Destiny Articoli

Destiny Sandbox Update - anteprima

ArticoloDestiny Sandbox Update - anteprima

Tanti cambiamenti per il Crogiolo.

Durante la serata di ieri Bungie è tornata in diretta su Twitch per parlare del suo celebre MMO/Shooter Destiny. Si è trattata di una veloce presentazione, durante la quale DeeJ e i suoi ospiti hanno presentato i principali cambiamenti che arriveranno con la nuova patch del gioco, prevista per il prossimo 14 febbraio.

E quale giorno è meglio di San Valentino per dimostrare il nostro amore agli altri giocatori del Crogiolo? Crediamo nessuno, ed è per questo che lo sviluppatore di Seattle ha ascoltato la sua folta community, raccolta principalmente intorno a Bungie.net e Reddit, per capire come modificare il bilanciamento delle armi, in modo da rendere più equilibrati i rapporti di forza tra le diverse famiglie di bocche da fuoco a disposizione dei Guardiani.

Al momento, infatti, la maggior parte dei giocatori utilizza principalmente i fucili a pompa e quelli ad impulso, mentre le armi a fusione e quelle da fianco raccolgono veramente pochi consensi. Per questo motivo Bungie ha pensato sia a diversi cambiamenti che dovrebbero modificare come si utilizzano le armi, sia ad alcune modifiche delle sottoclassi dei Guardiani che dovrebbero rendere gli scontro più bilanciati.

Leggi altro...

ArticoloDestiny: L'Aurora - anteprima

Bungie ci spiega come sarà il suo "December update".

Se Scott Taylor, Senior Producer di Bungie, ha voglia di parlarti al telefono delle novità di Destiny, l'unica cosa che puoi fare è chiamarlo. Ecco perché qualche giorno fa ho passato un quarto d'ora circa a parlare con lui di L'Aurora, il nuovo DLC che, alla stregua dell'April Update, si prefigge di prolungare la longevità di Destiny.

ArticoloDestiny: I Signori del Ferro. Largo al Crogiolo! - prova

La modalità Supremacy e altro ancora direttamente dalla nostra trasferta di Seattle.

Avendo rivoluzionato il multiplayer su console con Halo, era lecito aspettarsi da Bungie una carica innovativa diversa da quella mostrata col Crogiolo in Destiny. Come dicevamo ieri, però, lo sviluppatore di Seattle all'inizio non aveva ancora compreso pienamente che tipo di gioco si sarebbe trovata tra le mani e per questo motivo, dopo il lancio, ha dovuto lavorare sodo per dare a Destiny un'impronta ben specifica.

ArticoloDestiny: I Signori del Ferro - prova

Lord Saladin ha bisogno di noi.

Bellevue (Seattle) - Destiny è sempre stato un gioco complesso da inquadrare. Sin dall'annuncio, l'ultima fatica dei creatori di Halo è stata caricata di aspettative, ma in pochi avrebbero potuto immaginare che tipo di prodotto effettivamente sarebbe diventata.

ArticoloLe uscite del mese di settembre - articolo

La sfida PES-FIFA e l'inizio del periodo più caldo dell'anno videoludico.

Settembre è un mese che per molti indica il ritorno alla routine. L'addio all'estate, alle vacanze e lentamente (almeno teoricamente) al caldo che in alcuni casi ci ha allontanato dalla nostra fidata piattaforma di gioco preferita.

ArticoloGamescom 2016: Destiny: I Signori del Ferro - prova

Abbiamo provato la modalità Supremazia e un Assalto!

Chi mi conosce sa che sono da sempre un appassionato di Destiny ma anche un suo attento critico. È uno dei giochi più importanti degli ultimi anni, non solo per i dati di vendita e l'impatto mediatico, ma anche per le increspature che Bungie ha causato gettandolo nello stagno dei videogame.

ArticoloDestiny: I Signori del Ferro - intervista

A tu per tu con Scott Taylor, Executive Producer di Bungie, per parlare della prossima espansione e di altro.

"È il mio bambino", dice Scott Taylor, Executive Producer di Bungie, indicando il poster di Destiny: I Signori del Ferro alle sue spalle. Ma, lo scoprirò nel corso dell'intervista, c'era sempre lui dietro anche a Il Casato dei Lupi. E siccome ormai Bungie tende sempre più a demandare la comunicazione su Destiny alle dirette streaming, l'opportunità d'intervistarlo andava colta al volo.

ArticoloDestiny: I Signori del Ferro - anteprima

Bungie svela il futuro di Destiny.

Nonostante la folta schiera di haters, anche oggi, durante il nuovo live stream di Destiny, Bungie è riuscita ad attirare oltre 200mila spettatori, curiosi di scoprire il futuro del gioco.

ArticoloL'E3 di Sony - articolo

Dalla realtà virtuale al 4K, Sony gioca la sua partita più importante.

Con oltre quaranta milioni di console vendute in meno di tre anni, Sony arriva a questo E3 del 2016 con una relativa tranquillità. Il mercato è saldamente nelle sue mani ma la casa giapponese sa bene che il pubblico non perdona chi si ferma e non si evolve, per questo sta continuamente lavorando sulla sua PlayStation 4, i servizi che le girano attorno e, ovviamente, la line-up dei titoli che potrà presentare.

Destiny: le novità dell'april update 6 aprile - anteprima

Siamo finalmente arrivati al terzo e ultimo appuntamento che Bungie ha programmato per presentare ai suoi fan l'aggiornamento 2.2.0 di Destiny. Si trattato di un aggiornamento corposo, che aggiungerà tante nuove funzionalità al gioco come la possibilità di personalizzare anche cromaticamente il proprio guardiano, oltre a nuovi contenuti gratuiti, per lo meno per chi possieda l'espansione Il Re dei Corrotti.

