Se clicchi sul link ed completi l'acquisto potremmo ricevere una commissione. Leggi la nostra policy editoriale.

E3 2016: Forza Horizon 3 - prova

Tanta roba...

Diciamolo, la presenza di Forza Horizon 3 all'E3 2016 non è stata una sorpresa. Vuoi per i leak, ormai diventati un inevitabile strumento informativo di ogni giornalista che si rispetti, vuoi perché all'ingresso del Galen Center era esposta un'inequivocabile Lamborghi Centenario che lasciava bene intendere la velleità motoristiche di Microsoft.

E infatti così è stato, il che però non significa che ciò che abbiamo visto non ci abbia sorpreso, visto anche che in serata siamo tornati al Galen Center per partecipare all'Xbox Media Showcase, che ci ha fornito l'opportunità di provare fugacemente il gioco nella sessione che ho 'immortalato' sul nostro canale YouTube e che vi ripropongo embeddata qui sotto.

La prima cosa da dire è che con questo capitolo l'Horizon Festival si sposta in Australia, il che a ben vedere è una scelta sensata se si pensa che si tratta di un territorio poco sfruttato dai videogiochi e capace di proporre situazioni climatiche e geografiche notevolmente diverse. Ma è anche un vero e proprio continente, ed è per questa ragione che i Playground Games stanno realizzando una mappa che sarà due volte più grande rispetto a quella del precedente capitolo.

Come se ciò non fosse sufficiente, gli sviluppatori hanno pensato bene di metterci del loro, con gare che ci porteranno a correre lungo la battigia della spiaggia dei Dodici Apostoli (uno dei posti più suggestivi al mondo) o ad attraversare in corsa delle caverne bioluminescenti. O, ancora, a correre nel desertico Outback australiano, per poi trovarci ad attraversare a tutta birra una foresta tropicale. E poi, perché no, ci saranno anche tracciati cittadini, il che ci fa capire che la sfida offerta da Forza Horizon 3 sarà intrigante.

Condizioni così diverse, però, richiedono un parco macchine all'altezza, dato che una Lamborghini Centenario non è che dia il massimo sullo sterrato. Ecco perché gli sviluppatori promettono un garage di circa 350 macchine, incluse concept car come il succitato prototipo della casa del toro, mostrato a marzo al Salone di Ginevra, o il nuovo Ford Raptor. Per l'occasione però faranno la loro comparsa anche tipologie di macchine inedite in un Forza, come l'Ariel Nomad, un buggy della Penhall Cholla e bestioni da fuoristrada come il B.J. Baldwin's Trophy. La lista completa dei veicoli verrà comunque divulgata verso la fine di questa estate.

Tecnicamente parlando, per quello che abbiamo visto il gioco ci è sembrato eccellente. Tant'è che essendo disponibile sia per Xbox One che per Windows 10, per un attimo ci è balenata l'idea di stare giocando alla versione PC. Ma in realtà avevamo in mano il pad della nuova Xbox One S, il che ha ulteriormente valorizzato l'operato dei Playground.

I quali, stando alle informazioni divulgate da Microsoft, pare abbiano posto particolare attenzione nel ricreare i cieli australiani, scattando migliaia di foto con una fotocamera HDR per ricreare un time-lapse della durata di 24 ore che ricrei nel modo più realistico possibile l'arco delle giornate australiane. Ma sarebbe sbagliato focalizzarsi solamente su quello che c'è in cielo, perché anche la qualità grafica delle ambientazioni e dei modelli delle macchine è degna di un gioco della serie Forza.

Quindi, riassumendo, abbiamo un nuovo territorio su cui correre, nuove macchine e una bella grafica. Tutto qui? No, perché Forza Horizon 3 introduce una novità mica da poco. Mentre nei precedenti capitoli noi partecipavamo a un festival motoristico, stavolta saremo noi a organizzarlo e il nostro obiettivo sarà quello di farlo diventare l'evento più importante al mondo. Affinché ciò accada potremo non solo decidere le musiche che verranno suonate durante il raduno, ma soprattutto impostare le corse grazie a un nuovo strumento chiamato Horizon Blueprint.

Il parco macchine di Forza Horizon 3 è di tutto rispetto.

In sostanza si tratta dello stesso editor usati dagli sviluppatori, che ci permetterà di creare le corse che vogliamo, come le vogliamo. Potremo quindi prendere le gare offerte dal gioco e modificarle oppure crearne di nostre impostando parametri quali l'orario in cui si corre, le condizioni climatiche, il tipo di tracciato, le restrizioni alle classi di macchine ammesse e persino il nome e la musica di sottofondo.

Queste corse potranno poi essere condivise coi nostri amici per sfidarli a ottenere un tempo migliore del nostro, ma ovviamente varrà anche il contrario, ossia noi potremo correre sui tracciati ideati da coloro che abbiamo nella contact list. Il bello è che i punti che guadagneremo così facendo saranno gli stessi che otterremmo disputando le gare offerte dai Playground Games ed è facile capire che tra le sfide offerte di default, quelle nostre e quelle ideate dagli altri, la longevità di Forza Horizon 3 sarà pressoché infinita.

