Picture of Stefano Silvestri

Stefano Silvestri

Editor in Chief, EG.it

Il suo passato è costellato di tutto ciò che è stato giocabile negli ultimi 30 anni. Dal ’95 a oggi riesce a fare della sua passione un mestiere, non senza una grande ostinazione e un pizzico di incoscienza.

Featured articles

Ralph Spacca Internet - recensione

Meglio di Ready Player One?

ArticoloCena con delHitman - articolo

Storia di un'insolita presentazione.

ArticoloDiablo Immortal e gli errori (veri e presunti) di Blizzard - editoriale

La casa di Irvine è al centro di una tempesta mediatica. Ma se la merita davvero?

ArticoloBlizzcon 2018: Diablo Immortal - prova

Le vie per l'Inferno sono infinite.

ArticoloRed Dead Redemption 2 e quel neo sulla Gioconda - editoriale

Capolavoro? Sì. Bellissimo? Sì. Però…

Dirigo Eurogamer.it, collaboro occasionalmente col Corriere della Sera, quotidianamente con la Gazzetta dello Sport, faccio il papà di una bambina di 10 anni e, quando posso, provo a fare sport. Una premessa questa che non è da equipararsi alla ruota di un pavone ma che vuole spiegare una cosa molto semplice: a dispetto di altri miei colleghi, non ho ancora trovato il tempo di finire Red Dead Redemption 2.

ArticoloRed Dead Redemption 2 - prova

Due ore col gioco più atteso dell'anno.

Dopo aver visto per due ore Red Dead Redemption 2 c'è una sola parola che viene in mente: "ambizione". D'altronde parliamo di un gioco di Rockstar, che dopo gli oltre 95 milioni di pezzi di Grand Theft Auto V, dopo aver creato il prodotto di maggior successo nella storia dell'entertainment, non può certo accontentarsi di creare semplicemente un gioco che venda più del precedente.

ArticoloDean Ayala e il futuro Hearthstone - intervista

Mazzi aggro, mill, OTK, Ciciazampa, Illidan e Blizzard che ci trolla: a tu per tu con Dean Ayala, senior game designer di Hearthstone.

Ho intervistato il buon Dean Ayala lo scorso anno nel corso dell'HTC Winter Championship di Nassau. In quell'occasione gli ho posto alcune domande la cui risposte non hanno esattamente coinciso col percorso poi seguito dal gioco di Blizzard. E cosa di meglio di un nuovo tête-à-tête per fare il punto della situazione col senior game designer di Hearthstone?

ArticoloFist of the North Star: Lost Paradise - prova

Ma è meglio Ken il Guerriero il Dragone di Dojima?

Quando si parla di Ken il Guerriero, Hokuto No Ken o Fist of the North Star che dir si voglia, per quanto riguarda il sottoscritto si entra nel campo della religione. È stato uno dei miei eroi della gioventù, e ho guardato così tante volte le sue puntate che mia madre ne ha messo una sua immagine nel quadro di famiglia.

ArticoloCyberpunk 2077: la nostra intervista su visuale in soggettiva, omosessualità, libertà creativa e aspettative dei fan

Abbiamo passato trenta minuti con Patrick Mills, Quest Designer di CD Projekt RED. Ecco quello che ci siamo detti.

La reazione dei fan alla demo di Cyberpunk 2077 mostrata all'E3 di Los Angeles, è stata emblematica di quanto sia difficile oggi riuscire a gestire il rapporto col pubblico mantenendo dritta la barra della propria libertà creativa.

Quando si parla della serie Persona bisogna prepararsi al fatto che non ci si riferisce mai a videogiochi banali. La serie di Shin Megami Tensei: Persona (com'è anche conosciuta in Giappone) è infatti pervasa da un misto di originalità che in alcuni momenti sconfina nella follia, senza però andare mai oltre quei limiti che spesso si vedono varcati nel mondo dei videogame.

ArticoloGamescom 2018: Assassin's Creed: Odyssey - prova

Non starà diventando troppo hardcore?

Da parte del sottoscritto, appassionato alla serie di Assassin's Creed sin dai suoi esordi, c'è una certa attesa per il prossimo Odyssey, in uscita il 5 ottobre. Perché da un lato il film 300 è uno degli esperimenti cinematografici più intriganti dell'ultimo decennio, e i protagonisti Kassandra ed Alexios, nati a Sparta e in lotta contro l'egemonia ateniese, paiono agganciarsi perfettamente al film diretto da Zack Snyder nel 2007.

