Se clicchi sul link ed completi l'acquisto potremmo ricevere una commissione. Leggi la nostra policy editoriale.

Elden Ring NPC: Tutti i personaggi e le missioni secondarie

La lista completa degli NPC di Elden Ring e come completare tutte le missioni secondarie.

Elden Ring continua nella tradizione di FromSoftware di integrare nel mondo di gioco una lunga serie di NPC e soprattutto di enormi missioni secondarie, che in questo caso alzano il sipario su tantissime ricompense esclusive e, soprattutto su una caterva di aree nascoste.

In questa guida agli NPC e alle missioni secondarie abbiamo raccolto tutte le informazioni che abbiamo trovato riguardo i personaggi e le questline presenti in NPC stando molto attenti a evitare di fare spoiler relativi alla trama. Ovviamente la guida è in continuo aggiornamento, e la completeremo di volta in volta con le nuove informazioni che avremo raccolto riguardo le questline.

Ecco, quindi, la nostra guida in continuo aggiornamento alle missioni e agli NPC di Elden Ring. Ovviamente se avete delle domande potete scrivere nei commenti e vi risponderemo immediatamente, dato che saremo attivi tutto il giorno su queste pagine.

Inutile dire che questa guida contiene spoiler importanti per la trama di Elden Ring.

Se volete tenere traccia degli NPC in una guida senza spoiler, vi consigliamo di leggere la nostra Soluzione e l'ordine migliore per completare il gioco.

Tutti gli NPC e le missioni secondarie:

Varré

Il primo personaggio che incontrerete fuori dal vostro sepolcro è Varré, che vi darà qualche informazione essenziale per aiutarvi nel vostro cammino. Rimarrà nella stessa posizione finché non eliminerete Godrick.

Una volta eliminato Godrick, Varré si sposterà alla Chiesa della Rosa, un punto di interesse che si trova nella Liurnia Lacustre, poco a sud dell'Accademia di Raya Lucaria. Qui, vi regalerà un oggetto: un dito per invadere il mondo di un altro giocatore. Fatelo per tre volte e avvierete lo step successivo.

Una volta completata l'Invasione, Varré vi chiederà se vorrete unirvi al Signore del Sangue. Per la prova finale, dovrete impregnare un drappo con il sangue di una donna.

Se non volete uccidere nessun NPC di sesso femminile, c'è un metodo per evitarlo: andando nella zona di Quattro Campanili, a ovest di Liurnia Lacustre, potete usare una Chiave della Spada di Pietra Magica per aprire il Portale "Cappella dell'Attesa". Questo vi riporterà nel tutorial, e potrete impregnare il fazzoletto del sangue di una Vergine delle Dita che giace morta nella stanza iniziale (c'è un'altra Vergine morta nella Chiesa dell'Inibizione, a nord di Liurnia Lacustre.

Tornando da Varré alla Chiesa delle Rose, potrete completare il rituale per entrare nelle file di Mohg. Apparentemente, questa scelta non rompe le altre questline presenti nel titolo. Come premio otterrete il Dito Sanguinante, oggetto con cui potrete compiere invasioni all'infinito.

Giunti a questo punto, avrete ricevuto un Medaglione di Mogh da Varré: ci sono due modi per proseguire nella quest.

  1. Potete procedere nell'avventura finché non completerete la Capitale: a quel punto potrete usare il Medaglione come un consumabile per teletrasportarvi al palazzo di Moghwyn.
  2. Potete raggiungere il Palazzo tramite l'entrata segreta: un teletrasporto che si trova all'estremità ovest delle Terre del Sacro Albero di Miquella.

Qui potrete affrontare Mogh e anche Varré, trovando il suo segno d'evocazione nell'ultimo corridoio buio prima dello scontro con il boss dell'area, ovvero Mogh il Signore del Sangue.

Kalé Mercante

Kalé è uno dei primi NPC che incontrerete lungo il cammino. Inizialmente troverete accanto a lui il kit di potenziamento per gli equipaggiamenti, e soprattutto potrete comprare il kit di creazione dal suo inventario da mercante, senza il quale non potrete avere accesso al sistema di crafting. Nel mondo di gioco ci sono tanti altri mercanti come lui.

Dopo aver visitato il Bosco di Sepolcride Orientale, Kalé vi parlerà degli strani ululati che si sentono nel cuore della notte: vi donerà l'emote "Schiocco di Dita", che potete utilizzare proprio nelle Rovine di Boscotetro, dopo aver abbattuto l'orso che dorme, per far comparire Blaidd, un altro NPC molto importante.

Qui trovate una guida più dettagliata su Blaidd.

Ci sono tanti altri mercanti nomadi come Kalé in giro per il mondo, ognuno dotato di un inventario unico.

Se volete scoprire di più sui mercanti nomadi potete trovare il loro Set di Equipaggiamento negli Abissi Dimenticati, sezione segreta che si estende sotto la Capitale. Consultate la guida alle aree segrete per saperne di più.

Melina

Melina è una donna misteriosa che vi contatterà per proporvi un misterioso patto. Per incontrarla, ottenere il cavallo e poter effettuare il level-up, potete consultare la nostra guida dedicata.

Dopo aver visitato determinati Luoghi di Grazia, come ad esempio quello di Margit il Presagio prima di Castello Grantempesta, vi porterà alla Tavola della Grazia Perduta.

Melina avrà un dialogo speciale da attivare al Luogo di Grazia di ognuna delle Chiese di Marika sparse per il mondo di gioco.

Una volta raggiunta la Capitale, all'interno delle mura, Melina vi ringrazierà e dirà che ora ha inizio il suo viaggio.

Potrete evocare Melina prima dello scontro con Morgott a Leyndell, Capitale Reale.

Melina tornerà da voi una volta che avrete raggiunto il Trono Ancestrale.

Attenzione: Raggiungendo gli Abissi Dimenticati della Capitale e andando alla ricerca della Fiamma Frenetica, Melina giurerà di uccidervi e si separerà per sempre da voi quando soddisferete i requisiti per ottenere il finale del Caos.

Attenzione, molto importante: L'unico modo per salvare Melina alla Forgia dei Giganti è però proprio quello di impadronirsi del potere della Fiamma Frenetica. Così potrete bruciare l'Albero Madre senza il suo sacrificio, ma la ragazza vi ammonirà: se doveste andare fino in fondo, lei sarà costretta a uccidervi. C'è però un modo per salvare Melina e non ottenere il finale del Caos: dovete ottenere il potere delle Tre Dita, attivare la Forgia dei Giganti, e poi completare tutta la missione di Millicent, in modo da ottenere l'Ago Consumato che vi consentirà di curarvi dalla Fiamma Frenetica. Questo è l'unico modo per salvare Melina e al tempo stesso evitare il "bad ending" della Fiamma Frenetica.

Melina vi saluterà ancora una volta dopo che avrete completato la Forgia dei Giganti.

Se salverete Melina e otterrete il finale Signore della Fiamma Frenetica, prima dei titoli di coda ci sarà una scena extra con Melina protagonista.

Boc il Sarto

Potete incontrare Boc per la prima volta nel cuore di Sepolcride, in un boschetto poco a sud del primo accampamento di soldati in cui vi imbatterete. Sentirete la sua voce chiamarvi dai cespugli, ma non troverete nessuno: Boc è infatti tramutato in un cespuglio, e dovete attaccare le piante per rivelarlo. Vi spiegherà che ha perso il suo kit da cucito in una caverna lungo la costa.

Il prossimo incontro è infatti nella Grotta Costiera a sud di Sepolcride, quella piena di semiumani che costituisce il passaggio verso la Chiesa della Comunione del Drago. Se avete già sconfitto i boss dell'area, potete consegnargli il suo ago per farlo felice, dopodiché si allontanerà.

L'incontro successivo è al Cancello Orientale dell'Accademia di Raya Lucaria (o al primo Luogo di Grazia di Liurnia), per raggiungere il quale dovete aver utilizzato la Chiave di Scintipietra oppure aver circumnavigato tutta la regione di Liurnia dei Laghi. Boc vi chiederà, qui, di poter diventare il vostro sarto personale, e si offrirà di aggiungere modifiche estetiche alle vostre armature senza nessun costo in termini di Rune.

Boc si sposterà poi nella Capitale e, dopo che avrete raggiunto il Trono Ancestrale, vi chiederà se gli volete donare una Lacrima di Larva per diventare umano. Avete due scelte:

  1. Dandogli la Lacrima lo troverete nella Biblioteca di Raya Lucaria in Forma Umana, ma morirà poco dopo.
  2. Dicendogli che è bellissimo così vi ricompenserà con una emote unica e sopravvivrà.

Strega Sellen

La strega Sellen si incontra per la prima volta nelle Rovine Lungo la Strada di Sepolcride, al piano di sotto di quel complesso di ruderi che è sorvegliato da un Fiore Venefico gigante. Sellen è una maestra di Stregoneria Scintipietra che è stata bandita dall'Accademia di Raya Lucaria.

Attenzione: se raggiungerete la Penisola del Pianto all'estremità sud della mappa, troverete la Strega Sellen incatenata al piano di sotto delle Rovine di Lammia (Flagello delle Strege). Se attaccherete in qualsiasi modo il suo corpo rinchiuso qui, perderete per sempre la sua quest.

  1. Per progredire nella quest dovete parlare con lo Stregon Azur in fondo alla salita circolare del Monte Gelmir, presso il Luogo di Grazia che porta il suo nome. Riceverete una stregoneria che dovete mostrare a Sellen.
  2. Per il prossimo step dovete trovare uno Stregone che si nasconde a Sellia. Partendo dalla Chiesa della Pestilenza, andate verso nord e troverete una grossa lapide: dietro la lapide c'è un muro invisibile. Fate attenzione, perché il boss in fondo a questo dungeon è molto potente. Lo stregone che state cercando si trova al piano più basso nella sala con i ponti fatti di cristallo, spezzando il sigillo magico tramite lo strumento che vi ha fornito Sellen.
  3. Adesso tornate da Sellen (questo step si attiva solo dopo aver sconfitto il Generale Radhan) e accettate la proposta che vi fa, ovvero salvare il suo vero corpo. Vi darà un oggetto da dare al suo vero corpo proprio nel sotterraneo delle Rovine di Lammia, nella Penisola del Pianto.

A questo punto, nel Flagello delle Streghe (dove avete trovato il corpo di Sellen e riposato presso un Luogo di Grazia) troverete Jerren il Cacciatore di Streghe (l'uomo che faceva da maestro di cerimonia alla battaglia con Radhan). Andate a fare due chiacchiere anche con lui!

A questo punto dovete raggiungere il "Laboratorio delle marionette di Seluvis", che si trova a Tre Sorelle. In mezzo alle rovine davanti alla Guglia di Ranni c'è un pavimento invisibile che dovete colpire per svelare delle scale. Nella stanza successiva ci sarà un muro invisibile, e oltre troverete un "nuovo corpo di Sellen" sul quale usare la Scintipetra Primigenia che Sellen vi ha dato.

Ora dovete andare appena fuori dalla Grande Biblioteca di Raya Lucaria, e avrete due opzioni.

  1. Se vi unirete a Sellen otterrete il set di Jerren (Eccentrico), un pugnale di Scintipietra, inoltre potrete comprare da lei la Stregoneria Spirale di Scintipietra e soprattutto, tornando dai corpi morti di Azur e Lusat, ottenere i loro set di armatura.
  2. Se vi unirete a Jerren otterrete la Maschera da Strega di Scintipietra e il pugnale, oltre a una Pietra da Forgiatura del Drago Antico, ma non potrete recuperare i set di armatura di Azur e Lusat. Potrete, però, ottenere il set di Jerren uccidendolo fuori dalla porta della Grande Biblioteca.

Per completezza d'informazione, Jerren è un servo della famiglia di Caria e collabora con Ranni, mentre lo scopo di Sellen la Strega di Pietra è quello di deporre la famiglia di Caria e prendere il potere nella Liurnia Lacustre.

Patches

Patches si può incontrare inizialmente come boss della Caverna Lungo il Fiume di Sepolcride, pochi passi dopo l'invasione dell'NPC nel quale Yura vi fornirà il suo aiuto. Prima della fine del combattimento, Patches vi chiederà pietà: se gliela garantirete e smetterete di attaccarlo, si trasformerà in un mercante e rimarrà in questa zona finché non raggiungerete la Liurnia Lacustre.

Una volta raggiunta Liurnia Lacustre, Patches si sposterà sull'Isola Panoramica al centro del lago e offrirà qui, con nuovi oggetti tra cui il pugnale da parata, i suoi servizi da mercante. Vi dirà anche un segreto: sul fondo dell'Accademia di Raya Lucaria si trova una Vergine della Guerra con il potere di trasportarvi direttamente all'albero madre.

Step opzionale: Se tenterete di derubare Patches, una trappola teletrasporto vi scaglierà nel mezzo del bosco di Sepolcride, proprio di fronte a un orso gigante.

Per il prossimo step dovete raggiungere la base dell'Accademia di Raya Lucaria utilizzando l'enorme ascensore che sicuramente avete sfruttato per arrivare in cima. Una volta sul fondo, troverete il Talismano del Gatto (annulla i danni da caduta) e la Vergine della Guerra di cui parlava Patches, che vi attaccherà. Se vi farete "mangiare" fino a morire, verrete teletrasportati: non finirete però all'Albero Madre, ma nel cuore del vulcano di Gelmir: attenzione, non potrete abbandonare l'area finché non raggiungerete un Luogo di Grazia! Qui avete due scelte: o vi fermate al Luogo di Grazia e tornate indietro, oppure proseguite fino al boss della zona, una doppia Vergine della Guerra, che è molto forte per il vostro livello attuale. In ogni caso, una volta fuggiti dall'area Patches sarà scomparso.

Il prossimo incontro è sul Monte Gelmir, più precisamente fuori dalla Tomba dell'Eroe, poco prima del ponte di roccia che vi conduce dall'altra parte della valle. Troverete dei messaggi relativi a un tesoro... e come al solito Patches vi sbatterà di sotto con un calcio, dicendovi di stare alla larga da Villa Vulcano, dopodiché scomparirà.

Se, alla fine, vi unirete alla causa di Villa Vulcano, scoprirete che anche Patches ha scelto questo cammino, e completate le prime missioni di questa fazione lo incontrerete ancora nel corridoio d'ingresso della Villa, dove rimarrà come mercante per il resto del gioco.

Se vi unirete a Villa Vulcano e completerete il primo incarico, Patches vi chiederà aiuto per un assassinio: accettando la sua offerta potrete ottenere una delle armature più potenti del gioco.

Patch 1.03: Dopo aver completato Villa Vulcano, potrete incontrare nuovamente Patches a Castellombroso, nell'Altipiano di Altus, poco prima della stanza del boss. Qui vi darà un oggetto chiave che potete consegnare a Lady Tanith, che troverete nell'Arena dove avete sfidato Rykard. La posizione successiva di Patches, tuttavia, è ancora ignota (forse la quest è bloccata da un bug).

Yura

Il primo incontro con Yura è in una rovina poco distante dall'inizio del gioco, a nord delle Rovine Marittime e poco a sud delle Rovine Bruciate dai Draghi. Vi metterà in guardia da Agheel, il drago che sorveglia il lago. Se ucciderete il drago e poi gli parlerete, otterrete dialoghi esclusivi.