In questa ultima diretta DeeJ ha presentato tutte le novità che andranno a riguardare alcune modalità multiplayer, oltre ai cambiamenti nel bilanciamento dello Stregone e di alcune armi esotiche. La prima modifica è che non si potrà riportare in vita un compagno correndo, il che rafforzerà la meccanica di rischio/beneficio di questa operazione durante le partite, dato che vi costringerà a decidere se la situazione consenta di esporsi. Durante le Prove di Osiride, infatti, occorreranno ben 7 secondi per rianimare un compagno la prima volta, due in più del tempo attuale, che diventeranno 14 la seconda volta, ventuno la terza e così via.

Verrà rivisto anche il sistema di drop dello Stendardo di Ferro. Con la prossima patch gli engrammi leggendari saranno sostituiti da dei drop che garantiranno pezzi specifici dello Stendardo. Artefatti e Spettri con Luce a 320 cominceranno ad arrivare dopo il Grado 3, mentre raggiungendo il Grado 5 sia avrà la possibilità di ottenere drop da 335 punti luce.

Leggi altro...

Destiny: le novità dell'april update 30 marzo - anteprima

Ieri sera Bungie è andata in onda con la seconda diretta dedicata all'update di aprile di Destiny. Nella prima puntata lo sviluppatore di Seattle ha presentato la nuova Prigione degli Anziani, rivista sia nel livello di difficoltà sia nei contenuti, spalmandole sopra un bell'unguento ai Corrotti in grado di rivitalizzarne la sfida.

Oggi si pensava che lo studio che ha dato i natali ad Halo si sarebbe concentrato sui nuovi assalti, sulle esclusive PlayStation o sulle nuove armi esotiche. E invece no, come al solito Bungie ha voluto stupire tutti ed ha passato quasi un'ora a parlare di moda, di nuove armature e shader.

Certo, in molti diranno che nuove opzioni per personalizzare esteticamente i propri guardiani sono una delle cose più richieste della community, ma siamo altresì convinti che nulla sia più atteso dei nuovi contenuti di gioco, soprattutto alla luce dei tanti mesi di immobilità, accompagnati all'arrivo di The Division.

Leggi altro...

Destiny: le novità dell'april update - anteprima

Quando sul finire della nostra diretta Twitch su Eurogamer_Italia (iscrivetevi se non l'avete ancora fatto) ho realizzato che uno strike non è un raid, ho capito alcune cose. La prima è che è il cervello ha davvero un modo tutto suo di funzionare: da appassionato di Destiny volevo fortemente un segnale di riscossa da parte di Bungie, qualcosa che testimoniasse la sua voglia di rilancio e giustificasse le oltre 1000 ore che ho speso su questo gioco. E così ho frainteso il termine perché volevo sentirmi dire che sì, dopo mesi di magra ora si ricominciava a fare sul serio.

La seconda cosa che ho capito è che non c'è nulla da fare, Bungie è sempre Bungie, nel bene e nel male. E che, almeno stando al primo dei tre appuntamenti annunciati, la montagna ha partorito ancora una volta il topolino, nonostante la concorrenza di The Division che gli stessi Bungie danno l'impressione di sentire ("Boss aren't sponges", ha buttato lì alla fine il senior designer Tim Williams, e il riferimento al titolo di Ubisoft non ci è parso casuale). Con la speranza, ovviamente, di essere smentito nelle prossime settimane...

Ma cominciamo con le novità. La prima, come anticipato dal lead designer Ryan Paradis, è che i punti luce ora salgono a 335. La seconda è che la Corte di Oryx, gli Assalti Eroici, il Cala la notte, l'Incursione La Caduta di un Re, lo Stendardo di Ferro e le Prove di Osiride, offriranno nuove ricompense. I drop dell'incursione che ci vede uccidere Oryx verranno ora portati a 320 punti luce in modalità normale e a 330 in hard. I drop della Corte di Oryx, invece, arriveranno al livello 335.

Leggi altro...

ArticoloThe Division non è un altro Destiny - editoriale

Nel bene e nel male, è un gioco completamente diverso.

Mancano 90 secondi all'estrazione e getto uno sguardo all'orologio. Sono accanto a un tipo che ho incontrato alcuni isolati più indietro, assediato dai looter. Li abbiamo sterminati insieme e ci siamo ringraziati a colpi di emoticon, quindi siamo tornati al punto di estrazione per mettere al sicuro il nostro bottino.

ArticoloDestiny: cosa ne pensiamo della Lega Gare di Astori - articolo

Bungie a tutto gas (ma col freno a mano tirato).

Non è un mistero che il più grosso limite di Destiny siano i contenuti. L'impressione che i milioni di fan di questo ibrido tra un MMO e uno shooter hanno sempre avuto, è che il gioco creato da Bungie abbia un potenziale enorme, ma che esso non sia stato sfruttato pienamente. Una cosa che stupisce, dato che stiamo parlando di uno sviluppatore che dovrebbe avere un'enorme dimestichezza nel come creare grandi esperienze videoludiche.

ArticoloDestiny: Il Re dei Corrotti, quattro salti alla Corte di Oryx - articolo

Il resoconto completo dell'ultimo evento Twitch di Bungie.

Siamo finalmente giunti all'ultimo live streaming di Bungie dedicato alla prima grande espansione di Destiny, chiamata il Re dei Corrotti, ovvero il momento nel quale lo sviluppatore darà il via al secondo anno di questo famoso, bellissimo ma molto discusso ibrido tra un MMO e uno sparatutto in prima persona. Diciamo finalmente perché il prossimo appuntamento segnato sul calendario è quello con la patch 2.0 e il gioco vero e proprio e quindi non vediamo l'ora di toccare con mano le tante promesse fatte in questi mesi da Bungie.