ArticoloGamescom 2018: Ori and the Will of the Wisp - prova

La splendida esclusiva per Xbox ci conquista alla Gamescom con le Spirit Trials.

Era il giugno 2014 quando, per la prima volta, facemmo la conoscenza del tenero Ori sul palco dell'E3. L'avventura del dolce spirito della foresta si è rivelata una piccola perla, un metroidvania dalle tinte fiabesche capace di catturare chiunque grazie ad un comparto artistico ispirato e a un gameplay solido e stimolante.

ArticoloGamescom 2018: Metro Exodus - prova

La rinascita dopo l'apocalisse è un miraggio

Un altro significativo passo è stato fatto verso la pubblicazione di questo atteso sequel ispirato a Metro 2035, terzo romanzo della saga horror/post-apocalittica di Dmitry Glukhovsky. Nel periodo successivo all'E3 gli sviluppatori della 4A Games avevano svelato succosi dettagli sui pericoli che avremmo incontrato nel corso dell'avventura. Demoni e Watchman ci minacceranno piombando dall'alto con le loro ali nere come la notte, o affondando i loro artigli nelle nostre carni.

È proprio vero, Switch ha fatto breccia nel cuore di noi giocatori e gli incoraggianti dati di vendita hanno attratto come api al miele anche i più noti sviluppatori e publisher da ogni parte del globo, che tentano di cavalcare il successo della piccola grande console Nintendo. E se a muoversi è Blizzard, allora la direzione è chiara. Abbiamo visto tra i migliori titoli degli ultimi anni approdare in versione adattata per Switch, ed è con Diablo 3 che il colosso californiano vuole farsi largo. Al solo annuncio abbiamo da subito immaginato il potenziale in mobilità di uno dei migliori esponenti del suo genere e, con quanto dichiarato alla Gamescom, Blizzard ce ne dà conferma. Diablo 3: Eternal Collection non sarà un semplice porting della versione per le console da salotto, ma conterrà di tutto e di più.

"Intraprendi il cammino verso la vendetta in una nuova avventura di FromSoftware. Esplora il Giappone alla fine del 1500, in pieno periodo Sengoku: un'era violenta percorsa da conflitti brutali e in bilico tra la vita e la morte. Affronta straordinari nemici in un mondo oscuro e perverso. Scatena protesi letali e potenti abilità ninja unendo azione furtiva, movimento verticale e combattimenti viscerali in un'avventura sanguinolenta. Vendicati. Riscatta il tuo onore. Uccidi con astuzia."

ArticoloGamescom 2018: Anthem - prova

“Un action-RPG social coop di BioWare.”

Di Anthem, in questi mesi, si fa sempre più parlare. D'altronde con l'avvicinarsi della release date (il gioco uscirà il prossimo 22 febbraio per Xbox One, PS4 e PC), non solo cresce l'hype del pubblico videogiocante, ma Electronic Arts inizia sempre più a premere il piede sull'acceleratore delle public relation, elargendo con sapienza le informazioni del caso.

ArticoloGli esport, per affermarsi, devono coinvolgere - editoriale

Il successo della Overwatch League e i piani virtuosi di Blizzard possono essere di lezione per tutti.

Tanto tuonò che piovve. O, nel nostro caso, tanto Blizzard nei mesi scorsi ha decantato la bontà della nuova Overwatch League, che alla fine quello che s'è tenuto al Barclays Center di Brooklyn è stato uno dei migliori spettacoli di esport mai visti.

ArticoloE3 2018: Zone of the Enders The 2nd Runner M∀RS - prova

Pronti a saltare di nuovo sul vostro Jehuty?

Riuscite ad immaginare l'accoglienza che può ricevere un gioco di Hideo Kojima che non sia Metal Gear, o che sia Metal Gear senza Hideo Kojima? Quantomeno controversa... e questo è il periodo giusto per immaginarlo, siete d'accordo? I fan del geniale game designer si avvicinarono lentamente e con diffidenza a quel titolo, per poi scoprire che si trattava di una piccola (nel senso della durata) gemma.

ArticoloE3 2018: Starlink: Battle for Atlas - prova

I toys-to-life vanno nello spazio per tornare in vita.

Ubisoft negli ultimi anni ha dimostrato che quando si tratta di lanciare nuove IP (o di rilanciarne di vecchie), non teme rivali. Il colosso transalpino dal 2015 a oggi ha infatti creato licenze quali Steep, The Division, For Honor e Mario + Rabbids Kingdom Battle, più di quanto non abbiano fatto Activision ed Electronic Arts.