Se dal lago percorrerete il fiume verso nord, Yura verrà in vostro soccorso quando sarete invasi da un NPC: sconfiggete il nemico mantenendolo in vita.

Poco più avanti, proseguendo nel letto del fiume, incontrerete nuovamente Yura, che vi metterà in guardia nei confronti dei Senzaluce che hanno smarrito la Grazia.

Il prossimo incontro con Yura è nell'area Cancello Principale di Raya Lucaria. Dal Luogo di Grazia, ignorate il sigillo e proseguite sul ponte per trovare il suo segno di evocazione rosso. Aiutatelo a uccidere un Dito Sanguinante. Una volta finito lo scontro, potrete parlare con Yura accanto a dov'era il suo segno di evocazione.

L'ultimo incontro con Yura è alla Seconda Chiesa di Marika, all'Altipiano di Altus. Qui troverete Yura morente e sarete invasi Eleonora, un NPC con una katana a lama doppia (molto potente come arma Destrezza/Arcano). Sconfiggendo Eleonora otterrete la sua arma, mentre ritornando da Yura otterete la sua Nodachi (anche questa un'arma fenomenale).

Incontrerete nuovamente Yura all'inizio delle Vette dei Giganti, ma non sarà più sé stesso.

Corhyn

Corhyn è una fonte di incantesimi estremamente affidabile che si trova alla Tavola della Grazia Perduta, l'HUB di gioco. Se non avete ancora sbloccato l'HUB di gioco, potete leggere la nostra guida dedicata.

Corhyn rimarrà nella Tavola fino a che non sbloccherete l'Altipiano di Altus: a quel punto, se gli parlerete, esprimerà il suo desiderio di partire per un viaggio alla ricerca del suo maestro con la maschera dorata. Da questo punto in avanti, infatti, lascerà la tavola rotonda e non sarà più disponibile come vendor.

Il prossimo incontro con Corhyn è nell'Altipiano di Altus, più precisamente a nord del Luogo di Grazia "Raccordo della strada di Altus", di fianco al piedistallo su cui si trova la mappa. Qui, vi dirà che è in cerca di Maschera d'Oro.

Maschera d'Oro si trova nell'estremo nord di Altus, in fondo al lunghissimo ponte che parte vicino a Dominula, Villaggio dei Mulini. "Parlate" con lui e poi tornate da Corhyn per dirgli che l'avete trovato. A questo punto, il monaco si unirà a maschera d'oro e rimarrà con lui.

Rimarranno qui fino a che non entrerete nella Capitale: una volta dentro, li troverete in cima a una collina (quella con l'arena) vicino al Baluardo Occidentale della Capitale. Per raggiungere questo luogo dovete camminare sui rami dell'albero vicino al Luogo di Grazia "Santuario dell'Albero Madre". Qui i due chierici staranno cercando di risolvere un enigma.

Per risolvere l'enigma dovrete usare l'incantesimo "Legge della Regressione" (richiede 37 Intelligenza, si ottiene da Miriel nella chiesa dei voti) davanti alla statua di Radagon che potete raggiungere prendendo l'ascensore che parte da "Santuario dell'Albero Madre, a Leyndell. Una volta utilizzato l'Incantesimo potete raccontare quello che avete scoperto a Corhyn e riceverete la Runa dell'Ordine Perfetto da Maschera d'Oro.

La posizione finale di Corhyn e Maschera d'Oro.

Se avete seguito tutti questi step, alla fine del gioco avrete l'opzione di attivare il finale Era del Perfetto Ordine.

Incontrerete nuovamente Corhyn altre due volte, ma non saranno incontri essenziali: la prima su uno dei grossi ponti che collegano le due estremità delle Vette dei Giganti. La seconda dopo aver attivato la Fiamma Frenetica, a Leyndell, fuori dall'ingresso della Rocca della Tavola Rotonda.

Diallos

Diallos è un pittoresco NPC che incontrerete per la prima volta alla Tavola della Grazia. Vi dirà che sta cercando la sua assistente Lanya, una persona a cui vuole molto bene. Se doveste trovarla, fategli un fischio.

Una volta raggiunta la Liurnia dei Laghi, e nello specifico le rovine del borgo di Raya Lucaria, troverete un Diallos arrabbiatissimo accanto al corpo senza vita della sua assistente Lanya. A questo punto giurerà vendetta contro chiunque abbia commesso questo terribile atto.

Il prossimo incontro con Diallos è a Villa Vulcano, dal momento che l'uomo si unirà alla loro causa. Completando la quest di Villa Vulcano, manderete avanti anche la missione di Diallos.

Patch 1.03: Ad un certo punto, Diallos lascerà Villa Vulcano, e lo ritroverete a Vasburgo, luogo in cui sarà diventato il nuovo "ceramista" del villaggio dei Vasi. Vasburgo si trova a sud della Sala Studio Cariana di Liurnia Lacustre.

Dopo un po' di tempo che sarà a Vasburgo, tornate a fargli visita di notte per progredire con l'ultimo step della sua quest. Dopo avergli parlato riposate al Luogo di Grazia, tornate da lui e otterrete la sua arma, la sua maschera e una runa dei Numi.

Fia

Fia è un personaggio presente alla Tavola della Grazia che si offrirà di abbracciarvi per compiere un antico rituale. In caso doveste accettare ricevereste la Benedizione del Baldacchino, un consumabile che aumenta la vostra resistenza in difesa e l'equilibrio, ma che finché rimarrà nel vostro inventario vi assegnerà anche un debuff ai punti vita massimi. Abbracciarla e accettare il debuff, però, è l'unico modo per parlarle in privato e proseguire la sua questline.

In questa pagina potete trovare una guida dettagliata a Fia e al suo finale.

Fia rimarrà alla Tavola della Grazia fino all'attivazione della Forgia dei Giganti.

Nota: Questa missione può interferire pesantemente nell'attivazione della missione di Ranni per l'attivazione del finale segreto Era delle Stelle. Se compiete tutta la quest, prima di potervi unire a Ranni, dovete prima parlare con Ranni e poi tornare subito alla tavola per conferire con Rogier. A questo punto potrete avviare la quest di Ranni.

La seconda volta che riceverete la benedizione, Fia vi fornirà le indicazioni per raggiungere un grafopugnale nero. Questo si nasconde dietro un muro invisibile nella Catacomba dei Neri Coltelli, all'estremo nord della regione di Liurnia Lacustre. Il muro invisibile si trova nell'ultima stanza con gli scheletri dove dovete lasciarvi cadere di sotto. Prendete il Grafopugnale e riportatelo alla Tavola, per poi porgerlo a Rogier.

Una volta raggiunto l'altipiano di Altus per la prima volta, Fia alla Tavola vi darà un secondo pugnale se avete concluso tutti gli altri step

Dando il pugnale a D., Fia lo ucciderà: riposate per avviare questo evento, dopodiché Fia sparirà.

Quando Fia lascia la Tavola Rotonda, si sposta in un'area segreta nota come Seggio del Principe della Morte. Questa location si trova nella regione Abissi di Radici, una sezione nascosta della mappa legata ad altre sezioni nascoste. Per scoprire come raggiungerla, vi consigliamo di utilizzare la nostra guida alle aree nascoste.

Una volta che avrete ottenuto il Marchio del Millepiedi completando la Sala Studio Cariana (ecco una guida che spiega come completarla), potrete portarlo da Fia per concludere la sua quest.

Dopo aver concluso la quest di Fia, potrete esaminarla accanto al principe della morte per avviare la boss fight segreta contro il Dracolich Fortissax per ottenere la Runa della Morte.

Roderika

Roderika è un personaggio a dir poco fondamentale. Si trova alla Capanna di Colle Tempesta che incontrate non appena entrerete nell'area di Colle Tempesta. Vi dirà di aver perso tutti i suoi compagni, che sono stati trasformati in crisalidi nel castello di Grantempesta. Vi chiederà di cercarli per conto suo.

