una volta usciti, dovrete fare un'importante scelta: liberare Triss, ancora prigioniera di Shilard e dei nilfgaardiani (missione "Dov'è Triss Merigold?"), o aiutare il re con la piccola Anais (missione "Osso su Osso"). Ricordate che la scelta sarà esclusiva, non avrete alcuna possibilità di completare entrambe le missioni!

Dov'è Triss Merigold?

Continuerete in questa missione solo se deciderete di ignorare la richiesta di Radovid. Triss è stata torturata, probabilmente per estorcerle informazioni riguardanti la Loggia delle Maghe, e si trova al campo nilfgaardiano. Andate a Nord-Ovest della biblioteca in rovina e, una volta notate le due sentinelle, avvicinatevi e prendete in ostaggio l'ambasciatore Shilard. Entrate nel campo ed iniziate ad esplorarlo: presto incontrerete un nobile nilfgaardiano che, dopo aver ordinato alle guardie di uccidervi, toglierà la vita a Shilard con un dardo.

Sconfitti i vostri nemici, salite sui tetti delle rovine e sulla scala lì vicino, proseguendo lungo le mura. Lasciatevi cadere nella pozza d'acqua e preparatevi ad un ennesimo scontro. Terminata la battaglia, parlate con il nobile nilfgaardiano colpevole dell'omicidio di Shilard e fatevi raccontare dei piani che la Loggia e Triss avevano preparato per uccidere il re

A questo punto arriveranno altri soldati, e vi troverete costretti a fronteggiare sia loro sia il nobile con cui stavate parlando; attenzione, perché non sarà uno scontro facile (vi suggerisco di usare Quen e Aard, e di dispensare bombe ed unguenti con una certa generosità). Una volta superata la battaglia, cercate tra i resti di Renuald la chiave per il sotterraneo e per l'uscita del campo; potrete inoltre trovare un'armatura e una lettera indirizzata all'Imperatore.

Andate a liberare Triss, che vi racconterà di far parte della Loggia delle Maghe, ma di non aver preso parte ai piani riguardanti l'omicidio dei re dei Regni Settentrionali, orditi invece da Philippa e Sheala. Parlerà anche d del rapporto esistente tra Sheala e Letho, e degli accordi tra i due. Alla fine della piacevole conversazione, portate Triss fuori dal campo e otterrete la nuova missione "Il vertice dei maghi".

Vai ai commenti (4)

Riguardo l'autore

Lorenzo Fantoni

Lorenzo Fantoni

Redattore

Dentro un rugbista di 110kg dedito agli stravizi, batte il cuore di nerd vecchio stampo con lo sguardo perennemente abbronzato da uno schermo, anche d'estate.

Contenuti correlati o recenti

Articoli correlati...

Recensione | Gloomhaven - Dal cartone al digitale il passo è... falso

Il celebre gioco da tavolo arriva in formato digitale.

'The Elder Scrolls VI dovrà essere un gioco decennale' come Skyrim

Todd Howard punta forte su The Elder Scrolls VI.

Project Awakening è vivo e il nuovo video sfoggia un Cyllista Engine che flirta con il fotorealismo

Cygames ci mostra il motore grafico alla base di Project Awakening.

The Elder Scrolls VI potrebbe non uscire prima del 2026

Sarà un'attesa lunghissima per The Elder Scrolls VI?

Commenti (4)

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza