Se clicchi sul link ed completi l'acquisto potremmo ricevere una commissione. Leggi la nostra policy editoriale.

Arrivano le giostre nel Gran Torneo di Hearthstone - prova

Vediamo nel dettaglio la nuova meccanica introdotta dall'espansione.

Colonia - Anche solo due anni fa ci saremmo tutti messi a ridere se avessimo sentito qualcuno dire che il nuovo titolo di successo sviluppato da Blizzard Entertainment sarebbe stato un gioco di carte collezionabili disponibile su PC, tablet e smartphone.

Ancora adesso sembra strano, ed è difficile spiegare a chi non ha mai provato Hearthstone il successo così clamoroso di un gioco apparentemente di nicchia. Il punto è proprio questo, bisogna provarlo e già alla prima partita si viene rapiti dalle sue meccaniche, semplici ma allo stesso tempo profonde e in grado di permettere strategie molto accurate per chi vuole approfondirle e studiarle sin nei minimi dettagli.

Ci troviamo di fronte a un gioco estremamente accessibile, che possiamo avviare durante una breve pausa direttamente dal nostro smartphone, in ogni momento della giornata, e in grado di suscitare forti emozioni.

Ecco la nuova meccanica della giostra in arrivo con Gran Torneo, la seconda espansione di Hearthstone prevista per fine Agosto.

A fine agosto arriverà la seconda espansione dedicata ad Hearthstone, vale a dire Gran Torneo, che aggiungerà ben 132 nuove carte oltre alla meccanica Ispirazione in grado di attivarsi dopo l'utilizzo dei Potere Eroe. Il filo condutture dell'espansione è infatti proprio quello di ampliare le possibilità offerte dai vari Poteri Eroe.

Già così potremmo ritenerci soddisfatti: tante nuove carte e una nuova meccanica in grado di portare un'enorme quantità di cambiamenti alle strategie utilizzate finora, ma Blizzard ha deciso di andare ancora oltre, e durante la sua conferenza stampa tenutasi alla Gamescom 2015 ha annunciato un'altra nuova meccanica.

Visto il nome dell'espansione, la meccanica presentata ha un suo innegabile senso: in ogni torneo che si rispetti non possono mancare le giostre, e la nuova meccanica introdotta in Hearthstone è proprio questa.

Alcune carte avranno infatti la caratteristica di poter mostrare un servitore per mazzo, uno nostro e uno dell'avversario, e chi tra i due avrà il costo in mana più alto vincerà la sfida permettendo l'attivazione di un bonus speciale conferito alla carta iniziale. È importante notare che i servitori pescati dai mazzi ritornano poi al loro posto e possono essere pescati normalmente dal giocatore.

Hearthstone Gran Torneo: la meccanica del Jousting.

Nello stand Blizzard era possibile provare direttamente due mazzi contenenti alcune di queste carte, e la meccanica si è dimostrata subito molto divertente. Giocare una carta in grado di richiamare due servitori che giostrano aggiunge un nuovo elemento che può ribaltare la partita. Basta pensare a Destriero Corazzato, dotato di 3 punti vita e 5 di attacco al costo di 4 mana, che ottiene Carica quando il nostro servitore pescato dal mazzo costa più di quello avversario; o a Maestro Giostrante, dotato di 6 punti vita e 3 di attacco al costo di 6 mana, che invece ottiene Provocazione e Scudo Divino.

Certo, il tutto dipende dal riuscire a trovare il servitore giusto al momento opportuno. Se saremo sfortunati non vedremo un bonus neanche con il binocolo, ma costruendo mazzi specifici per sfruttare al massimo la meccanica della giostra si possono ottenere risultati molto interessanti.

L'elemento fondamentale è che la giostra è estremamente divertente da utilizzare e a conti fatti risulta essere molto più caratteristica della nuova meccanica di Ispirazione che segue invece canoni più classici e predefiniti.

Al momento rimane comunque difficile capire quanto queste carte stravolgeranno il gioco nel suo complesso, anche perché finora ne sono state mostrare solo una minima parte, ma sulla carta la quantità di carne al fuoco è ben superiore rispetto a quanto avevamo avuto con la precedente espansione Goblin vs Gnomi.

Un esempio delle nuove ricompense che potrebbe ricevere un giocatore che raggiunge il grado 5 durante una stagione classificata.

Oltre a questo è in arrivo anche una novità per la modalità classificata che fino ad oggi era in grado di offrire ben pochi stimoli ai giocatori. Una volta raggiunto un grado elevato nelle varie stagioni mensili, al momento manca un incentivo per continuare ad avanzare in classifica. Certo, si può puntare al grado Leggenda ed ottenere un dorso esclusivo, ma a parte quello non c'è altro una volta superato il grado 20 ed essersi assicurati il dorso del mese.

La nuova espansione modificherà tutto questo e nel registro delle missioni comparirà anche il grado più alto raggiunto nel mese in corso, e tale traguardo verrà ricompensato con premi di vario tipo. Si otterrà un forziere alla fine di ogni stagione, contenente il dorso stagionale, una o più carte Dorate e un po' di Polvere Arcana. I premi migliorano in proporzione al grado massimo raggiunto nel corso del mese, includendo più carte dorate man mano che il grado massimo raggiunto aumenta.

Tutte novità che a quanto ho potuto provare con quei due mazzi preimpostati disponibili allo stand Blizzard della Gamescom sono in grado di aggiungere caratteristiche interessanti e soprattutto divertenti ad Hearthstone. Non resta che aspettare la fine del mese per poter provare con mano tutte le carte della nuova espansione e valutarle nel loro insieme, appuntamento quindi alla nostra futura recensione di Gran Torneo.

A proposito dell'autore
Avatar di Federico Chiesa

Federico Chiesa

Contributor

Federico Chiesa è un appassionato di videogame la cui curiosità lo ha spinto a provarne di ogni tipo, cercando sempre nuovi mezzi per condividere questa grande passione. Il suo motto è “Non c’è provare, fare o non fare.”

Commenti