Se clicchi sul link ed completi l'acquisto potremmo ricevere una commissione. Leggi la nostra policy editoriale.

DmC: Devil May Cry

Capcom e Ninja Theory parlano del reboot della serie.

L'annuncio che Devil May Cry sarebbe stato soggetto a un pesante restyling è stata probabilmente la notizia più controversa del Tokyo Game Show appena conclusosi (forse anche perché è stata un'edizione francamente sotto tono). La parola "reboot" è più che sufficiente per far storcere la bocca di qualunque fan e il trailer non è stato certo di aiuto.

Un nuovo Dante, più giovane, più arrogante, più sfacciato, vagamente emo, e un nuovo sviluppatore inglese? Per qualcuno è più che sufficiente per mettere mano a torce e forconi. Al punto che anche Hideki Kamiya, creatore della serie, ha dovuto dire la sua su Twitter.

Ma Hideaki Itsuno, di Capcom Japan, che ha lavorato su tutti e quattro i Devil May Cry, pensa che i Ninja Theory siano il team giusto per svolgere il lavoro. Dello stesso avviso sono il produttore Motohide Eshiro e Alex Jones di Capcom America, entrambi profondamente coinvolti nella gestione del progetto. E non poteva che esserlo il direttore creativo e co-fondatore di Ninja Theory, Tameem Antoniades, il quale in proposito ha fatto una chiacchierata coi nostri colleghi inglesi. Vediamo cosa è uscito fuori dall'unione di tutti questi punti di vista differenti.

Eurogamer Ok, chiariamo subito una cosa, questo Dante è differente o è più o meno il personaggio che abbiamo imparato ad apprezzare negli anni?
Alex Jones

Non possiamo essere troppo dettagliati ma una cosa possiamo dirla: è il solito Dante, solo più giovane. Stiamo cercando di raccontare nuovamente le origini del personaggio.

Eurogamer Quindi il gioco è ambientato prima che scoprisse l'acqua ossigenata?
Alex Jones

Forse lo scoprirete giocandoci!

Eurogamer Sicuri di non poterci dire niente di più sui capelli? I fan della serie si stanno scannando su questo argomento.
Tameem Antoniades

Beh, se guardate attentamente il trailer, noterete una macchia bianca nei capelli.

Eurogamer Ah, Dante è uno di quelli che imbiancano prima del tempo?
Alex Jones

Chissà, vedremo.

Eurogamer Ok, staremo a vedere. Potete dirci qualcosa di più sul funzionamento di questa collaborazione tra Ninja Theory, Capcom Japan e Capcom America?
Alex Jones

Capcom Japan supervisiona la parte creativa, per essere sicuri che non ci si allontani troppo dalle caratteristiche fondamentali di Devil May Cry. Quindi ci sono io, di Capcom America, che devo gestire il progetto a livello logistico, mentre i Ninja Theory sono i veri e propri sviluppatori del titolo.

Motohide Eshiro

Una delle cosa che eravamo curiosi di sperimentare, con tre studi di produzione che lavorano fianco a fianco, era collaborare più strettamente con Capcom America, mescolando il meglio di entrambi i metodi di lavoro e vedere cosa ne usciva.

Ci sono uno stile di produzione e un'organizzazione tipicamente americani, che differiscono completamente da quelli giapponesi: volevamo lavorare insieme in modo da far emergere il meglio di entrambi gli stili, per creare un prodotto unico.

Eurogamer Dunque è stata Capcom a proporre l'idea a Ninja Theory ?
Alex Jones

Capcom Japan è andata da Capcom America e ha detto: "vogliamo che esploriate nuove direzioni per Devil May Cry", senza specificare se volevano un sequel, un reboot o altro.

Alcuni di noi avevano avuto esperienze positive nel lavorare con i ragazzi di Ninja Theory, e se avete giocato a Heavenly Sword o a qualunque altro loro titolo, capirete che hanno il bagaglio d'esperienza adatto per rendere Devil May Cry speciale. Ci sono sembrati la scelta più naturale.

Quando abbiamo capito che erano i tipi giusti per il lavoro li abbiamo incontrati insieme ai nostri colleghi giapponesi. L'idea di fare un reboot è nata in maniera spontanea dopo un lavoro di circa sei mesi, non è iniziato tutto all'improvviso.

Il trailer del nuovo DmC presentato al TGS.
Eurogamer Cosa intendete per "reboot"?
Motohide Eshiro

Prendiamo come esempio Devil May Cry 4. Contando anche la versione PC abbiamo venduto 2,7 milioni di copie del gioco, ma guardando il mercato abbiamo visto che c'erano titoli simili che vendevano quattro, cinque milioni di copie.

Uno dei nostri obiettivi è creare qualcosa di nuovo, di originale, una rinascita, che piaccia ai vecchi fan della serie ma che sia appetibile anche per tutti gli altri, così da incrementare il nostro pubblico, le nostre vendite e la nostra immagine.

Quando parliamo di rinascita, vogliamo dire che il nostro obiettivo è tornare alle radici, scavare più a fondo, cercare di espandere le idee di base per rendere la serie più appetibile per un pubblico più vasto. Vogliamo dare al titolo un nuovo punto di partenza, una rinascita, appunto.

A proposito dell'autore
Avatar di Lorenzo Fantoni

Lorenzo Fantoni

Contributor

Dentro un rugbista di 110kg dedito agli stravizi, batte il cuore di nerd vecchio stampo con lo sguardo perennemente abbronzato da uno schermo, anche d'estate.

Commenti