ArticoloE3 2018: Resident Evil 2 - prova

Come prima, più di prima.

È uno dei giochi che abbiamo visto per ultimi ma non certo perché tra i meno importanti. Parliamo di Resident Evil 2, o meglio sarebbe dire del nuovo Resident Evil 2, dato che a distanza di 20 anni esatti Capcom ha deciso di riproporre il capolavoro dei uno dei giochi horror che ha segnato un'epoca.

Di Underworld Ascendant abbiamo scritto per la prima volta nel 2014, data in cui venne reso noto che Paul Neurath, co-fondatore degli storici Looking Glass, nonché tra gli autori di titoli come Thief, System Shock e Ultima Underworld, annunciava la nascita di un nuovo studio indipendente, gli OtherSide Entertainment. Il loro obiettivo sarebbe stato recuperare le atmosfere di franchise classici, tra cui Ultima Underworld, che sarebbero così tornati in vita con Underworld Ascendant.

ArticoloE3 2018: Destiny 2: I Rinnegati - prova

Combatti, raccogli, deposita e invadi: le nostre impressioni sulla modalità Azzardo.

Errare è umano, perseverare è bestiale. E bisogna dare atto a Bungie di essersi rimessa prontamente in carreggiata dopo aver commesso degli errori successivamente al lancio di Destiny 2. I primi segnali del cambio di rotta li si è visti con La Mente Bellica, ma sarà con I Rinnegati che probabilmente si tornerà ai fasti di un tempo. O quantomeno, ci si andrà vicini.

ArticoloE3 2018: The Division 2 - prova

Ubisoft stavolta fa sul serio.

Quello che unisce The Division a Destiny è un... destino (scusate il gioco di parole) davvero curioso. Il blockbuster di Activision, infatti, è uscito nel 2014 ed è stato capace di ridefinire il mondo dei videogame, introducendo su console e poi su PC un genere che ancora mancava. Il successo iniziale è stato esplosivo, poi però come quegli artisti troppo attaccati alle proprie opere, Bungie ha dato un ritocchino qui, una cesellata là, e con la convinzione di migliorarsi ulteriormente ha in realtà finito col peggiorare qualcosa che aveva bisogno di ben altri interventi. Il risultato è che il franchise si presenta a questo E3 di Los Angeles col fiato corto, e una montagna da scalare nuovamente. E pensare che fino a poco era sulla vetta...

Quando nel 2007 uscì il primo Assassin's Creed, il mondo dei videogiochi venne scosso dalle sue fondamenta. La fervida mente di Patrice Desilets ideò infatti qualcosa che non si era mai visto e che fece immediatamente breccia nel cuore degli appassionati, proiettando definitivamente Ubisoft nell'Olimpo dei videogiochi, nel quale siede da tempo subito dietro Activision Blizzard ed Electronic Arts.

ArticoloE3 2018: Ori and the Will of the Wisps - prova

Una delle esclusive più intriganti del catalogo Xbox.

Quattro anni fa, sul palco di Microsoft, faceva la sua apparizione il piccolo Ori, una strana creatura luminosa chiamata a salvare una foresta distrutta dalle tenebre. Nel lontano 2014 ci siamo fatti incantare da una poetica delicata, toccante e decisamente struggente. Dopo tutto questo tempo torna sul palco Microsoft, durante l'E3 2018, l'opera di Moon Studio con il sequel di quel titolo eccellente: Ori and the Will of the Wisp. La foresta ci chiama di nuovo, il pericolo sta arrivando.

ArticoloE3 2018: Control - anteprima

Gli esami non finiscono mai, soprattutto per Remedy Entertainment.

"Gli esami non finiscono mai", diceva Eduardo De Filippo. Una frase questa che ho sentito sin da piccolo e che, invecchiando, ho imparato ad apprezzare sempre più. Capendo però che in questo la vita è estremamente democratica, perché siamo sempre tutti sotto esame, che si sia bambini o adulti, poveri o ricchi.

Cyberpunk 2077 è uno dei migliori casi di public relation degli ultimi tempi. Del videogame s'è visto finora poco o nulla in questi anni, giusto un trailer in computer grafica, eppure nel raccogliere le informazioni relative al prossimo gioco di CD Projekt ci si accorge di come, dichiarazione dopo dichiarazione, indiscrezione dopo indiscrezione, vi sia già una fitta letteratura in proposito.

primo precedente