Se clicchi sul link ed completi l'acquisto potremmo ricevere una commissione. Leggi la nostra policy editoriale.

IA Labs fa causa a Nintendo

E attenzione a cadere dalla Balance Board!

L'azienda americana IA Labs ha fatto causa a Nintendo, affermando che i propri brevetti sono stati violati da Wii Fit, Wii Fit Plus e dalla Balance Board. Per non parlare del Wii Remote, del Nunchuck, del Wii Motion Plus, del Wii Wheel e del Wii Zapper.

Come segnala Gamespot, la compagnia ha creato due prodotti, il Kilowatt Sport e l'Exer-Station, seguendo i termini dei brevetti chiamati in causa.

Secondo quanto si legge nei documenti legali Greg Merril, CEO di IA Labs, avrebbe avuto incontri e scambi di emal con Nintendo nel 2007. Le due parti non hanno raggiunto un accordo per la licenza e la compagnia nipponica ha terminato i contatti alla fine dell'anno successivo.

IA Labs pertanto richiede che venga proibita la vendita di tutti quei prodotti che violano i suoi brevetti e ha chiesto un risarcimento e l'addebito delle spese legali alla stessa Nintendo.

Nel frattempo il Daily Star riporta una news curiosa (per non dire qualcosa di peggio).

"NINTENDO WII MI HA FATTO DIVENTARE UNA NINFOMANE", si legge a grandi caratteri nel titolo.

"Una donna è diventata ninfomane dopo una caduta dalla sua Wii Fit Board, che l'ha trasformata in una schiava del sesso", si legge nell'articolo (ok, ora potete ridere).

Amanda Flowers, 24 anni, residente a Manchester, ha riportato una lesione al sistema nervoso nella caduta, che secondo uno specialista avrebbe provocato una persistente sindrome sessuale. Ora Flowers afferma di dover avere rapporti sessuali dieci volte al giorno e di provare eccitazione per ogni minima vibrazione, anche quella causata dal cellulare (bene, ora potete ribaltarvi sulla sedia).

"Senza cure devo solo cercare di controllare la mia passione respirando profondamente. Magari un giorno troverò un superdotato che possa soddisfarmi". Una vera e propria missione "umanitaria" da portare a termine!

Taggato come
A proposito dell'autore

Davide Spotti

Contributor

Commenti