Se clicchi sul link ed completi l'acquisto potremmo ricevere una commissione. Leggi la nostra policy editoriale.

Endling Extinction is Forever, la Recensione

Il viaggio di una madre in un mondo allo sbando.

L'ultima volpe madre sulla Terra, un pianeta ormai ridotto ad una discarica dal quale l'uomo sta drenando via le ultimissime risorse, ha un solo obiettivo in mente: non salvare la sua vita ma quella dei quattro cuccioli che porta in grembo. Un bosco in fiamme mette in pericolo la sua gravidanza e spetterà a voi portarla al sicuro durante il breve tutorial che vi insegnerà il semplicissimo sistema di controllo di Endling - Extinction is Forever.

La tana in cui vi infilerete le permetterà di dare alla luce quattro tenerissimi volpotti di cui sarete voi a decidere il colore. Sono piccolissimi e indifesi, ciò significa che durante i primi giorni dovrete pensare a nutrirli adeguatamente... o meglio, durante le notti.

Endling infatti si svolge in brevi cicli notturni durante i quali dovrete esplorare i dintorni in cerca di risorse e di una via d'uscita da quello che sembra un vero e proprio inferno. Questo finché uno dei vostri piccoli non verrà rapito da un bastardissimo essere umano, che con un trucco innocente lo attira fuori dalla tana con lo scopo di trovare poi un'acquirente per la sua morbidissima pelliccia. Sappiamo bene che una madre messa alle strette è un'arma pericolosa, ma questo non è il tempo della vendetta.

Le diverse scie di odori conducono a fonti di cibo o indizi. Per trovarle dovrete usare l'istinto ma non dureranno per sempre.

Ci sono ancora tre cuccioli a cui badare e questa è una priorità importante almeno quanto quella di trovare il quarto, motivo per cui durante le successive sortite dovrete sì cercare le tracce del rapimento ma anche continuare a procacciare cibo ed evitare i molti pericoli che vi circondano. Il gioco infatti prevede anche la morte dei cuccioli quindi per riuscire a tenere unita tutta la famiglia dovrete darvi un bel po' da fare.

Il titolo Herobeat Studios si rifà al gameplay di titoli di successo come Limbo, Inside e Little Nightmare, con suggestivi livelli 3D percorribili però solo in due dimensioni con occasionali bivi. Le sequenze sono cicliche e hanno una durata di circa 4/5 minuti, durante i quali dovrete cercare di spingervi sempre un po' più in la aprendo la mappa e scoprendo nuovi dettagli sulla storia.

La struttura da avventura esplorativa ingloba vaghi elementi survival, semplici sezioni stealth e occasionali enigmi ambientali di facile risoluzione. Più che sulle abilità “meccaniche” del giocatore punta tutto sul coinvolgimento emozionale dello stesso e da questo punto di vista centra il bersaglio spaccandolo in due. Impossibile non affezionarsi alla silenziosa quadrupede dal manto fulvo, capace di cacciare piccoli roditori così come pesci per sfamare i piccoli, ma anche di fiutare flebili tracce e combattere con l'agilità che ha sempre contraddistinto la sua razza.

La salute dei cuccioli è importante ma anche quella della madre. Se ferita non potrà fuggire, combattere e trovare cibo.

Nel malaugurato caso doveste trovarvi di fronte un “umano” non avrete molta scelta, dovrete abbaiare per tentare di spaventarlo e in casi estremi liberarvi dalla minaccia portando a termine dei QTE. Un fare troppo spavaldo non vi porterà a grandi risultati perché spesso incontrerete umani armati che non esiteranno a farvi fuori con un solo colpo, cosa che vi costringerà a ripartire dall'ultimo salvataggio automatico.

Ovviamente essendo accompagnata da un trittico di esserini indifesi, mamma volpe non potrà sempre far fronte in maniera diretta ai pericoli. Gli umani hanno disseminato il terreno di trappole che se viste in tempo potranno tuttavia essere evitate, stesso discorso per i predatori notturni che mossi dallo stesso istinto di sopravvivenza non esiteranno ad attaccare i cuccioli.

Questi ultimi inoltre non potranno seguirvi ovunque e sicuramente non alla vostra stessa velocità, ciò significa che di tanto in tanto dovrete recuperarne qualcuno per evitare che faccia una brutta fine. Tenete poi sempre d'occhio lo scorrere del tempo, quando l'alba sarà vicina dovrete correre verso la tana più vicina per riposare e salvare i progressi.

Durante le esplorazioni notturne dovrete fare attenzione agli umani ma anche ai predatori notturni che possono mettere in pericolo la vita dei piccoli.

Interessante la progressione dell'esplorazione, legata agli eventi e alle abilità di mamma volpe ma anche a quelle che man mano i cuccioli impareranno. Le prime saranno soprattutto volte a renderli più forti e agili, ma andando avanti con il gioco il gruppetto diventerà utile anche per trovare oggetti nascosti e cibo o raggiungere parti altrimenti inaccessibili. Durante queste fasi non perdete mai d'occhio lo schermo, che indicherà la salute dei cuccioli e soprattutto la loro posizione.

Fortunatamente l'I.A. che li gestisce è più che discreta. Nel corso della nostra run non ci è mai capitato di dover tornare indietro per recuperare un piccolo incastrato da qualche parte o indeciso sul da farsi, la piccola banda di pelosi si è sempre dimostrata molto reattiva anche nell'utilizzo delle abilità sbloccate nel corso dell'avventura, atte a rendere un po' più leggere il lavoro della mamma.

Assai gradevole la direzione artistica, quasi pittorica, e la colonna sonora essenziale ma puntuale nel sottolineare le fasi più intense del gioco. La longevità si aggira intorno alle 6 ore, una cifra giusta per un titolo di questo tipo, e la difficoltà non è altissima... ma Endling - Extinction is Forever non è un gioco nato per mettere alla prova le abilità del giocatore e sicuramente non per intrattenerlo in maniera leggera e spensierata.

I cucciolotti possono anche spaventarsi e a quel punto difficilmente vi seguiranno. Per calmarli potrete coccolarli un po' tramite la croce direzionale.

Il suo scopo è far riflettere chi si trova davanti allo schermo sul suo ruolo nel mondo reale, non in quello virtuale. Un ruolo importante che ognuno di noi riveste anche se fa finta di non rendersene conto. Il segreto è tutto nel titolo: L'estinzione è definitiva! Non c'è una porta di servizio, non esiste un piano B. Dobbiamo impegnarci tutti per dare un futuro a questo pianeta e per far sì che le mamme del futuro non debbano combattere più del dovuto per far sopravvivere i propri figli!

Volendo potremmo anche dirvi che su PC è disponibile una demo di Endling, che però è decisamente breve e non sufficientemente indicativa della qualità del prodotto finale. È stata tra l'altro realizzata con una build più vecchia del gioco, che presenta qualche bug di troppo fortunatamente risolto nella versione finale.

7 / 10

Scopri come lavoriamo alle recensioni leggendo la nostra review policy.

A proposito dell'autore

Avatar di Daniele Cucchiarelli

Daniele Cucchiarelli

Contributor

Lavora nel giornalismo videoludico da oltre 11 anni. Anche se tutti quelli che lo conoscono gli hanno consigliato di "trovarsi un lavoro serio", resta sempre fedele al suo primo amore.

Commenti

More Recensioni

Ultimi Articoli