Se clicchi sul link ed completi l'acquisto potremmo ricevere una commissione. Leggi la nostra policy editoriale.

MODGamer #8 - articolo

Quake 4, System Shock 2, Half-Life 2 e Call of Duty 2.

State of Decay

Mod: SOD Raf Arcade Mod

Abbiamo parlato di State of Decay giusto una settimana fa in occasione del Reloaded ad esso dedicato e di come la versione PC sia apprezzabile, oltre che per il miglior livello grafico, anche per quanto riguarda una community di modder che si è dedicata al sorgente per produrre i primi mod artigianali. Quello che vi presentiamo quest'oggi s'intitola SOD Raf Arcade ed è stato realizzato da un modder piuttosto prolifico che ha realizzato questa sorta di compilation di mutator che cambiano in modo radicale il gameplay. Innanzitutto la difficoltà si alza e non poco, visto che la densità degli zombie aumenta del 50% ma è anche possibile scegliere di giocare a un livello di difficoltà più elevato che penalizza quantità massima di energia e resistenza.

Finalmente le vetture possono speronare un numero consistente di zombie prima distruggersi come se fossero di cartapesta.

A bilanciare questi aspetti troviamo altri elementi interessanti: le auto sono molto più robuste così come le armi, che richiedono meno manutenzione e sono meno rumorose nel senso che la capacità uditiva degli zombie è piuttosto ridotta. Una scelta azzeccata in virtù dell'aumento di densità. Apprezzabile è anche la soprattutto la capacità di carico dei personaggi, notevolmente aumentata. Una soluzione gradita che evita di dover fare continuamente avanti e indietro dalla base quando si esce in cerca di risorse. Cambiano anche alcuni parametri relativi agli outpost intesi come numero minimo di NPC necessari al loro funzionamento, che facilitano la partita nelle fasi iniziali. Complessivamente, si tratta di un buon mod che consigliamo di provare a chi abbia iniziato State of Decay e abbia bisogno di una spintarella all'interesse per un survival horror tecnicamente osceno ma dalle grandi potenzialità.

Quake 4

Mod: False Dawn

Quake 4 è stata probabilmente una delle delusioni più cocenti per i fan di Id Software, offrendo un discreto single player affiancato a un multiplayer incapace di rinverdire i fasti dei suoi prestigiosi predecessori, Quake III Arena in primis. Otto anni dopo torniamo a togliere la polvere dal suo DVD grazie a un mod decisamente interessante intitolato False Dawn. Si tratta di un'avventura single player della durata di un paio d'ore, decisamente ben confezionata: livelli e Strogg sono chiaramente riciclati dall'originale ma in modo molto astuto e l'impressione è di trovarsi di fronte a locazioni abbastanza diverse. Il gameplay è praticamente identico, anche se la potenza dei moderni computer da gioco ha permesso al team di sviluppo d'introdurre un numero di nemici decisamente più consistente per ogni locazione.


Il Trailer di presentazione di False Dawn, un mod molto interessante per Quake 4

Cambia il sistema energetico ma soprattutto cambia la gestione del danno delle armi: la corazzatura degli Strogg va tenuta in debita considerazione nel momento in cui scattano le sparatorie perché le armi di piccolo calibro sono efficienti solo contro i nemici più scoperti: per i bestioni corazzati bisogna passare obbligatoriamente alle armi pesanti. Anche graficamente False Dawn si difende molto bene, visto che è basato su un altro mod di successo per Quake 4 intitolato Sikkmod, di cui condivide alcune soluzioni tecniche che hanno introdotto una serie di effetti grafici di alto livello assenti nel gioco originale cui dedicheremo una delle prossime puntate di questa rubrica.

System Shock 2

Mod: System Shock Infinite

Ci sono giochi che a quindici anni di distanza dal loro arrivo sui nostri hard disk vengono ancora universalmente riconosciuti e riveriti come autentici capolavori, in grado di stabilire un benchmark per tutto quello che è venuto dopo. Uno di questi è indubbiamente System Shock 2, che con le sue atmosfere da spazio profondo e gameplay embrionale alla Bioshock, merita di stare ai piani alti (altissimi) di questa ipotetica classifica. Anche se stiamo parlando di preistoria, una citazione questo mod la merita comunque solo per il nome che porta. Si tratta di System Shock Infinite un vero e proprio DLC che aggiunge una missione supplementare di alcune ore alla trama del gioco originale.


Alcuni spezzoni del gameplay di SSI.

Si tratta di un sequel che inizia poco dopo la sconfitta di Shodan e che vede il protagonista vagare ancora all'interno delle due navi spaziali combattendo contro gli infetti, mentre un compagno lo guida allo stesso modo di quanto era avvenuto in precedenza con l'intelligenza artificiale o la compianta Dottoressa Polito. Nonostante l'anzianità del motore grafico, SSI è un mod di grande spessore in cui la cura per la narrazione e i dialoghi rivaleggia con un altrettanto valido lavoro d'implementazione del sistema di progressione del nostro personaggio, scelte morali e sviluppo di abilità che possono portare a più finali distinti. Solo chi ha una collezione degna di questo nome in cui si trova ancora una pacchettizzata di System Shock 2 potrà apprezzare questo System Shock Infinte, e la fatica della reinstallazione sarà premiato da un mod di notevole spessore in grado di risvegliare emozioni vecchie di quindici anni.

Call of Duty 2

Mod: Red Square Massacre

Chi si rivede! In questa puntata decisamente ricca di mod single player di una certa caratura, non poteva mancare uno degli sparatutto più amati dell'era pre-Xbox 360 e PS3. Stiamo parlando di quel Call of Duty 2 che già nel periodo 2003-2006 aveva iniziato a porre le basi per il dominio attuale; magari non lo ricorderete ma in origine si trattava di uno sparatutto di grande spessore dedicato alla Seconda Guerra Mondiale in cui single e multi andavano a braccetto. Dopo anni di oblio dovuti al successo dei Call of Duty in chiave moderna (tutto sommato poco prolifici sotto il profilo dei mod), un modder di belle speranze ci ha regalato questa chicca chiamata Red Square Massacre.


Call of Duty 2 torna alle origini con questo Mod di fantasia (ma di ottima fattura) dedicato alla campagna di Russia.

Si tratta di una modification singleplayer della durata di un paio d'ore che mette il giocatore nei panni di un soldato tedesco alle prese con una serie di scenari fittizi nella capitale sovietica. Cosa sarebbe successo se Stalingrado fosse caduta immediatamente e la Germania nazista avesse raggiunto e attaccato Mosca? Il bagno di sangue di fantasia che viene ipotizzato in questo mod di ottima fattura risponde a questa domanda: degna di nota la possibilità di portare a termine alcuni obiettivi in modo non lineare, un elemento non certo tipico di questo genere di sparatutto. Anche se la grafica mostra ormai i segni di un tempo evidenziati da bassa risoluzione e un sistema d'illuminazione ormai obsoleto, Call of Duty 2 fa ancora la sua sporca figura e le sparatorie di una certa consistenza di questa modification ne sono la migliore conferma.

Half-Life 2

Mod: Kreedz Climbing

Chiudiamo la carrellata di questa puntata di MODGamer con una modification per Half-Life 2 decisamente particolare. Si tratta di Kreedz-Climbing, una total conversion per Half-Life 2 che stravolge completamente la sua natura di sparatutto per trasformarsi in un platform di risalita a cavallo tra il puzzle e lo sportivo. Il giocatore, le cui performance vengono registrate e messe a disposizione di tutti gli altri utenti tramite una ladder, deve riuscire a raggiungere il termine del livello nel minor tempo possibile a seconda della modalità di gioco prescelta. Si va dalla semplice gara di salto senza precipitare in basso, agli scenari pieni di trappole mortali passando per scivoli, pad propulsivi, e altre diavolerie da sfruttare per arrivare in cima il più rapidamente possibile.


Un esempio del gameplay "di risalita" di Kreedz Climbing.

Kreedz Climbing è una piccola perla di programmazione che in quanto a divertimento offerto non ha nulla da invidiare ad altri platformer per quello che offre agli estimatori del genere. Non contenti della qualità raggiunta, gli sviluppatori hanno realizzato anche un plug-in chiamato Cup Challenge che permette fino a 32 giocatori di sfidarsi in simultanea in scontri 1 contro 1 effettuando gli accoppiamenti in automatico dei vincenti fino alla finalissima. Con 15 discipline diverse e oltre un centinaio di mappe diverse (in costante aumento tra l'altro), questo mod ha tutte le carte in regola per diventare un piccolo classico e vista la diffusione di Half-Life 2, non abbiamo dubbi sul fatto che questo non tarderà ad accadere.

A proposito dell'autore

Avatar di Matteo Lorenzetti

Matteo Lorenzetti

Contributor

Dopo dieci anni di The Games Machine, approda finalmente alla redazione di Eurogamer.it. Onnivoro per quanto riguarda i generi, predilige sparatutto, giochi di guida ed RTS.

Commenti

More Articoli

Ultimi Articoli