Se clicchi sul link ed completi l'acquisto potremmo ricevere una commissione. Leggi la nostra policy editoriale.

"I giochi apriranno la strada al 3D"

Parola di Sony.

Il presidente di SCEE, Andrew House, ha recentemente affermato che "i giochi sono perfetti per il 3D e apriranno la strada di questa tecnologia anche alle altre applicazioni".

"I giochi possono essere adattati al 3D in modo piuttosto semplice. Tramite questa nuova tecnologia possiamo aggiungere ulteriore profondità e spessore alle esperienze vissute finora", ha dichiarato House al sito ufficialePlayStation.com (ringraziamo VG247).

"A giugno (casualmente in contemporanea con il lancio dei nuovi televisori Bravia 3D) saranno già disponibili alcuni giochi che sfrutteranno questa tecnologia, tra cui WipEout HD, Super Stardust HD, Pain e una demo di MotorStorm Pacific Rift. Molti altri arriveranno poi nel prossimo futuro".

Interrogato sulla possibilità che l'arrivo del 3D sia forse prematuro, visto che la maggior parte della gente ha comprato un televisore HD solo negli ultimi anni, House ha difeso la strategia Sony.

"È importante per noi muoverci sempre verso il futuro, scoprire nuove tecnologie e far sì che queste vengano messe a disposizione del pubblico, specialmente quando sono in grado di rivoluzionare il mondo dell'entertainment", ha affermato. "Il potenziale del 3D nei videogiochi è enorme e finora ne abbiamo scoperto solo una minima parte."

"Come già accaduto per altre tecnologie, inizialmente ci sono delle barriere da infrangere. Una di queste è il costo da sostenere da parte dei consumatori. Per quanto ci riguarda, noi offriamo una scelta al cliente, gli permettiamo di avere già molti contenuti 3D nel caso decida di avvicinarsi subito a questa nuova tecnologia.

"Le nostre priorità non sono tuttavia cambiate. Siamo ancora concentrati sullo sviluppo e la diffusione dei Blu-ray, ma ciò non significa che dobbiamo tralasciare altre vie come il 3D."

A proposito di scelte e di nuove tendenze, House sostiene che la distribuzione digitale sia ancora lontana dal sostituire i supporti tradizionali. Sony ha ancora intenzione di supportare per lungo tempo i dischi "fisici" come DVD e Blu-ray.

"Al momento i contenuti su disco sono ancora molto diffusi e graditi tra il pubblico. Con il tempo però i nuovi sistemi di distribuzione digitale prenderanno il posto dei supporti fisici e noi saremo pronti anche a questo cambiamento".

"Fa parte del nostro lavoro consentire ai consumatori di avere sempre delle scelte a disposizione. In questo momento è impossibile prevedere come si evolverà il mercato, molte variabili sono al di fuori del nostro controllo come ad esempio l'evoluzione delle reti a banda larga. Le cose cambiano rapidamente e noi dobbiamo fare in modo di trovarci pronti ad ogni evenienza."

Uno dei cambiamenti più importanti potrebbe essere più vicino di quanto si pensi e potrebbe essere rappresentato dai contenuti Premium per PlayStation Network, ma House su questo argomento è stato molto chiaro e ha spiegato che nessuno inizierà a pagare per un servizio che finora ha avuto gratuitamente.

"Il PSN per come lo conosciamo finora rimarrà assolutamente gratuito" ha confermato House. "Offriamo qualcosa che la concorrenza non offre e vogliamo rimanere fedeli e corretti nei confronti della community PlayStation.

"Kaz Hirai qualche mese fa annunciò l'intenzione della compagnia di realizzare un servizio Premium, da affiancare a quello già esistente. Sarò fatto e ne saprete tutti i dettagli molto presto".

Probabilmente all'E3, dove speriamo anche di sapere qualcosa di più sul destino di Gran Turismo 5. Su questo fronte House ha già ricevuto parecchie domande dagli utenti PSN, quattro dei quali gli hanno addirittura chiesto se GT5 fosse divenuto ormai una leggenda. House ha risposto: "Assolutamente no. Sarà incredibile e uscirà molto presto". Speriamo.

Qualcosa che invece non arriverà mai più, essendo stato cancellato dal recente aggiormamento di firmware, è il supporto PS3 ad altri sistemi operativi e in particolare a Linux. House ha risposto anche su questo argomento, con parole che assomigliano molto a una sentenza definitiva:

"Sappiamo cosa pensa la maggior parte degli utenti di questa nostra decisione. Vi posso assicurare che non è stato facile prenderla, ma abbiamo deciso di farlo per garantire gli interessi primari del mondo PlayStation e della sua community."

A proposito dell'autore

Avatar di Daniele Cucchiarelli

Daniele Cucchiarelli

Contributor

Lavora nel giornalismo videoludico da oltre 11 anni. Anche se tutti quelli che lo conoscono gli hanno consigliato di "trovarsi un lavoro serio", resta sempre fedele al suo primo amore.

Commenti