Dentro il castello di Grantempesta, appena fuori dal salone con un Presagio al suo interno e un grosso quadro di Godfrey appeso al muro, troverete una pila di cadaveri. Dovete semplicemente raccogliere l'oggetto e riportarlo a Roderika.

Ecco la pila di cadaveri che cercate.

A questo punto Roderika si stabilità alla Tavola della Grazia, ma non avrà uno scopo. Dovete parlare con il fabbro della sua situazione, e cercare di convincere la ragazza a trovare il suo posto nel mondo.

Dopo poco tempo, Roderika imparerà l'arte della sintonia spiritica, il che le permetterà di potenziare le vostre Evocazioni fino a +10 attraverso le Covallarie Spettrali e Sepolcrali, rimanendo con voi da questo momento fino alla fine del gioco.

Dopo che avrete raggiunto la Capitale, Roderika vi dirà di aver sentito degli strani rumori dall'altra parte della Tavola. A questo punto vi sarà possibile accedere alle altre sale e incontrare Mangiasterco, a cui potrete parlare però solo dopo aver raccolto una Maledizione del Semenzaio (diventano disponibili solo nella Capitale).

L'ultimo dialogo con Roderika si sblocca prima della fine del gioco.

Maestro d'Armi

Questo personaggio vive nella Capanna del Maestro d'Armi di Colle Tempesta, e vende una grande varietà di Ceneri di Guerra relative al corpo a corpo.

Attenzione: se visiterete la capanna durante la notte, verrete attaccati dal Cacciatore di Globi Cinerei, la cui potenza va ben oltre quella di un boss di questa sezione del gioco. Vi consigliamo, dunque, di affrontarlo solamente se siete molto ben preparati.

Incontrerete nuovamente questo NPC a Villa Vulcano nelle sue vere "vesti".

Maestro Fabbro Hewg

Non c'è molto da dire su Hewg: di tanto in tanto vi parlerà della sua storia e avrà interazioni con gli altri abitanti della Tavola. Il suo scopo è quello di forgiare un'arma in grado di sconfiggere un dio. Come per Roderika, sarà al vostro fianco fino alla fine del gioco.

Otterrà nuove opzioni di dialogo man mano che andrete avanti nell'avventura, e sarà lui a suggerire a Roderika di dedicarsi alla sintonia spiritica.

Ovviamente svelerà elementi di lore parlandogli in seguito ad ogni evento importante.

Rogier

Rogier è un mago che troverete nella cappella di castello Grantempesta. Raggiungerete questa zona scendendo dalla Torre, passando per i tetti pattugliati dalle aquile. Parlate con lo stregone e vi dirà che è in cerca di qualcosa nel castello. Rogier vende anche Spadone Cariano, una delle ceneri di guerra più potenti.

Una volta che avrete completato Castello Grantempesta, Rogier si sposterà sulla terrazza della Tavola, dove svolgerà il ruolo di vendor di incantesimi. Rogier non può più camminare, probabilmente a causa della caduta necessaria per raggiungere il fossato di Castello Grantempesta, luogo in cui c'è un santuario del Principe della Morte. Se visiterete questo luogo, Rogier avrà un dialogo dedicato. In ogni caso, vi ricompenserà con la sua Striscia+8 dato che non è più in grado di combattere.

Dopo che avrete scoperto del suo legame con D. parlando con quest'ultimo, Rogier vi parlerà di un Marchio della Morte nascosto nell'Interregno, un oggetto a cui è molto interessato (parla del Marchio del Millepiedi di cui abbiamo trattato facendo riferimento a Fia).

In questa pagina potete trovare una guida dettagliata a Fia e al suo finale, missione strettamente legata anche a Rogier.

Dovrete parlare con Rogier dopo aver trovato il Grafopugnale Nero nella Catacomba dei Neri Coltelli, all'estremo nord-est di Liurnia Lacustre, e questi vi metterà sulle tracce di Ranni la Strega.

Se avete eseguito la missione di Fia, infatti dovrete tornare da Rogier dopo aver parlato con Ranni per avviare la missione di Ranni.

Rogier morirà dopo che avrete raggiunto l'Altipiano di Altus. Sul suo corpo troverete una lettera che vi svela che D. ha un fratello gemello nascosto nella città di Nokron.

Incontrerete Rogier come nemico al Seggio del Principe della Morte nell'Abisso di Radici.

Nepheli Loux

Il primo incontro con Nepheli Loux avviene a Castello Grantempesta: questa guerriera potentissima si trova in una stanza laterale poco prima della nebbia che porta allo scontro con Godrick. Potrete evocarla per darvi una mano contro questo portatore della Runa Maggiore.

Se avete sconfitto Godrick assieme a Nepheli, che è veramente fortissima quindi può darvi una grossa mano, lei si sposterà brevemente alla Tavola. Qui vi darà l'amuleto Arsenale, che aumenta il carico trasportabile.

Nepheli si sposterà poi a Liurnia Lacustre, all'ingresso del Villaggio degli Albinauri che si trova sotto la calotta di roccia a ovest del lago. Prima di andarsene ha giurato vendetta contro i brandicorna, le creature che hanno sterminato il villaggio. A questo punto, salite al piano di sopra del villaggio degli Albinauri e troverete un vaso: colpite il vaso con un roll per individuare Albus, che vi affiderà la prima metà del Medaglione Segreto per raggiungere la "terra promessa". Sconfiggete il boss, riposate a un Luogo di Grazia e Nepheli abbandonerà l'area.

Nepheli al villaggio degli Albinauri.

La prossima volta che tornerete alla Tavola Rotonda, sarete invasi da Ensha. Uccidendolo, potrete chiedere spiegazioni a ser Gideon Ofnir l'Onnisciente, che vi manderà da un'albinaura in una grotta a ovest delle rovine di Laskyar, al Lago di Liurnia.

Partite dalle Rovine di Laskyar, andate a ovest e costeggiate il muro fino a entrare nella Caverna di Cristallo. Completato il dungeon incontrerete L'Albinaura Latenna, che vi spiegherà il segreto dietro il medaglione, indicandovi anche la posizione della prossima metà.

Latenna, che si unirà a voi.

A questo punto, Nepheli si sposterà alla Tavola, in fondo alle scale accanto al Fabbro.

Dopo aver parlato con Nepheli alla Tavola, potrete chiedere spiegazioni a Gideon e poi parlare di nuovo con Nepheli.

A questo punto avete tre scelte che si attivano solamente dopo aver ottenuto la Pozione di Seluvis proprio dal Precettore Seluvis, NPC che si trova a Tre Sorelle (oltre il Maniero Cariano di Liurnia Lacustre).

  1. Qui, potete decidere se darle la pozione ricevuta da Seluvis. Se le date la pozione, Nepheli scomparirà e verrà trasformata in una marionetta dallo stregone. Troverete il suo corpo dietro un pavimento invisibile nelle rovine presenti a Tre Sorelle. Se trovate questo luogo, anche senza dare la pozione a Nepheli, potrete chiedere spiegazioni a Seluvis che vi offrirà una delle sue marionette (ma non Nepheli).
  2. Altrimenti, potete raggiungere la zona di Quattro Campanili a Liurnia e prendere il teleport per la Cappella dell'Attesa. Qui potrete recuperare un oggetto chiave (Falco Leggendario) e darlo a Nepheli dopo aver consegnato la Pozione di Seluvis a Gideon Ofnir l'Onnisciente (il padre adottivo di Nepheli).
  3. Anziché dare la pozione a Nepheli o Gideon, potete darla anche al Mangiasterco, che comparirà nella tavola dopo che avrete raggiunto Altus e parlato con Roderika. Non sappiamo ancora quali effetti questa scelta abbia sulla quest.

