Bayonetta Recensioni

Bayonetta (Switch) - recensione

Bayonetta (Switch) - recensione

Le streghe danzano ovunque.

Sembra una banalità ma lo scorrere del tempo è inesorabile e colpisce qualsiasi cosa, anche i videogiochi. E così, in un battito di ciglia, la procace Bayonetta è vicina a spegnere le dieci candeline dal suo esordio, avvenuto nella scorsa generazione. Eppure durante questi anni la strega non ci ha mai abbandonati, sia per il recente porting su PC, sia grazie al 'ripescaggio' effettuato da Nintendo. Ed ecco allora che dopo il sequel su Wii U, ci ritroviamo di nuovo per le fredde strade di Vigrid su Switch, ed il tutto prende un sapore inedito.

Per chi si stesse avvicinando ora alla sensuale Bayonetta, permetteteci di fare le dovute presentazioni. Parliamo di una strega del clan Umbra risvegliata da un lungo sonno, vittima della più classica delle amnesie ma costantemente impegnata nella lotta contro gli angeli del Paradiso (in questa veste ben più mostruosi che santi). Qualcosa tuttavia si sta muovendo, e oscure figure tramano nell'ombra per ottenere un grande e temibile potere.

Da questo semplice incipit (solo all'apparenza) prende vita una narrativa che sfiora l'epicità senza risparmiare momenti ricchi di azione e tamarraggine. Bayonetta è un'autentica forza della natura, capace di richiamare creature infernali pronte a sbranare in ogni modo i suoi angelici nemici. Il tutto prende vita in una storia dai toni assurdi, che non risparmia adrenalina e botte da orbi. E di colpi ne darete a vagonate, dato che parliamo di un action curato dai Platinum Games sotto la supervisione di Hideki Kamiya (il nome Devil May Cry vi dice niente?).

Leggi altro...

Bayonetta: la strega non è invecchiata - review

Bayonetta: la strega non è invecchiata - review

Anche su Wii U è il top del genere action.

Manca sempre meno all'arrivo di Bayonetta 2 su Wii U. Negli ultimi giorni abbiamo avuto modo di giocare a lungo con la conversione del primo capitolo per la console di Nintendo, in modo da ripassare le basi prima di vivere le nuove avventure della provocante strega ideata da Kamiya e dai Platinum Games.

Come se la cava questo splendido titolo dell'era PS3 e Xbox 360, sulla macchina su Wii U? Anche se gli sviluppatori hanno cercato in tutti i modi di convincere gli utenti di aver fatto molto più di una semplice conversione, la realtà dei fatti è piuttosto diversa.

Se è vero, infatti, che sono state inserite alcune aggiunte interessanti, gran parte del gioco che vi troverete fra le mani acquistando questa versione Wii U è ciò che abbiamo già abbondantemente apprezzato su Xbox 360.

Leggi altro...

Bayonetta

Bayonetta

Oltre le gambe c’è di più…

Sin dalla sua prima apparizione ufficiale, Bayonetta è stato “bollato” come una copia al femminile di Devil May Cry, ma la realtà è che, al di là di diverse somiglianze stilistiche e non con il celebre franchise Capcom, il titolo targato Platinum Games ha diversi assi nella manica, primo fra tutti una protagonista tanto affascinante quanto letale.

La storia ruota intorno alla sinuosa strega Bayonetta, un personaggio carismatico, seducente e spietato, impegnato a fronteggiare orde di improbabili angeli del paradiso, nel tentativo di riguadagnare la sua memoria, persa in seguito a un misterioso evento. Come prevedibile la storia che la vede protagonista non brilla di certo per profondità narrativa, ma nonostante ciò è comunque sufficiente per garantire un discreto coinvolgimento lungo tutto il corso dell’esperienza.

L’avventura, suddivisa in sedici capitoli, propone una struttura molto lineare, fatta prevalentemente di micro-battaglie, intramezzate da brevi fasi di esplorazione e qualche piccolo enigma (la cui risoluzione non richiede certo una mente superiore). Azione allo stato puro, dunque, con qualche piccola distrazione volta semplicemente a variare il ritmo dell’esperienza.

Leggi altro...