ArticoloLe uscite del mese di settembre - articolo

Ecco i titoli che ci aspettano nei negozi al rientro dalle vacanze.

Ora che ci avviamo verso la fine dell'estate, comincia la lunga rincorsa verso le vacanze natalizie. La strada verso il periodo più ricco di uscite dell'anno parte con un settembre ricco come sempre di uscite, anche di primo livello.

Ormai è un rituale cui sono ben lieto di adempiere. Mi riferisco all'intervista a Bungie all'E3 o alla Gamescom, uno dei pochi momenti in cui al dovere professionale riesco a unire il piacere personale di parlare di Destiny. Curiosamente, però, ogni volta m'interfaccio con una persona diversa e alla Gamescom è stata la volta di Jesse van Dijk, la cui intervista vado prontamente a trascrivere.

Articolo30 minuti con Mark Noseworthy per Destiny: il Re dei Corrotti - intervista

Tante domande (e qualche suggerimento) all'Executive Producer della prossima espansione di Destiny.

Alle volte mi vengono proposte interviste di giochi che m'interessano marginalmente ma che affronto con professionalità, perché questo è il mio mestiere. Altre volte, invece, capitano occasioni come questa, dove ho l'opportunità di poter chiedere ai diretti responsabili spiegazioni su videogame nei quali investo ore della mia vita.

ArticoloIl modello di business di Destiny è un rischio per Bungie - articolo

Destiny resta un titolo economicamente precario e Bungie deve fare molta attenzione a non alienarsi le simpatie dei giocatori.

Lanciare un nuovo gioco è un processo delicato: ci sono molte cose che possono andare male e vanificare il lavoro di anni, sfociando in un insuccesso commerciale. Per un gioco online, le difficoltà sono ancora maggiori: gestire questioni come il funzionamento dei server e delle infrastrutture online, il comportamento sociale dei giocatori e altro ancora, aggiunge un ulteriore livello di complessità alla fase di lancio (e post-lancio) di un titolo.

ArticoloDestiny: il Re dei Corrotti - prova

Gli abbiamo distrutto l'altare e ucciso il figlio: adesso Oryx vuole vendetta!

Los Angeles - Ho spesso riflettuto sul paradosso filosofico secondo il quale l'uomo libero è quello che non ha scelta. Ed è quindi pervaso da un notevole senso di libertà che mi appresto a scrivere l'anteprima de Il Re dei Corrotti, la nuova espansione di Destiny che ho appena avuto modo di provare in quel di Los Angeles. Perché con ormai 736 ore di gioco all'attivo, non potevo che essere io a occuparmi di questo articolo.

ArticoloDestiny, oltre Il Casato dei Lupi - intervista

Raid, PvE e contenuti: è già il momento di guardare avanti.

13 giorni, 16 ore, 47 minuti col Titano. 9 giorni, 18 ore, 51 minuti con l'Hunter. E infine, 5 giorni, 19 ore e 19 minuti col Warlock. Queste le statistiche del tempo che ho finora passato con Destiny, nonostante una 'pausa di riflessione' che dura da ormai due mesi (altrimenti sarebbe pure peggio). Cifre che ho scoperto solo di recente e che, lo ammetto, mi hanno provocato un certo turbamento. E chissà cosa verrebbe fuori digitando /played in Dark Age of Camelot e World of Warcraft: probabilmente, nello stesso tempo, avrei conseguito due lauree e un master.

ArticoloIl ritorno del venditore: la leggenda di Xur - articolo

Bungie ci parla del misterioso mercante di Destiny e di come ci tiene sulle spine.

Ogni venerdì - noi lo chiamiamo il Giorno di Xur - uno speciale personaggio non giocante arriva alla Torre, lo spazio sociale di Destiny. Il misterioso mercante, con i suoi occhi di un inquietante bianco, l'unica cosa che si scorge da una faccia nascosta dalle ombre, vende armi e armature Esotiche ma non c'è modo di sapere quali. Si chiama Xur, l'Agente dei Nove, e non risponde a nessuna legge.

Tutto, della seconda espansione di Destiny, mi sembra avere senso. I cambiamenti al multiplayer competitivo, di cui abbiamo parlato la scorsa settimana, danno per la prima volta al PvP un vero endgame. Mentre la nuova modalità arena Prigione degli Anziani, rivelata adesso da Bungie, è una bella variante del combattimento a ondate ed è molto divertente per team di tre giocatori.

ArticoloLe uscite del mese di maggio - articolo

Un mese ricco di uscite interessanti.

Il periodo natalizio è solitamente (e comprensibilmente) quello più ricco di titoli di spessore in uscita, ma anche questo maggio non scherza. Oltre a The Witcher 3: Wild Hunt, nei prossimi 31 giorni potremo mettere le mani anche su Project CARS, l'espansione Il Casato dei Lupi per Destiny e molto altro.

Il multiplayer competitivo di Destiny, chiamato Crogiolo, non ricompensa i giocatori quanto la porzione PvE del gioco. In pratica, le ricompense del Crogiolo sono orrende. Gruppi di sei giocatori affrontano i bellissimi Raid di Destiny in cerca di nuovi oggetti Esotici ed equipaggiamento di alto livello che può essere acquisito solo sconfiggendo nemici impegnativi e boss controllati dal computer. C'è un elemento di casualità dei drop nel PvE, per cui potreste non ottenere quell'elmetto che state inseguendo fin dal lancio di Destiny avvenuto a settembre, ma almeno si sa quali oggetti si ha la possibilità di ottenere.