Patch 1.03: Dopo aver consegnato la Cenere del Falco a Nepheli e aver progredito la quest di Kenneth Haight fino al momento in cui sarà inerte nel suo forte, entrambi si sposteranno nella Sala del Trono di Castello Grantempesta, raggiungibile dietro Godrick l'Innestato. Qui Nepheli concluderà la sua quest e vi premierà con una Pietra da Forgiatura del Drago Antico, dopodiché anche Gostoc, nella sala del trono, vi venderà un'altra Pietra del Drago Antico.

L'onnisciente Gideon Ofnir

Dopo che avrete sconfitto il vostro primo portatore di Runa Maggiore, di solito è Godrick ma non importa chi sia, si aprirà una stanza nella Tavola della Grazia dove troverete l'Onnisciente. Un uomo che vi parlerà della vostra missione. Non offrirà nuove linee di dialogo, tuttavia, finché non avrete potenziato la vostra prima Runa Maggiore. Per scoprire come potenziare le Rune Maggiori potete consultare la nostra guida.

Se avrete completato i primi step della quest di Nepheli e sconfitto Godrick, Gideon vi parlerà di Nepheli. Vi fornirà, inoltre, una serie di indicazioni chiave su dove trovare i portatori delle Rune Maggiori conosciute.

Se avete completato gli step di Nepheli fino al Villaggio degli Albinauri, Gideon vi chiederà scusa per il comportamento di Ensha e vi fornirà maggiori indicazioni riguardo il Ciondolo Segreto dell'Albero Madre.

Potete dare a Gideon la pozione per Nepheli che avete ricevuto dal Precettore Seluvis.

Una volta che avrete trovato tutte le Rune Maggiori conosciute, l'onnisciente amplierà il suo dialogo: stavolta vi parlerà di tutti i semidei perduti, dandovi suggerimenti riguardo tutti i membri della progenie divina di cui si sono perse le tracce, ovvero Ranni, Malenia, Miphella e il Principe del Sangue. Ovviamente si tratta di buona parte dei contenuti opzionali di Elden Ring.

A questo punto L'onnisciente vi chiederà di trovare tutti questi personaggi, offrendo in cambio un rituale magico di cui solo lui è a conoscenza.

Ogni volta che raggiungerete una delle zone segrete, infatti, vi darà una ricompensa:

  1. Raggiungendo il Mausoleo di Famiglia di Mohgwyn (Palazzo di Mohgwyn), vi darà la ricetta del Ramoscello Sacrificale (alla morte non si perdono le Rune).
  2. Raggiungendo il Sacro Albero di Miquella, vi darà l'Incantesimo "Protezione della Nera Fiamma".
  3. Uccidendo Mogh, vi darà l'Incantesimo "Legge della Causalità".

Enya la veggente delle Dita

Proprio come l'onnisciente, la veggente giungerà nella Tavola della Grazia solo dopo che avrete sconfitto il vostro primo semidio. Potrete visitarla sia per ottenere consigli su dove andare e per comprendere la storia dell'Interregno, ma soprattutto per forgiare armi attraverso le Rimembranze dei boss principali, che funzionano proprio come le classiche anime dei boss. Se volete saperne di più potete consultare la nostra guida dedicata.

Alexander Pugno di Ferro

Troverete Alexander il Pugno di Ferro incastrato nel terreno lungo la strada che da Colle Tempesta porta verso Sepolcride Orientale. Vi chiamerà e vi chiederà di liberarlo dalle rocce, dopodiché vi dirà che a est, nelle Terre di Caelid, si terrà un grande torneo per combattenti a cui non vede l'ora di partecipare.

Potrete ri-incontrare Alexander in fondo alle Gallerie di Gael, il primo dungeon che si intravede nelle Terre di Caelid. Anche in questo caso, parlerà di andare a Castello Mantorosso.

Il prossimo incontro con Alexander, infatti, è proprio nel Castello Mantorosso, dove lo ritroverete tra i combattenti che hanno deciso di partecipare ai "giochi". Potete richiedere il suo aiuto per completare lo step.

Il prossimo incontro è a Liurnia, più precisamente sopra Vasburgo, a sud dalla Sala Studio Cariana. Vi chiederà di renderlo scivoloso, pertanto dovrete craftare un Vaso d'Olio e usarlo su di lui. La ricetta del Vaso d'Olio viene venduta dal mercante nomade presente nel Fiume Siofra.

Ecco dove sarà Alexander dopo Radhan.

Il prossimo incontro è sul Monte Gelmir, dentro il Lago di Lava pattugliato da un Drago di Magma.

Potete, in seguito, evocarlo per darvi una mano nel combattimento contro il Gigante di Fuoco.

L'ultimo incontro è a Farum Azula, nell'area che potete raggiungere prendendo l'ascensore che si trova dietro una Chiave della Spada di Pietra. In cima Alexander vi sfiderà a duello: se vincerete otterrete un Talismano che aumenta la potenza delle abilità delle armi e l'oggetto chiave Interiora di Alexander.

Patch 1.03: Per concludere la quest, dovete tornare a Vasburgo, la città dei vasi a sud della Sala Studio Cariana di Liurnia. Qui incontrerete il nipote di Alexander e, dopo un po' di dialoghi con il giovane e un certo numero di "riposi" presso il Luogo di Grazia, anche con Diallos. Visitate il villaggio durante la notte per far progredire ulteriormente la quest, e alla fine potrete donare le Interiora di Alexandre al suo giovane nipote, che vi ricompenserà con una bella conclusione della missione e con un Talismano che aumenta la potenza dei Vasi da Lancio.

D.

D. è un misterioso personaggio che incontrerete per la prima volta al Cimitero di Sepolcride Occidentale, poco lontano da Alexander il Pugno di Ferro e subito prima del villaggio di Idrocanto. Vi dirà che nel villaggio c'è un Marinaio, e che quindi fareste meglio a stare alla larga.

Se sconfiggerete il Marinaio, questi vi dirà che avete la stoffa per poter essere presentati al suo maestro. Lascerà quindi un segno rosso sulla vostra mappa, indicandovi un portale di teletrasporto vicino alla Terza Chiesa di Marika, nella zona sud della mappa.

Prendendo il portale verrete trasportati in cima a Caelid, dove farete la conoscenza della Belva Ecclesiastica. Questo chierico ha un odio viscerale verso la morte, e vi ricompenserà con una serie di oggetti per ogni Radice Mortale che gli porterete. Ogni Radice mortale sblocca nuovi incantesimi bestiali e oggetti utili, come ad esempio un Amuleto che fa scalare il danno degli incantesimi in base alla Forza.

D si sposterà quindi alla Tavola della Grazia, dove vi informerà del suo rapporto con Rogier e vi parlerà del terrore della morte che si annida nei meandri dell'interregno.

In questa pagina potete trovare una guida dettagliata a Fia e al suo finale, che è strettamente legato anche al proseguo della missione di D.

Se completerete la missione di Fia, D. verrà ucciso dopo che avrete raggiunto l'altipiano di Altus e parlato con la donna, che vi darà un pugnale da consegnare a D. Sedendovi alla tavola troverete D. morto e Fia sopra il suo corpo. Nota: questo non è un finale cattivo: è l'unico modo per proseguire nella quest.

Dopo la morte di D. potete recuperare il suo set e portarlo all'Acquedotto di Nokron, Città Eterna per darlo al suo fratello gemello. A questo punto, una volta completata tutta la quest di Fia, incontrerete il fratello gemello di D. al Trono del Principe della Morte, negli Abissi di Radici.

Se completerete le Terre Proibite senza progredire nella quest, D tenterà di scappare dalla Tavola e troverete il suo corpo senza vita vicino all'uscita, dove potrete recuperare il suo set.

