Se clicchi sul link ed completi l'acquisto potremmo ricevere una commissione. Leggi la nostra policy editoriale.

Il meglio della settimana

Dal 22/03 al 28/03.

Cari Eurogamers, come ogni weekend eccoci qui a fare un consuntivo della settimana. Devo dirlo anche stavolta? Ok, non mi ripeterò e non vi dirò che è stata anche questa una settimana ricca di spunti interessanti: d’altronde lo sapete voi per primi, no?

Iniziamo con Alpha Protocol, gioco che ruota attorno alla figura di Michael Thorton, una spia del governo americano di cui lo stesso governo nega l’esistenza. Si tratta di un titolo difficilmente inquadrabile: ha l’aspetto di uno sparatutto ma non lo è, nascondendo una serie di abilità strutturate sul modello del più classico dei GdR. È più incentrato sulle statistiche dei personaggi che non sulla loro potenza di fuoco, e le scene d’intermezzo interattive rappresentano una parte sostanziale dell’azione.

Dobbiamo gestire l’inventario, trascorrere grandi quantità di tempo nei menu per customizzare l’equipaggiamento e leggere email o dossier che ci spiegheranno la situazione politica, tra cospirazioni e tradimenti. Passeremo quindi del tempo a parlare, creando alleanze e amicizie, scegliendo tra una serie di risposte da dare all’interno delle varie conversazioni. La storia sarà dunque fortemente condizionata dalle nostre scelte, offrendo un copione in continua evoluzione che nasconderà sorprese e colpi di scena. Curiosi? Beh, non resta che approfondire questa trama top secret nell’anteprima del nostro Lucio Bernesi!

La F1 torna in grande stile con Codemasters...

Per chi invece ama l’adrenalina della velocità, la settimana ha offerto un titolo di tutt’altra natura ma ugualmente interessante, ovvero F1 2010! Previsto su PC, PS3 e Xbox 360 a partire dal prossimo settembre, si prospetta infatti come uno dei più interessanti ed emozionanti giochi di guida mai realizzati. Perché? Semplice, oltre a un comparto grafico di prim’ordine, il titolo proporrà un ricco multiplayer e un’inedita modalità carriera, volta a farci sentire in tutto e per tutto come dei veri piloti di F1.

Dovremo ad esempio curare i rapporti con i meccanici della nostra scuderia e con il nostro compagno di squadra, partecipare a conferenze stampa e valutare eventuali proposte contrattuali provenienti da altri team. Insomma, la Formula 1 videoludica non è mai stata così realistica. Tutti in pista dunque a leggere l’anteprima del gioco di Davide Persiani!

Cambiamo ora completamente ambientazione e andiamo sull’isola di Panau, dove ci attende il solito Rico Rodriguez, tamarro di prima categoria dotato di rampino, paracadute e mascella quadrata. Just Cause 2 si è rivelato una gran bella sorpresa, visto che ha permesso a Filippo Facchetti di spegnere completamente il cervello (uhm...cervello?) e di dedicarsi alla distruzione totale nel bel mezzo di un'intera isola tutta da esplorare.

Tecnicamente parlando i programmatori hanno fatto un bel lavoro, e vagabondare a bordo di uno dei numerosi veicoli disponibili si è rivelato un vero piacere... soprattutto sapendo che al termine della corsa era prevista una pioggia di proiettili degna del più esplosivo kolossal cinematografico. Se volete sapere cosa succede imbottendo una macchina di C4 e scaricandola con l'elicottero su un mucchio di serbatoi pieni di carburante, ovvero correre a leggerne la recensione.

Finora abbiamo parlato di giochi molto interessanti, ma mancano ancora all’appello dei nomi molto importanti, come Prince of Persia: le Sabbie Dimenticate! Il gioco del film del gioco? Il film del gioco del gioco del film? Va beh, classificazioni a parte, il nuovo PoP sembra venir su davvero bene. Abituato alla semplicità del precedente capitolo della serie e dalla linearità di design di altri giochi attualmente in circolazione, Filippo Facchetti è rimasto stupito dall'incredibile difficoltà di The Forgotten Sands. Mentre cerchiamo di farlo uscire dallo sgabuzzino dove si è rinchiuso per la vergogna, vi segnaliamo il suo dettagliato hands-on su Eurogamer.it!

Sorpassi, tanta adrenalina ed esplosioni saranno il piatto forte di Split/Second.

Torniamo ora alle quattro ruote, ma molto più maranza che non quelle di F1 2010. Parliamo di Split/Second, trattato da Stefano Silvestri, un gioco di corse ad alto tasso di adrenalina dove, accumulando il cosiddetto bonus "powerplay", si potranno avviare catastrofici eventi capaci di disintegrare le macchine avversarie e di modificare permanentemente i circuiti. Parliamo di cose tipo fare precipitare aerei sul tracciato, ribaltare navi ormeggiate sulla carreggiata, far deragliare treni in mezzo ai concorrenti, fare crollare grattacieli e altro ancora.

I modi per accumulare il powerplay sono 5: distruggere le altre macchine, effettuare salti dalle rampe disponibili, compiere derapate in curva, restare in scia agli avversari o schivarli all'ultimo quando stanno per esplodere davanti ai nostri occhi. Nulla che non abbia già provato chi è stato almeno una volta in macchina con Luca De Dominicis, con l'aggravante che lui telefona pure senza auricolare e getta il telefonino in giro per la macchina quando vede i vigili!

Chiudiamo infine la rassegna dei titoli degni di menzione con Red Steel 2, capace di esaltare il nostro Marco Mottura come raramente accade. L'abbiamo desiderato più o meno segretamente per anni, e finalmente è arrivato. Il tanto atteso gioco capace di trasformare in maniera convincente il portentoso Wiimote in una letale spada è qui!

Red Steel 2 ci ricorda che con la Wii si possono fare anche dei giochi per hardcore gamer.

Red Steel 2 di Ubisoft ci metterà nei polverosi panni di un elegante eroe armato di katana e pistole, nella suggestiva cornice fantasy di un iconico incrocio tra il selvaggio West ed un Giappone del futuro. La fenomenale grafica in cel shading ci mostrerà gli inaspettati muscoli della piccola Wii lasciandoci in più di una circostanza a bocca aperta, ma saranno i sublimi controlli a fare la parte del leone in questo originale misto tra FPS e action.

Prepariamoci insomma ad agitarci e a sudare con spadate, affondi e parate rigorosamente reali.Tra movenze fulminee e devastanti finisher che ricordano teatrali balletti di morte, scopriremo senza dubbio quanto possa essere dannatamente divertente la vita un ninja-cowboy!

E anche per stavolta è tutto, cari Eurogamers. Non ci resta che gustare insieme il filmato del buon Michele e darci appuntamento al prossimo weekend!

Taggato come
A proposito dell'autore
Avatar di Eurogamer.it

Eurogamer.it

Contributor

Commenti