ArticoloÈ finita l'era degli FPS? - editoriale

Il genere più gettonato degli ultimi 10 anni comincia a dare segni di cedimento. Chi prenderà il suo posto?

Il mondo dei videogiochi ha vissuto molte fasi diverse. Tra la fine degli anni '80 e i primi '90, sull'onda del successo di Mario e Street Fighter, non esiste publisher che non abbia tentato di lanciare sul mercato il suo picchiaduro a incontri o il suo platform con mascotte. Ovviamente, i risultati erano spesso discutibili, o addiritturaimbarazzanti: chi vi dice che "ai vecchi tempi" i videogiochi erano più originali evidentemente ha la memoria corta, oppure è un inguaribile nostalgico che tra vent'anni dirà la stessa identica cosa dei giochi di oggi.

ArticoloI migliori giochi del 2014, secondo la redazione - articolo

Dopo il parere dei lettori, arriva il nostro!

Negli ultimi giorni abbiamo proposto le classifiche dei migliori giochi del 2014, secondo i lettori di Eurogamer. Oggi, pubblichiamo l'elenco dei più bei titoli dei 12 mesi appena trascorsi, per noi redattori. Naturalmente si tratta di una classifica basata su ciò che ogni membro del team è stato in grado di giocare e, se possibile, portare a termine, quindi non è nulla di universale o di completamente oggettivo. Vista la presenza di numerosi pareggi, non abbiamo stilato la classica top 10, ma abbiamo diviso i giochi in gruppi, in base al numero di voti ricevuti. Ci vediamo nei commenti per discutere le nostre proposte!

ArticoloI migliori giochi del 2014 su old-gen - articolo

La vecchia generazione ha ancora qualcosa da dire?

L'ultima classifica del 2014, creata in base ai voti dei lettori, è dedicata alle console old-gen, quelle che per tanti anni ci hanno saputo divertire e appassionare con esperienze di ogni genere. Come sarà stato il loro 2014? Le vecchie piattaforme saranno davvero giunte al capolinea, oppure hanno ancora molto da dire, complice l'annata non proprio esaltante di PS4 e Xbox One? Diamo un'occhiata!

ArticoloI migliori giochi del 2014 su Xbox One - articolo

Ecco i 10 campioni che avete votato su Facebook.

Il sondaggio che abbiamo portato avanti tra i nostri lettori, per decretare i migliori dieci giochi del 2014 usciti su Xbox One, ha dei vincitori. In molti avete partecipato all'iniziativa, esprimendo la vostra preferenza e cercando di far svettare il vostro beniamino sui diretti concorrenti. Chi sarà salito sul podio? Avrà vinto un'esclusiva? Ci sarà stata qualche sorpresa? Per scoprirlo, non dovete fare altro che continuare a leggere!

ArticoloI migliori giochi del 2014 su PS4 - articolo

I 10 “must buy” della console di Sony, secondo i lettori.

Il 2014 è ormai agli sgoccioli, e per fare un bilancio di quest'annata videoludica abbiamo deciso di far votare a voi utenti i migliori titoli usciti in questi 12 mesi, in modo da stilare una serie di top 10 per le varie piattaforme a disposizione. Questa è quella relativa alla PlayStation 4, che tra esclusive e rimasterizzazioni ha regalato un anno buono, ma non certo esaltante. Diamo un'occhiata insieme ai vostri magnifici 10!

ArticoloVideogiochi post-natalizi - articolo

“Ok ho circa 2 settimane: che mi gioco?”

L'impellenza di partecipare a pranzi o cene, il relativo abbiocco comatoso con tempi digestivi degni di un boa constrictor e la presenza di parentame vario che cerca, orrore, d'i intavolare una discussione, rendono difficile godersi i regali nel giorno di Natale. Il 26 invece nessuno rompe le scatole, si mangiano gli avanzi e si ha tutto il tempo necessario per lasciare sul divano la nostra sagoma dopo una intensa sessione di gioco.

Destiny: L'Oscurità dal Profondo, facciamo Luce sul DLC - preview

ArticoloDestiny: L'Oscurità dal Profondo, facciamo Luce sul DLC - preview

Tutto quello che dovete sapere in vista dell'espansione.

Dopo lo smarrimento iniziale, Destiny ha saputo convincere milioni di giocatori a lanciarsi nello spazio per difendere l'ultima città della Terra e il Viaggiatore. Ogni venerdì mattina ci si fionda sui server a vedere quello che offre Xur, mentre dal martedì in avanti si tenta i battere l'Assalto Settimanale o il Cala la Notte. Il resto della settimana è dedicato alla Volta, alla ricerca dei pezzi per raggiungere l'agognato trentesimo livello.

Anche perché senza aver massimizzato la propria Luce il prossimo 9 dicembre non potrete accedere alla nuova incursione che Bungie introdurrà con L'Oscurità dal Profondo, la prima espansione di Destiny.

In questi giorni Bungie sta velocemente preparando il gioco per accogliere i nuovi contenuti e i giocatori di vecchia data, se così si possono chiamare coloro che bazzicano i server sin dal Day One, stanno comunicando a notare diverse novità, alcune strutturali, altre più sottili.

Leggi altro...

ArticoloLe uscite del mese di dicembre - articolo

Nuove avventure per Lara, il decollo di Elite, Halo e altro ancora per quest'ultimo mese dell'anno

La proverbiale abbuffata natalizia è arrivata come sempre in anticipo nel mondo dei videogiochi, con una quantità di uscite di primo piano concentrate a novembre.

Digital FoundryL'evoluzione di Destiny - articolo

Cosa è stato aggiunto (e tolto) da Bungie dopo il debutto del gioco all'E3 2013.