Gurranq, la Belva Ecclesiastica

La Belva Ecclesiastica è un chierico dell'Ordine Aureo che riposa ai margini dell'Interregno, in cima alle Terre di Caelid: raggiungere questo luogo all'inizio del gioco è fuori discussione a meno che non usiate il teleport offerto da D.

Dopo il primo incontro vi fornirà un Occhio della Morte, un oggetto chiave che vibra quando si trova in presenza di nemici legati alla runa della morte.

Uccidere questi nemici vi fornirà delle Radici Mortali, che potete riportare alla Belva per ottenere varie ricompense legate alla Fede e agli Incantesimi Bestiali.

Dopo la quarta Radice Mortale, Gurranq vi attaccherà a vista: riducete i suoi HP per calmarlo.

In totale, ci sono 8 Radici Mortali che potete dare a Gurranq per ottenere tutte le ricompense.

Kenneth Haight

Kenneth Haight è un nobile che si trova in cima a delle rovine poco fuori dal bosco di Sepolcride Orientale, e vi chiederà di liberare Forte Haight, ovvero casa sua, che si trova proprio a sud oltre il bosco.

Una volta liberato il forte, tornate da Haight e questi vi parlerà della sua causa: è convinto che i semiumani siano bestie da proteggere e da comprendere piuttosto che da sterminare. Se vi unirete a lui potrete raggiungerlo a forte Haight e proseguire nella sua quest.

Attenzione: se gli darete una risposta negativa e proseguirete nel gioco, rischierete di perdere per sempre l'NPC.

Dopo che avrete completato tutta la missione di Nepheli Loux, Kenneth Haight si sposterà insieme a lei nella sala del trono di Castello Grantempesta.

Nota: Uccidendo Kenneth Haight otterrete un Seme d'Oro.

Blaidd

Blaidd è un guerriero lupo. Per poterlo trovare dovete attraversare di notte Tetrobosco, fino a sentire degli ululati. Chiedendo spiegazioni al mercante Kalé nella Chiesa di Elleh, questi vi dirà di schioccare le dita quando le sentite. Schioccando le dita alle Rovine Tetrbosco, apparirà Blaidd, e da questo momento potrete evocarlo in varie zone per ottenere aiuto.

Qui trovate una guida più dettagliata su Blaidd e su tutta la sua missione.

Blaidd vi dirà che è sulle tracce di un cavaliere noto come Darriwill: questo è il Limiere che si trova alla Galera Eterna a sud del Lago di Agheel. Sconfitto il Limiere troverete Blaidd accanto alla Galera Eterna, e vi manderà da Iji, a nord di Liurnia Lacustre.

La sua quest è strettamente legata a quella di Ranni la Strega, quindi se volete maggiori dettagli vi rimandiamo alla guida dedicata a Ranni.

Una volta completata la missione di Ranni, potrete sfidare Blaidd in un duello di fronte alla Guglia di Ranni per ottenere il suo set e la sua arma.

Hyetta, La Giovane Cieca

Questa aspirante Vergine delle Dita si trova al primissimo Luogo di Grazia di Liurnia Lacustre (solo se Irina è già morta nella Penisola del Pianto), appena fuori dal retro di Castello Grantempesta. Vi dirà di aver perso la via e di avere bisogno dell'Uva di Shabriri (ne avete trovato un pezzo poco prima) per proseguire. Consegnatele l'Uva e la ragazza proseguirà nel suo viaggio.

Le altre due Uve di Shabriri si possono trovare:

  1. Al piano seminterrato delle Rovine Purificate, Liurnia Lacustre sulla riva est.
  2. Uccidendo l'NPC invasore Edgar, nella Capanna del Vendicatore dopo aver completato la quest di Edgar e Irina al Castello di Morne.
  3. Uccidendo l'NPC invasore Vyke davanti alla Chiesa dell'Inibizione, Liurnia Lacustre a nord, dopo il Villaggio della Fiamma Frenetica.

Il secondo incontro con Hyetta è alle Rovine Purificate sul bordo del lago della Liurnia Lacustre. Hyetta si trova sul lato ovest delle rovine, vicino al lago. Dovrete darle altre Uve di Shabriri.

Il terzo incontro con Hyetta è sempre nella Liurnia Lacustre, Sul Ponte che conduce all'Accademia, nella zona est della regione. Anche in questo caso vi chiederà delle Uve. Dovrete dirle cosa sono le Uve, dopodiché riposare al falò e parlarle ancora.

Il quarto incontro è alla Chiesa di Bellum, sempre nella Liurnia Lacustre. A questo punto dovrete offrirle le Uve del Cavaliere Vyke, che si trovano nella Chiesa dell'Inibizione (un luogo giusto a nord di qui, vicino al Villaggio della Fiamma Frenetica, un luogo con una torre che vi infligge lo status follia). Questa Chiesa si trova a nord della Liurnia, vicino al montacarichi di Dectus e al Villaggio della Fiamma Frenetica.

L'ultimo incontro con Hyetta avviene alla Proscrizione della Fiamma Frenetica, una zona nascosta in fondo alle fogne della capitale. Per raggiungerla dovete farvi strada nei tunnel delle fogne fino a raggiungere gli Abissi Dimenticati. Da qui, dovete colpire l'altare per rivelare un muro invisibile su una nuova area. Lasciatevi cadere fino in fondo e raggiungerete l'Altare.

Per maggiori dettagli consultate la guida al Finale della Fiamma Frenetica.

Attenzione: Raggiunta la Proscrizione della Fiamma Frenetica, potete togliervi tutto l'equipaggiamento di dosso per aprire la porta e incontrare le Tre Dita. Ma fate molta attenzione perché una volta ottenuto il potere della Fiamma Frenetica potrete sì salvare Melina, ma sarete costretti a seguire il finale "Signore della Fiamma Frenetica", mentre non avrete più accesso a nessuno degli altri finali. L'unico modo per "curarsi" dalla Fiamma Frenetica è recuperare l'Ago d'Oro consumato completando la quest di Millicent e utilizzarlo su voi stessi nell'Arena dove si combatte il boss segreto Placidusax, a Farum Azula.

Stregone Thops

Si trova alla Chiesa di Irith, all'ingresso di Liurnia Lacustre, ed è rimasto bloccato fuori dall'Accademia di Raya Lucaria. Vi dirà che l'unico modo per entrare nell'accademia è trovare una chiave di Scintipietra.

Se volete sapere dove trovare la Chiave di Scintipietra, consultate la nostra guida dedicata. In ogni caso, se una chiave di Scintipietra viene utilizzata da una persona non può essere usata da altri, quindi se entrerete nell'Accademia prima di tornare da Thops non potrete più aiutarlo.

La seconda Chiave di Scintipietra da consegnare a Thops si trova nel seguente modo: dovete raggiungere i tetti dell'Accademia saltando giù dall'ultimo shortcut che sbloccate prima di Rennala. A questo punto, seguite tutto il percorso sui tetti fino a salire sulle travi della Chiesa del Cuculo. Dalle travi, potete lasciarvi cadere su un lampadario dove troverete la chiave.

Una volta consegnata la chiave troverete Thops purtroppo morto appena fuori dal Luogo di Grazia "Aula Scolastica" dell'Accademia.

Rya

Poco a est del Luogo di Grazia Isola Panoramica in mezzo al lago di Liurnia Lacustre, troverete una donna che vi dirà di essere stata derubata da un brigante, che le ha sottratto una collana d'oro. Vi chiederà se siete pronti a sporcarvi le mani per recuperarla.

Il brigante si trova poco più a nord, vicino agli alberi, in una capanna. Questi si offrirà di vendervi la sua collana per la modica cifra di 500 rune. Avete due scelte: potete ucciderlo oppure pagare. Se pagate rimarrà disponibile come vendor, ed è l'unico modo per ottenere una quantità infinita di Gamberetti, oggetti consumabili che aumentano notevolmente la difesa.