Poco fa scrivevo che il nostro obiettivo, in quanto organizzatori dell'Horizon Festival, sarà di farlo diventare l'evento più importante al mondo. Ma come succederà all'atto pratico? Stando a quando affermato da Microsoft, sarà tutta una questione di Drivatar che, per chi ancora non lo sapesse, sono i piloti virtuali ricavati dalle prestazioni dei giocatori reali.

Ebbene, grazie alla nuova feature di nome Drivatar Lineup, potremo sfidare i Drivatar altrui e, in caso di vittoria, far sì che tutti i risultati da loro ottenuti nell'Horizon Festival vadano a ingrossare il nostro punteggio. Il festival di maggior successo sarà ovviamente quello col totale più alto, e siccome i posti nella nostra scuderia virtuale sono limitati, ci troveremo a dover 'assumere' e 'licenziare' i Drivatar altrui. Il che è un'idea molto furba, dato che ci spingerà a correre e a ottenere i risultati migliori, così che i nostri alter ego digitali siano più appetibili per gli altri giocatori.

Una Lamborghini Centenario in spiaggia? Con Forza Horizon 3 tutto è possibile.

Un approfondimento a parte lo meritano anche le musiche del gioco con cui, lo ricordo, potremo personalizzare l'Horizon Festival e, ovviamente, anche la nostra colonna sonora mentre giochiamo. Innanzitutto i Playground Games hanno mantenuto le vecchie stazioni radio (come Bass Arena e Horizon Pulse) e ne hanno aggiunte di nuove, che ci proporranno musiche di generi quali hip-hop, heavy rock e punk, appartenenti a etichette quali Hospital Records, Epitaph Records, Vagrant Records e Future Classic.

Già così l'offerta musicale sarebbe la più vasta nella storia della serie, non fosse che verrà introdotta anche la stazione radio Groove, che in realtà suonerà tutte le nostre canzoni che avremo avuto prima cura di copiare nel cloud su OneDrive. Basterà quindi creare una playlist su Windows 10 per poterla poi esportare (e ascoltare) in Forza Horizon 3.

Un'interessante spunto, questo, che ci permette di parlare della nuova caratteristica che avranno tutti i giochi di Microsoft, e che varrà anche in questo caso, ossia Xbox Play Anywhere, che ci permetterà di provare Forza Horizon 3 sia su Xbox One che su Windows 10, dato che i salvataggi saranno condivisi. Difficile dire quanti utenti al mondo ci siano che abbiano i reale bisogno di portare avanti le loro sessioni saltando da una piattaforma all'altra, ma è comunque una novità molto interessante che sottolinea (ma lo avevamo anticipato mesi fa nei nostri editoriali) che Xbox sarà sempre meno una console e sempre più una piattaforma.

Il bello, così facendo, è tra l'altro che potremo sfidare i nostri amici indipendentemente dalla macchina su cui stanno giocando, e quindi dal nostro PC potremo gareggiare contro un nostro amico su Xbox One, e viceversa. Il Digital Foundry ci dirà se si tratterà o meno di una sfida alla pari ma è anche vero che questa tecnologia ci permetterà anche il coop cross-platform fino a quattro persone.

Non solo auto da corsa: Forza Horizon 3 permetterà di correre anche nelle foreste australiane.

Prima di concludere questa succosa anteprima, è il caso di parlare delle possibilità di personalizzazione offerte da Forza Horizon 3. Di ogni bolide si potranno cambiare non solo le livree e il setup, come in ogni Forza che si rispetti, ma anche la carrozzeria (con kit di costruttori quali Rocket Bunny e Liberty Walk) e i cerchioni, potendo scegliere tra quelli di Rotiform, Fifteen 52 e ADV.1.

Insomma, le modalità di personalizzazione sono tante, forse anche troppe per la maggior parte delle persone. A chi non se la senta di mettersi in officina verrà in soccorso la casa d'aste e il negozio, in cui i giocatori potranno comprare e vendere le loro macchine, nonché le modifiche estetiche o le regolazioni. Sulla cui bontà non si dovrà sperare, perché Forza Horizon 3 introdurrà un nuovo sistema di rating degli 'artigiani digitali' che terrà conto dei download e della soddisfazione degli acquirenti. Inoltre sarà possibile seguirli come su Facebook, così che ogni loro nuova creazione ci venga immediatamente segnalata.

Concludendo, il gioco di corse di Microsoft è stata una bella conferma, nonché un ottimo modo da parte di Microsoft di dimostrare lo potenzialità dell'Xbox Play Anywhere. E il bello è che per metterci le mani sopra non dovremo neppure aspettare molto, dato che Forza Horizon 3 sarà disponibile il 27 settembre per Xbox One e Windows 10.


Per tutti gli altri articoli dalla fiera di Los Angeles, consultate la nostra pagina dedicata all'E3 2016.

A proposito dell'autore

Avatar di Stefano Silvestri

Stefano Silvestri

Editor in Chief, EG.it

Il suo passato è costellato di tutto ciò che è stato giocabile negli ultimi 30 anni. Dal ’95 a oggi riesce a fare della sua passione un mestiere, non senza una grande ostinazione e un pizzico di incoscienza.

Commenti

More Anteprime

Ultimi Articoli