Dai tempi della presentazione di Destiny all'E3 2013 al lancio del gioco per PS4 e Xbox One, lo shooter fantascientifico di Bungie ha subito una serie di cambiamenti significativi. Dopo aver rigiocato la versione PS4 per confrontarla con il materiale della presentazione, la revisione radicale del lato estetico di Antica Russia appare chiara, sia in meglio che in peggio. In seguito al downgrade grafico di Watch Dogs, privo nella versione finale di molte delle funzioni di rendering più significative, ci siamo chiesti se questi cambiamenti fossero di natura tecnica o semplicemente il risultato di un miglioramento delle visuali nel resto del periodo di sviluppo.

ArticoloCosa ci ha insegnato Destiny - editoriale

Come si coniuga l'enorme successo di mercato con la media voto su Metacritic?

Non ho ancora giocato a Destiny, quindi se volete sapere qual è il parere di Eurogamer.it sul gioco in sé, non chiedetelo a me: qui potete trovare la recensione scritta dal nostro infaticabile Ricciotto.

Digital FoundryDestiny su Xbox One: analisi delle prestazioni

L'upgrade a 1080p raggiunge la parità tecnica con PS4?

Con la nostra analisi comparativa in arrivo nel fine settimana, è la versione Xbox One di Destiny a essere circondata dai punti di domanda più grandi. Dopo il passaggio di Diablo 3 da 900p a 1080p (anche se con degli occasionali cali di frame-rate), ora è il colosso di Bungie a tentare lo stesso salto tecnico. Visto l'ambizioso design open world e la ricchezza di effetti, eguagliare il full-HD di PS4 ha richiesto dei sacrifici sotto qualche altro aspetto?

ArticoloI prossimi videogiochi da non perdere - articolo

Cosa ci riservano gli ultimi mesi del 2014? Parecchie uscite di rilievo che attenteranno ai nostri portafogli.

PlayStation 4 vende bene, Xbox One si sta scrollando di dosso la falsa partenza, il gaming su PC sembra in salute e anche Wii U è in via di ripresa a dispetto del lungo periodo iniziale di stallo. PS3 e Xbox 360, intanto, godono ancora di supporto e non sembrano intenzionate a farsi da parte troppo presto.

ArticoloEric Hirshberg: “we live in a franchise world” - intervista

Eurogamer.it intervista il CEO di Activision sul futuro di Sierra, la sostenibilità dell'industry e molto altro ancora.

Avere venti minuti a disposizione con Eric Hirshberg non è mai facile, soprattutto nella fase preparatoria dell'intervista. Perché se una domanda non gli piace te lo fa capire, se gli stai chiedendo qualcosa che ha già detto in passato te lo fa notare, e perché è particolarmente abile a svicolare dalle situazioni scomode. Il risultato è comunque uno scambio di battute che dà l'idea del mondo dei videogiochi visto dalla parte di chi lo influenza ogni giorno.

Destiny: analisi tecnica della beta Xbox One

Digital FoundryDestiny: analisi tecnica della beta Xbox One

Il Digital Foundry esamina la beta a 900p sulla console di Microsoft, e il codice aggiornato per PS4.

Nonostante una chiara differenza tra le build beta di Destiny per PlayStation 3 e PlayStation 4 , entrambe le versioni sono del tutto rispettabili. Un frame-rate stabile a 30fps è l'obiettivo per ogni piattaforma, regola a cui non fa eccezione questa versione per Xbox One disponibile da mercoledì. Visto che la risoluzione è però di 900p, con un obiettivo finale di 1080p, saranno stati fatti dei sacrifici per adattare il gioco alle specifiche della console?

La scalabilità è il cardine di questo nuovo motore realizzato da Bungie, ma la buona notizia è che sembra non siano state fatte alterazioni rispetto alla versione PS4 per far girare il gioco sulla console di Microsoft. A parte la riduzione della risoluzione a 900p, la beta per Xbox One gestisce illuminazione, rendering delle ombre e anche scaling del livello di dettaglio con la stessa qualità della controparte di Sony. Le uniche differenze notate nelle scene introduttive all'esterno delle mura di Antica Russia e nei panorami delle Steppe sta in qualche cambiamento nel ciclo giorno-notte.

Ovviamente la differenza tra l'attuale risoluzione di 1600x900 e i 1920x1080 di PS4 è percepibile, anche dopo l'applicazione del forte anti-aliasing post-process FXAA. Quando si guarda uno dei vasti panorami di Destiny, la nitidezza si riduce tanto più lontano si guarda. Ciò non influenza mai il gameplay, i nemici restano sempre visibili all'orizzonte. La differenza si nota però nella vegetazione e nel normal mapping oltre una certa distanza, che soffrono dell'upscaling aggiuntivo. La versione Xbox One risulta leggermente più sfocata in questi elementi, anche se la qualità di texture e filtering è identica tra le due versioni.

Leggi altro...

Destiny beta: PS3 vs. PS4 - articolo

Digital FoundryDestiny beta: PS3 vs. PS4 - articolo

Il Digital Foundry mette a confronto next-gen e last-gen.

Senza una versione PC annunciata, per ora si può dire che sia la versione PlayStation 4 di Destiny a mostrare sotto la luce migliore il nuovo motore di Bungie. Considerando l'illuminazione dinamica e alcuni tra i migliori effetti post-process visti finora su console, si può ipotizzare che le console last-gen siano destinate a faticare parecchio per fornire un'esperienza equivalente. Bungie ha però costruito il suo nuovo motore facendo attenzione alla scalabilità, e il lancio in contemporanea del gioco su PS3 e PS4 suggerisce un alto livello di fiducia nella versione last-gen.

