Se clicchi sul link ed completi l'acquisto potremmo ricevere una commissione. Leggi la nostra policy editoriale.

BioShock 2 - Soluzione Completa

La dura vita del Big Daddy ora diventa più facile!

WALKTHROUGH

Capitolo 7/2

Quando entrerete sul palco, la porta si chiuderà, e dovrete combattere contro una serie piuttosto impegnativa di avversari. Gli ultimi del lotto saranno due Big Daddy della serie Alpha. Approfittate della pozza d'acqua e della macchina dei plasmidi per rendere il combattimento più abbordabile, e fate piazza pulita. A questo punto uscite dal teatro e distruggete l'ultimo segnalatore.

A questo punto tornate alla porta con il codice a riconoscimento vocale e usate di nuovo l'audio-diario. Questa volta nessuno vi ostacolerà e potrete sbloccare l'accesso al Plasmid Laboratory, da dove potete raggiungere la camera di pressurizzazione per uscire di nuovo sul fondo dell'oceano. Ovviamente nel tragitto verrete ostacolati dal solito nugolo di Ricombinanti di cui potrete disporre a piacimento. Oltrepassate la zone nell'oceano ed entrate nella seconda parte della Fontaine Futuristics.

Fatevi strada attraverso il Plasmid Laboratory fino alla console illuminata, dove la solita registrazione di Alexander vi dirà di attivare i due circuiti nella stanza per riattivare la corrente all'intera zona. Eseguite le operazioni e riaccendete la luce.

Appena attiverete la corrente Gil Alexander vi parlerà, scatenandovi contro altri due Big Daddy Alpha. Fateli fuori e preparatevi a recuperare le quattro piante infuse di Adam richieste da Gil Alexander. La prima si trova proprio sulla console da dove avete riattivato l'elettricità.

Avanzate fino alla stanza sulla parte destra del laboratorio principale, eliminate i Ricombinanti e recuperate la seconda pianta. Fate attenzione a non colpire accidentalmente il Big Daddy nelle vicinanze, se non volete essere costretti ad affrontarlo.

La prossima pianta è nell'area delle docce, sulla sinistra del laboratorio principale. Ovviamente anche qui c'è la solita dose di Ricombinanti da eliminare, affiancata da alcuni Big Daddy Alpha. La pianta si trova in un angolo buio al piano terra.

La quarta pianta di Adam è situata nelle celle di contenimento sotto al laboratorio. Recuperatela, e a questo punto potrete stanare Gil Alexander dal proprio nascondiglio. Nel recuperarla fate attenzione ai Big Daddy Alpha di pattuglia. Una volta preso l'oggetto di cui avevate bisogno, tornate alla console di comando.

Attivatela per ricevere da Alexander il campione biologico necessario per accedere al laboratorio segreto della dottoressa Lamb. A questo punto Gil vi chiederà di ucciderlo, e starà a voi decidere cosa fare. Ricordate solo che, anche in questo caso, per ottenere il finale positivo dovete lasciarlo vivere. Effettuate la vostra scelta e tornate sui vostri passi. Attivate l'interruttore della pompa di benzina nel tratto di oceano che avevate superato poco fa, e aprirete un passaggio segreto. Percorretelo, attivate l'ascensore e preparatevi ad entrare nella struttura chiamata Persephone.

Una volta entrati camminate fino alla stanza dove Eleanor Lamb è custodita, e preparatevi ad affrontare due Big Sister contemporaneamente. Si tratta di un combattimento difficile. Muovetevi continuamente e fate affidamento sul plasmide Sciame e sull'accoppiata Electrobolt e Incinerate. Affidatevi alla carica con la trivella quando riuscirete a stordire almeno una delle due sorelle. Una volta terminato il combattimento avvicinatevi alla cella di Eleanor e verrete messi ko da un gas tossico.

Vi risveglierete su un tavolo, incapace di fare qualsiasi cosa. Eleanor ha trasferito la vostra coscienza all'interno di una Little Sister, quindi ora continuerete la vostra avventura in questi panni inusuali. L'obiettivo, a questo punto, è quello di trovare le parti del costume da Big Sister per indossarle. Entrate nel condotto delle sorelline per accedere all'area esterna e iniziare la ricerca.

A proposito dell'autore
Avatar di Filippo Facchetti

Filippo Facchetti

Contributor

Filippo Facchetti è un rispettabile nerd da sempre appassionato di "giochini elettronici". Prima di approdare a Eurogamer scrive per importanti riviste di settore e conduce programmi TV dedicati all'intrattenimento digitale.

Commenti