Restituita la Collana, la donna vi darà un invito per raggiungere Villa Vulcano.

Il prossimo incontro è all'Altipiano di Altus: la donna sarà giusto accanto alle rovine adiacenti al Luogo di Grazia "Colle Prospiciente l'Albero Madre". Si offrirà di teletrasportarvi direttamente a Villa Vulcano.

Dopo che vi sarete uniti a Villa Vulcano, durante la notte, troverete Rya nella sua "vera forma" in una stanza secondaria della Villa. Potrete chiedere spiegazioni a Lady Tanith, la sovrana di Villa Vulcano.

A questo punto, parlando con Rya, vi dirà di aver sentito dei rumori in una stanza accanto: entrando nella stanza e colpendo il muro nell'angolo svelerete un percorso segreto che si apre su un gigantesco dungeon opzionale: la Città Carceraria.

Esplorando tutta la Città Carceraria arriverete infine nel Tempio di Eiglay: qui potrete raccogliere sull'altare un oggetto chiave da consegnare a Rya. A questo punto Rya se ne andrà dalla sua posizione a Villa Vulcano.

Spiegando a Lady Tanith quello che è successo, lei vi chiederà di cancellare la memoria di Rya attraverso una pozione. (Nota: questo è disponibile SOLO se non avete già completato tutte le richieste di Villa Vulcano. Se dovete confrontarvi con Rykard, la quest non potrà andare avanti).

Per ritrovare Rya, dovete partire dal Luogo di Grazia del Tempio di Eiglay, prendere l'ascensore sulla destra e seguire il percorso fino a che non incontrate una Vergine della Guerra. Da qui, attraversate la lava fino all'arcata nel muro, e troverete Rya sulla sinistra. A questo punto avrete tre opzioni:

  1. Ucciendo Rya, come lei vi chiede, otterrete un Talismano.
  2. Dando a Rya la pozione della memoria, si trasferirà a Villa Vulcano e non troverà più nessuno. Per ottenere il Talismano dovrete tornare alla posizione precedente di Rya e raccoglierlo da terra.
  3. Se non date la pozione a Rya e procedete con la quest fino a sconfiggere Rykard, troverete una lettera della giovane insieme al Talismano (questo è il good ending della sua quest).

Miriel, Custode dei Voti

Miriel si trova alla Chiesa dei Voti, una cappella che potete trovare sulla sponda est della Liurnia Lacustre. Qui custodisce il rituale dell'Assoluzione, attraverso il quale potete "assolvere" i vostri peccati e di conseguenza purificarvi dalle azioni malvagie che avete compiuto (come ad esempio attaccare gli NPC).

In seguito al completamento di Raya Lucaria, Miriel vi racconterà molto di più sulla famiglia reale, svelandovi il rapporto tra Rennala e Radagon, e la storia di come il re sia infinite giunto al fianco di Marika.

Proseguendo ancora fino alla capitale, Miriel vi racconterà che uno scultore, un tempo, costruì una gigantesca statua di Radagon, e durante quest'operazione scoprì un suo terribile segreto. Un segreto che nascose proprio in questa statua. Purtroppo non abbiamo ancora trovato la statua.

Per raggiungere la statua di cui parla Miriel, dovete prendere l'ascensore che scende a partire da "Santuario dell'Abero Madre di Leyndell": troverete per terra un messaggio degli sviluppatori che dice "la regressione svela i segreti". Ora dovete usare la stregoneria Regressione (richiede 37 INT) sulla statua di Radagon per svelare il suo terribile segreto, uno dei più oscuri di tutto Elden Ring.

Irina

Irina è una donna che si trova lungo la strada che da Sepolcride conduce a sud verso la Penisola del Pianto e il Castello di Morne. Si trova subito dopo il ponte, e vi chiederà di consegnare un messaggio a suo padre, che sta ancora combattendo fra le mura. Di seguito troverete altri dettagli.

Nota: completare questa missione è necessario per far apparire Hyetta.

Edgar

Il padre di Irina si trova sulla torre più alta del Castello di Mourne, scoraggiato per l'inevitabile sconfitta cui è andato incontro. Quando gli parlerete di Irina, vi risponderà che il suo dovere è quello di difendere il castello e nient'altro.

Una volta completato il Castello di Mourne e recuperata la spada della casa reale, il capitano vi ringrazierà e vi dirà che finalmente tornerà da Irina: l'importante è che l'artefatto sia finalmente salvo nelle mani del salvatore del castello.

Troverete il capitano accanto ad Irina, che però sarà stata uccisa. L'uomo affermerà di non trovare pace finché non avrà punito i responsabili, completando il suo percorso di vendetta.

L'ultimo incontro con il capitano è alla Capanna del Vendicatore, a nord di Liurnia Lacustre. Qui, ormai impazzito a causa della vendetta, l'uomo ha accumulato orde di cadaveri, e dovrete sconfiggerlo per dargli finalmente la pace che cerca.

Iji

Iji è un fabbro gigante che si trova al Luogo di Grazia Sentiero per il Maniero, sulla sponda nord ovest della Liurnia Lacustre.

Iji presta i suoi servigi di fabbro e vende parecchie pietre di forgiatura per armi speciali. È strettamente legato alla quest di Ranni che tratteremo in seguito.

Iji vi offre costantemente dei consigli in caso rimaniate bloccati durante il completamento della quest di Ranni.

Dopo aver completato la quest di Ranni, troverete il corpo di Iji bruciato dalle fiamme deicide dei Neri Coltelli.

Ranni la Strega

Ranni è uno degli NPC più importanti di tutto il gioco. La troverete nella regione di Tre Sorelle, in cima al Maniero Cariano a nord di Liurnia Lacustre. Raggiunta la Guglia di Ranni, questa strega vi chiederà di entrare al suo servizio. Se accetterete, vi presenterà i vostri colleghi: Blaidd, Iji e lo stregone Seluvis. Vi assegnerà quindi una missione.

Nota: Se avete fatto la missione di Fia, dovrete parlare con Ranni e poi tornare da Rogier prima di avviare la sua quest.

La missione di Ranni è estremamente grande e complessa, alza il sipario su tantissime zone segrete ed è legata a un finale, quindi abbiamo deciso di non parlarne qui e di trattare invece una guida dedicata che potete consultare. Attenzione: questa guida è piena di spoiler.

Seluvis

Lo stregone Seluvis vive in una torre poco distante dalla Guglia di Ranni ed è un maestro di stregoneria scintipietra.

Quando lo incontrerete per la prima volta dopo aver avviato la quest di Ranni, vi chiederà di dare una posizione a Nepheli Loux.

  1. Se darete la pozione a Nepheli, fallirete la missione di Nepheli e questa diverrà incosciente.
  2. Se darete la pozione a Gideon, Nepheli sarà salva.
  3. Se darete la pozione a Mangiasterco, dobbiamo ancora scoprire cosa succede.

In ogni caso, quando non avrete più la pozione Seluvis si congratulerà con voi e accetterà di vendervi le sue stregonerie.

A Tre Sorelle c'è una rovina con un pavimento invisibile che protegge una scala che scende. Se entrate qui dentro e esaminate tutto l'ambiente, potete tornare da Seluvis a chiedere spiegazioni: questi vi dirà che è il suo studio delle marionette, e vi farà scegliere una fra tre evocazioni che potete accettare come regalo.

Troverete Seluvis morto dopo aver completato la missione di Ranni, ucciso da Blaidd in quanto traditore.

Attenzione, molto importante: Se darete la pozione a Nepheli, Seluvis svelerà il suo vero piano, ovvero dare la pozione a Ranni e trasformare una divinità in una marionetta. Se proverete a collaborare con lui, e tenterete di ingannare Ranni, questa vi ucciderà sul colpo, vi dirà di sparire e vi lockerà perennemente fuori dalla sua missione. Ovviamente, lo stesso destino toccherà anche a Seluvis.