Visto che il motore viene descritto come le fondamenta dei progetti futuri della prossima decade, non è ben chiaro quanti altri titoli nella serie di Destiny supporteranno le console last-gen. L'inizio, a giudicare da quanto visto finora, è però molto convincente. La build beta della versione PS3 pesa 5.6GB (contro i 13.2GB di quella PS4) e dimostra il livello di ottimizzazione che Bungie intende operare prima del lancio settembrino.

Ovviamente ci sono alcuni elementi tagliati rispetto alla versione PS4. Il dettaglio del mondo di gioco è notevolmente ridotto, come si può vedere dal video di confronto in slow motion più in basso. La densità di vegetazione, rocce e pietrisco è inferiore, e molti di questi dettagli compaiono solo quando sono vicini. Gli elementi geometrici lungo il muro alla periferia di Antica Russia sono stati completamente rimossi dalla versione PS3. Anche così, il resto delle geometrie è molto simile, e anche il numero dei nemici è mantenuto intatto nella versione last-gen.

Leggi altro...

Digital Foundry vs. la beta di Destiny su PS4

Digital FoundryDigital Foundry vs. la beta di Destiny su PS4

Un veloce sguardo alle novità portate dalla beta.

È passato un mese da quando abbiamo analizzato

l'alpha di Destiny, scoprendo uno spettacolo di effetti e un ciclo giorno-notte che ha permesso di realizzare un bellissimo video in time-lapse. Dopo l'aggiunta di nuove missioni in occasione della Beta per PS3 e PS4, abbiamo cominciato a elaborare un confronto che potrete leggere nei prossimi giorni. Nel frattempo, però, dare uno sguardo alle differenze con la build alpha è d'obbligo, anche per verificare se questo aggiornamento abbia risolto alcuni dei curiosi problemi rilevati un mese fa.

Il download, delle dimensioni di 13.2GB, è certamente corposo quanto a contenuti. Il gioco comincia con una sezione nei pressi dell'Antica Russia, in cui dobbiamo guidare il nostro Guardiano appena creato attraverso un muro torreggiante per raggiungere le steppe dell'area principale, nel tentativo di recuperare delle parti per riparare una nave spaziale. Tecnicamente questa sequenza si svolge nella stessa area della missione Devil Within vista nell'alpha, ma ci porta lungo un percorso che rivela nuove sequenze di intermezzo e boss inediti.

Leggi altro...

Destiny: finalmente abbiamo messo le mani sulla beta - prova

ArticoloDestiny: finalmente abbiamo messo le mani sulla beta - prova

L'universo di Bungie si espande davanti ai nostri occhi.

Per tantissimo tempo abbiamo sentito parlare di Destiny senza aver mai avuto la possibilità di mettere le mani sull'attesissimo ritorno sulle scene di Bungie dopo la sua separazione da Microsoft.

Ora, nel giro di poche settimane, abbiamo avuto modo di esplorare l'universo di Destiny in due occasioni ben distinte, che dovrebbero aiutare Activision e lo stesso sviluppatore di Bellevue ad arrivare pronti al lancio, ormai fissato per il prossimo 9 settembre.

Se l'Alpha, come dice lo stesso nome, era una scheggia profondamente incompleta e limitata dell'esperienza globale, grazie alla Beta abbiamo avuto la possibilità di capire meglio quello che ci aspetterà nei negozi questo autunno.

Leggi altro...

ArticoloLe news della settimana - articolo

Le idee di Miyamoto contro i giochi “seri” e open world, i 150€ di Kinect “liscia”, il colpo di coda di Ouya e molto altro...

Il caldo estivo è finalmente (si fa per dire) arrivato e il mondo dei videogiochi sembra aver subito reagito andando in vacanza: questa settimana le vere e proprie novità e gli annunci degni di tale nome sono infatti piuttosto sparuti. Per fortuna, è partito invece il trenino delle dichiarazioni da parte dei personaggi famosi dell'industria, che negli ultimi giorni ci hanno regalato più di uno spunto di discussione.

ArticoloBest of E3 2014: tiriamo le somme - articolo

Lettori e redazione votano i vincitori dello show.

Anche stavolta è giunto il momento di mettere l'E3 in soffitta. E se solo le software house fossero in grado di mantenere un segreto per più di cinque minuti, sarebbe persino stata una fiera sorprendente. Bloodborne, Assassin's Creed, Battlefield: Hardline e Far Cry 4 sono solo alcuni dei tanti prodotti inediti che sono stati spifferati prima, rovinando in parte l'effetto sorpresa della convention. Che così com'è stata, è stata molto interessante ma un po' piatta per quanto riguarda le emozioni.

ArticoloDestiny, l'Alpha (e l'omega) secondo Bungie - prova

Non è stato solo il weekend di Inghilterra - Italia...

Gli ultimi quattro anni non sono corrisposti solo al passaggio da un Mondiale di calcio all'altro, in casa Bungie. Sono stati anni di cambiamenti radicali, di sperimentazione, di nuove e ambiziose sfide da intraprendere con un nuovo compagno di viaggio: Activision.

Digital FoundryDestiny alpha su PS4 - analisi tecnica

Il Digital Foundry esamina il blockbuster da 500 milioni di Activision.

Destiny rappresenta un progetto molto importante per Bungie: si tratta infatti del suo primo titolo cross-generation e multipiattaforma. A solo pochi mesi dalla sua release, dobbiamo ancora vedere il gioco in funzione su una piattaforma che non sia PlayStation 4, il che lascia molte domande in sospeso. Quanto è scalabile il suo engine? Quale livello di performance avremo sulle altre piattaforme? Dal fronte Xbox One è già giunta la buona notizia che, grazie ai nuovi dev kit che sbloccano le risorse prima dedicate a Kinect, il gioco girerà a 1080p con 30fps anziché alla risoluzione precedentemente immaginata di 900p. Ma al momento attuale il gioco è osservabile solo su PS4 e, basandoci sulla buona qualità del codice alpha rilasciato negli ultimi giorni, possiamo già dire che la situazione è più che soddisfacente.

