Se clicchi sul link ed completi l'acquisto potremmo ricevere una commissione. Leggi la nostra policy editoriale.

Project Sword su dispositivi iOS

Il futuro dei giochi mobile secondo Epic.

Project Sword di Epic, la vera star della conferenza di Apple la scorsa notte, è il primo gioco basato sull'Unreal Engine 3 per la piattaforma iOS, e molti pensano che questo sia un salto qualitativo importante in termini di grafica 3D per i dispositivi portatili Apple.

Dall'annuncio iniziale dell'utilizzo dell'UE3 su iOS poco è stato mostrato, al di là di un livello di Unreal Tournament eseguito su iPhone 3G. Nel corso della GDC 2010, Josh Adams di Epic aveva descritto il processoattraverso il quale l'engine veniva utilizzato sulla piattaforma Apple.

I possessori di iPhone 3GS, iPad e iPhone 4 possono vautare l'impatto di Project Sword e dell'Unreal Engine 3 su questi sistemi visitando iTunes; in alternativa potete consultare questa galleria di immagini e il filmato incorporato in questo articolo.

Nel video la qualità a livello tecnico e di artwork è rimasta intatta ma a causa di difficoltà tecniche non è possibile raggiungere nel filmato lo stesso frame-rate della demo. Il gameplay rimane ancorato sui 30FPS e solo nel caso delle visuali "guidate", in cui si offre una panoramica della mappa, il framerate tende a diminuire visibilmente.

I modelli più vecchi di iPod Touch e di iPhone non possono supportare giochi basati sull'Unreal Engine 3 su iOS; la tecnologia sfrutta le OpenGL ES 2.0 che sono supportate solo dai modelli più recenti. La demo raggiunge buone prestazioni invece su iPhone 4 e iPad, e la maggior densità dei pixel sul primo dei due dà l'impressione di una risoluzione maggiore delle texture su iPhone.

La demo non offre molta sostanza in termini di contenuti ma dà prova di un interessante schema di controllo e soprattutto mostra una grafica impressionante. Sfiorando lo schermo potete muovervi per la mappa, mentre trascinando il dito lungo lo schermo potete guardarvi attorno anche se vi state muovendo. Inoltre i joystick virtuali utilizzati in Geometry Wars fanno il loro ritorno in questa tech demo.

L'obiettivo di Epic con Project Sword non è quello di competere con i titoli casual disponibili su App Store ma piuttosto attrarre verso dispositivi portatili quei giocatori che si sono abituati a tecnologie più avanzate sulle console HD.

"Non sarebbe saggio da parte nostra competere con titoli quali Bejeweled e Angry Birds su iPhone", ha dichiarato Mike Capps di Epic a Gamasutra. "Stanno facendo un ottimo lavoro. Per me si tratta di portare la qualità di esperienze come quelle offerte da Gears e Shadow Complex su dispositivi mobile, e in questo momento credo che l'obiettivo sia alla nostra portata."

Capps ha rivelato inoltre che dal punto di vista delle licenze sarà adottato un approccio analogo a quello utilizzato per l'Unreal Development Kit (UDK); Epic chiederà una percentuale legata alle vendite dei giochi. Mark Rein ha aggiunto che quando la tecnologia sarà pronta, Epic proporrà diversi modelli per le licenze.

Rimane da dimostrare il vantaggio che questa tecnologia può dare agli sviluppatori indipendenti. Raggiungere gli standard della grafica della demo di Epic Citadel richiederà non solo il pagamento a Epic per l'UE 3 e ad Apple per la piattaforma, ma imporrà anche maggiori investimenti dal punto di vista del budget dedicato alla dimensione artistica. L'utilizzo innovativo della tecnologia potrebbe comunque garantire ottimi risultati senza investimenti eccessivi, mentre i publisher più importanti potrebbero adattare i titoli già pubblicati su PC, PlayStation 3 e Xbox 360 che utilizzano il middleware di Epic.

Taggato come
A proposito dell'autore

Nicola Congia

Contributor

Commenti