Gowry

Spostiamoci da tutt'altra parte nel mondo di gioco: Gowry è un personaggio che vive in una capanna nelle Terre di Caelid, appena prima dell'ingresso a Sellia, la Città della Stregoneria. Gowry vi chiederà di trovare una ragazza malata che si chiama Millicent, che si trova in cima alla città. Purtroppo la città è sigillata da un incantesimo: consultate la nostra guida per scoprire come scioglierlo.

Una volta raggiunta Millicent, la quest si evolverà, quindi passiamo a lei per vedere come.

Una volta completati i primi step di Millicent, Gowry venderà delle magie esclusive.

Millicent

Immagine di GamersHeroes

Se volete una guida più dettagliata abbiamo realizzato una guida apposita per l'intera missione di Millicent.

Millicent è una ragazza molto importante contagiata dalla Marcescenza Scarlatta che risiede morente nella Chiesa della Pestilenza, in cima alla città di Sellia. Una volta raggiunta, se non avete già parlato con Gowry, vi chiederà di andarvene.

Tornando da Gowry, questi vi dirà che è possibile salvare la ragazza recuperando un Ago Dorato che si trova nelle profondità della Palude di Aeonia.

In mezzo alla Palude di Aeonia c'è un'enorme escrescenza di Marcescenza, circondata da cavalieri marcescenti, all'interno della quale siede un boss. Sconfiggendo il boss otterrete come premio l'Ago Dorato.

Tornate da Gowry, dategli l'ago e riposate a un Luogo di Grazia per dargli il tempo di sistemarlo. Tornando da Gowry, questi vi chiederà di portare l'Ago da Millicent perché la ragazza lo usi per salvarsi. Datele l'Ago nella Chiesa della Pestilenza e riposate al Luogo di Grazia per procedere nella quest. Parlate di nuovo con la ragazza, che avrà ripreso le forze (noterete però il braccio mancante) e tornate a riposare per procedere ulteriormente. La ragazza sparirà.

Tornando da Gowry, troverete invece ad aspettarvi Millicent, che vi dirà di non sapere il motivo per cui si trova lì, ma che sta per partire per un lungo viaggio alla scoperta di sé stessa. Riposando ancora a un Luogo di Grazia, Millicent sarà sparita e troverete Gowry che vi dirà di tenere d'occhio la ragazza.

Millicent si sposterà a questo punto vicino al Luogo di Grazia "Colle prospiciente l'Albero Madre" all'Altipiano di Altus, guardando verso le mura della capitale si trova su per la collina sulla sinistra, luogo in cui rimarrà finché non le consegnerete un oggetto chiave chiamato "Protesi della Valchiria". Vi dirà infatti che con una protesi potrebbe darvi una mano in battaglia, e vi rivelerà che sta ripercorrendo le orme della leggendaria Malenia. Questo oggetto chiave si trova all'interno di Castellombroso, dungeon situato nella regione di Altus a nord che si può raggiungere dalla vallata, dentro un forziere protetto da un Cavaliere Marcescente.

Dopo averle dato la Protesi della Valchiria, incontrerete di nuovo Millicent a Dominula, Villaggio dei Mulini, sempre a nord di Altus. Apparirà solamente dopo che avrete sconfitto il boss dell'area, proprio accanto all'arena del boss, e vi dirà che finalmente si sente pronta a combattere.

Il prossimo incontro è nelle Rovine della Valle Innevata nella Terra dei Giganti, dove ci sarà solamente un dialogo proprio accanto al Luogo di Grazia: Millicent vi indirizzerà verso Castel Sol, piccolo dungeon a nord di questa area dove potete recuperare il pezzo di Ciondolo mancante per raggiungere la regione segreta del Sacro Albero di Miquella.

L'ultimo incontro è infatti a Elphael, città segreta che potrete trovare seguendo la nostra guida alle aree segrete. Millicent rimarrà nella "Sala di Preghiera" finché non sconfiggerete lo Spirito Tumorato che si trova nel fiume di Marcescenza alla base della città. Una volta sconfitto, poco più avanti della posizione in cui c'era l'Avatar, troverete un segno di evocazione che vi trasporterà nel mondo di Millicent, dove dovrete affrontare 4 NPC invasori molto forti. Vinto lo scontro, troverete Millicent accanto al luogo dove aveva lasciato il suo segno.

La posizione finale di Millicent.

A questo punto otterrete un oggetto, L'Ago D'oro Consumato, che potrete utilizzare dopo aver battuto il difficilissimo boss (sulla grande Marcescenza Fiorita) per ottenere un altro oggetto molto importante (Ago di Miquella), e la quest di Millicent sarà conclusa. L'oggetto che otterrete serve per purificarvi dalla Fiamma Frenetica in caso l'aveste usata: vi basta raggiungere l'arena di Placidusax (nel punto più basso di Farum Azula) e usarlo su voi stessi. In questo modo potrete salvare Melina senza bruciare l'Albero Madre.

Mangiasterco

Questo NPC compare nella Tavola della Grazia dopo che avete raggiunto la capitale. Inizialmente non vorrà parlarvi: per attirare la sua attenzione dovete raccogliere almeno una Maledizione del Semenzaio, oggetto chiave che si trova in varie zone nascoste della mappa, come ad esempio in una stanza poco dopo che siete entrati per la prima volta a Leyndell, Capitale Reale.

Una volta che avrete la Maledizione, potrete tornare dal Mangiasterco che vi dirà di raggiungere le sue spoglie mortali sul fondo della Capitale per ottenere il potere della peste. Vi darà quindi una chiave per aprire anzitempo i "Sotterranei dei Reietti", che si possono raggiungere da una scala dentro un pozzo dopo aver attraversato le fogne della Capitale ed essere sbucati dall'altro lato.

Per raggiungere il vero corpo del Mangiasterco, partite dal primo Luogo di Grazia dei Sotterranei dei reietti, girate a sinistra e lasciatevi cadere nella grata sul pavimento. Anziché svoltare nei tubi delle fogne, proseguite lungo la via principale per incontrare tre Fiori Velenosi: superateli, salite la scala a pioli e troverete una stanza piena di "Mani Giganti". Il Mangiasterco sarà rinchiuso in una cella dentro questa stanza.

Nei Sotterranei dei Reietti potete usare la chiave per liberare il Mangiasterco, che - dopo che sarete tornati a parlargli alla Tavola della Grazia, vi sfiderà a duello nel fossato di Leyndell. Per sfidarlo dovete scendere nel fossato proprio accanto al Baluardo della Capitale, dove avete sconfitto la Sentinella Albero Drago Antico: sconfiggetelo e vi chiederà di portargli altre Maledizioni del Semenzaio nella cella dove lo avete liberato la prima volta.

Portando 5 Maledizioni al Mangiasterco, otterrete la Runa della Peste che potete usare dopo il boss finale per sbloccare uno dei finali alternativi (il peggior finale).

Questa guida è in continuo aggiornamento. Vi consigliamo di tenerla d'occhio e, se scoprite qualcosa, di farcelo sapere immediatamente!

Altre pagine nella Guida di Elden Ring

Ultima Patch:

Soluzioni:

Guide:

A proposito dell'autore

Avatar di Lorenzo Mancosu

Lorenzo Mancosu

Contributor

Cresciuto a pane, cultura nerd e videogiochi, i suoi primi ricordi d'infanzia sono tutti legati al Super Nintendo. Dopo aver lavorato dentro e fuori dall'industry, è finalmente riuscito ad allontanarsi dalle scartoffie legali e mettere la sua penna al servizio di Eurogamer.it.

Commenti

More On Elden Ring

Ultimi Articoli