ArticoloDestiny: finalmente l'abbiamo giocato! - prova

Cronaca di uno Strike con l'atteso shooter di Bungie.

Los Angeles - Chi ci segue con una certa assiduità ricorderà il mio primo articolo su Destiny, frutto di un viaggio effettuato oltre un anno fa negli uffici di Bellevue di Bungie. Una trasferta dalla quale ero tornato col cosiddetto pugno di mosche in mano, eccetto le tante (e ovvie) rassicurazioni dello sviluppatore americano circa la validità del titolo in lavorazione. Tant'è che sottotitolai l'articolo con un "Bungie vuol dire fiducia" (parafrasando il noto slogan della Galbani) che ancora mi viene scherzosamente rinfacciato da Activision ogni volta che si parla di Destiny.

Digital FoundryDestiny: il mondo creato da Bungie in time-lapse

Un video impressionante dell'ultima creazione di Bungie.

Quando abbiamo avuto l'opportunità di mettere le mani sull'alpha di Destiny questa settimana, abbiamo voluto fare qualcosa di speciale. Chiunque abbia giocato a un Halo può testimoniare che Bungie è maestra nella realizzazione di scenari di vasta scala. I nostri primi passi sul pianeta Terra di Destiny ci hanno ricordato quei momenti, quando siamo usciti dal pod di salvataggio nel primo Halo. Solo indugiare spostando la telecamera per ammirare il panorama ci ha ricordato il motivo per cui questo studio è uno dei migliori nell'industria.

ArticoloTutti i giochi dell'E3 2014 - articolo

Conferme, indiscrezioni e possibili sorprese della fiera di Los Angeles.

Ora che la next-gen è ormai una realtà, l'Electronic Entertainment Expo è il palco perfetto per tentare di guadagnare trazione nei mesi a venire. Mentre Microsoft dovrà convincere che Xbox One è ormai una console da gioco a tutto tondo dopo l'annuncio che Kinect sarà venduto separatamente, Sony tenterà di proseguire nella sua politica calando qualche esclusiva first-party di quelle importanti. Alcune di esse sono già state annunciate e ci si aspetta che vengano mostrate sotto forma di qualcosa di più di un semplice teaser, per altre si può ancora solo sperare in un annuncio e non c'è nulla di definito.

ArticoloLe News della Settimana

Il nuovo Call of Duty, il sorpasso del PC sulle console, i rumor sul nuovo hardware di Nintendo...

La settimana che si va concludendo è stata letteralmente esplosiva sul fronte videogiochi. Cominciamo subito a parlare della notizia più importante degli ultimi giorni, se non degli ultimi anni, almeno dal punto di vista dell'industria e delle sue dinamiche: dopo oltre 10 anni di crisi nera, durante i quali molti lo avevano dato addirittura per spacciato, il gaming su PC ha superato quello su console in quanto a profitti generati e ad ampiezza dell'utenza.

Destiny - preview

ArticoloDestiny - preview

Meglio di Halo? Scopritelo.

Il fucile da cecchino è sempre un buon indicatore della qualità di un gioco. In Halo, l'UNSC Sniper Rifle System 99 tuona ogni volta che si preme il grilletto, come se Zeus in persona avesse scagliato un fulmine dai cieli fin nel cranio del nostro nemico. Zoom. Tuono. Headshot. Ricarica.

In Destiny accade la stessa cosa. Quali che siano livello, rarità, nome, i fucili di precisione tuonano. Zoom. Tuono. Headshot. Ricarica. Con la differenza che, in Destiny, la scritta “Critical” compare ogni volta che si effettua quell'headshot. E si vede una barra di energia evaporare. E si ottengono punti esperienza. E forse si assiste anche alla comparsa di un messaggio che ci informa dello sblocco di un potenziamento per il fucile, che andremo poi a comprare tramite la scheda del personaggio utilizzando la valuta in-game, il Glimmer.

La sensazione però è la stessa. Il feeling che si avverte è lo stesso, quello del proiettile che schizza veramente attraverso la mappa, colpendo ciò che deve nel momento giusto, con il suono che si propaga e l'azione virtuale che produce un impatto che sembra reale. È una sensazione familiare e rassicurante, che su console corrisponde essenzialmente a Bungie.

Leggi altro...

ArticoloI videogiochi più attesi del 2014 - articolo

I desideri dei lettori e della redazione per l'anno nuovo.

Il 2014 è ufficialmente iniziato e con esso è arrivato anche il momento di chiudere il sondaggio lanciato qualche giorno fa per stabilire quali siano i giochi più attesi del nuovo anno da parte dei lettori e della redazione di Eurogamer.it. Di seguito riporteremo la classifica dei 20 titoli più votati da voi utenti nelle fasi finali della selezione e, subito dopo, allegheremo anche i risultati che il medesimo sondaggio ha evidenziato dopo esser stato portato avanti tra i membri del nostro team.

ArticoloDestiny secondo Bungie - intervista

Gli sviluppatori americani scendono a Milano, tra presente e futuro.

Milano - La Games Week di quest'anno si sta rivelando un evento particolarmente ricco di contenuti, sia dal punto di vista editoriale, sia di pubblico. I vari publisher e distributori presenti si sono fatti in quattro per mostrare i loro prodotti di punta, non solo in uscita nelle prossime settimane ma anche in arrivo nei primi mesi del 2014. Una buona occasione dunque per mettere le mani su PlayStation 4, Xbox One e i prossimi CoD e Battlefield, ma anche per osservare per la prima volta i chiacchieratissimi Destiny, Dying Light e Watch Dogs.

ArticoloE3 2013 Eurogamer Awards

La redazione premia i giochi migliori della fiera.

L'E3 è finito da una settimana ed è giunto il momento di fermarsi un secondo, respirare e ripensare a tutto ciò che abbiamo visto in questi giorni. L'edizione 2013 verrà ricordata negli anni a venire principalmente per merito di Sony, che con un paio di colpi ben assestati ha messo Microsoft all'angolo, costringendo quest'ultima al clamoroso dietrofront di questi giorni.

Destiny - preview

ArticoloDestiny - preview

Il futuro di Bungie comincia qui.

Los Angeles - Dopo una fugace anteprima di qualche mese fa e diverse indiscrezioni, finalmente Destiny si è mostrato al pubblico. Per farlo ha scelto la presentazione di Sony, evento nel quale il colosso giapponese ha messo a segno diversi colpi nella delicata e incerta lotta per la vittoria della prossima generazione di console.

Nonostante il tanto chiacchierare intorno al gioco di Bungie, alla fin fine stiamo parlando del primo progetto di questo talentuoso team dopo aver abbandonato l'ala protettiva di Microsoft e poco ancora si era capito di cosa, effettivamente, ci saremmo trovati di fronte. Dopo la breve sequenza di gameplay mostrata possiamo affermare che si tratterà di uno sparatutto competitivo con alcuni elementi ruolistici, che ricorda da vicino Borderlands.

Questo perché Destiny è ambientato su di una Terra del futuro dove una qualche disgrazia, non sappiamo ancora se naturale o artificiale, ha devastato il pianeta. La sequenza mostrata, infatti, era ambientata in Neo Russia, una terra ben diversa da quella che siamo abituati ad immaginare. Sterminati deserti circondano città fatiscenti, nelle quali gli esseri umani si barricano per difendersi dalle ostilità. La pianura e' piena di scheletri di automobile e queste conservano ancora i resti degli ignari piloti che le conducevano.

Leggi altro...

ArticoloDestiny - intervista

Bungie risponde alle domande di Eurogamer su Destiny.

Durante l'attesa sessione tenutasi alla Game Developers Conference la scorsa settimana, Joe Staten e Chris Barrett, rispettivamente direttore del design e direttore artistico di Bungie, hanno discusso il processo di creazione del mondo di gioco dei creatori di Halo. I due sono tornati su quanto era stato mostrato durante la presentazione ufficiale di Destiny avvenuta a febbraio.

Destiny - preview

ArticoloDestiny - preview

Bungie vuol dire fiducia.

Bellevue (Seattle) - Settantadue ore per andare e tornare dai sobborghi di Seattle non sono certo una passeggiata di salute, eppure l'occasione per la stampa di tutto il mondo è apparsa delle più ghiotte. Non accade infatti tutti i giorni di andare a vedere Destiny, il nuovo e ambizioso progetto di Bungie, col quale gli sviluppatori americani intendono affrancarsi da Master Chief, ora nelle mani dei 343 Industries.

Per chi infatti un paio di anni fa si fosse distratto, Activision, dopo avere perso Jason West e Vince Zampella, le menti dietro la serie Call of Duty, stupì il mondo annunciando un contratto con Bungie per la creazione di un ambizioso progetto decennale. Nel cambiare publisher, però, gli sviluppatori di Bellevue sono stati costretti a lasciare la loro serie storica in mano a Microsoft, che furbamente se n'era accaparrata i diritti per tempo.

Non stupisce allora che stavolta Bungie abbia tenuto per sé i diritti della serie Destiny, lasciando ad Activision lo sfruttamento decennale del marchio. Durante questo periodo, stando al contratto divenuto di pubblico dominio lo scorso maggio proprio in sede di disputa giudiziaria con West e Zampella, Bungie dovrebbe produrre quattro capitoli di Destiny nel 2013, 2015, 2017 e 2019, mentre nel 2014, 2016, 2018 e 2020 dovrebbero uscire delle espansioni. Su quali piattaforme? Senz'altro Xbox 360 e PlayStation 3, ovviamente sulla next-gen, probabilmente su computer ("ci piacerebbe molto, siamo tutti giocatori PC", hanno dichiarato sornioni gli sviluppatori durante la conferenza).

Leggi altro...

ArticoloDestiny, tutto ciò che dovete sapere

Facciamo il punto sul prossimo titolo Bungie prima degli annunci di domani.

Domani verrà tolto, almeno in parte, il velo su Destiny, il primo titolo Bungie dopo Halo, di cui fino ad oggi abbiamo avuto informazioni con il contagocce, e che promette di essere qualcosa di molto, molto grosso.

ArticoloI giochi più attesi del 2013

Aspettando la next-gen, ecco 20 titoli da tenere d'occhio!

Giocatori, publisher, sviluppatori. Un po' tutti sembrano aver voglia e/o bisogno di una nuova generazione di console, che colmi almeno parzialmente il divario accumulato rispetto ai PC e che dia nuovo vigore all'industria. Proprio perché l'annuncio della next-gen sembra sempre di più nell'aria, si sta delineando uno scenario che tradizionalmente accompagna l'ingresso delle console nel loro ultimo periodo di vita: lo sviluppo di titoli un gradino sopra alle produzioni del passato, accompagnate anche da commenti inequivocabili sullo sfruttamento totale dell'hardware esistente. Vediamo insieme in 20 titoli, rigorosamente in ordine alfabetico, che promettono di rendere il 2013 un anno memorabile per i videogame.