Se clicchi sul link ed completi l'acquisto potremmo ricevere una commissione. Leggi la nostra policy editoriale.

Call of Duty Warzone è il festival dei bug a causa del continuo sciopero dei dipendenti di Activision Blizzard

I giocatori di Call of Duty Warzone si lamentano per i tanti bug riscontrati e non corretti.

Diverse dozzine di sviluppatori di Activision Blizzard rimangono in sciopero, mentre la direzione non ha soddisfatto le loro richieste di reintegrare 12 collaboratori di Raven Software che sono stati licenziati a dicembre. La maggior parte dei collaboratori sono tester dedicati al controllo qualità su vari titoli Call of Duty.

In particolare, i dipendenti di Raven Software, incaricati di verificare la presenza di bug e problemi tecnici in Call of Duty: Warzone, hanno interrotto il lavoro per oltre sette settimane, hanno riferito diversi dipendenti attuali al Washington Post. La loro assenza arriva in un momento in cui numerosi giocatori di Warzone, che vanno da famosi streamer a giocatori dilettanti, hanno inveito sullo stato attuale del gioco su Reddit e sui social media, citando bug che fanno crashare il gioco o problemi che ostacolano gravemente il gameplay.

"Non puoi lasciare il gioco in questo stato per un mese. Perderai molti giocatori", ha affermato James "JGOD" Godoy, uno streamer di Call of Duty, in un recente video di YouTube.

Lo sciopero è iniziato il 6 dicembre, quando oltre 60 dipendenti di Raven Software se ne sono andati per protestare contro la loro società madre che aveva licenziato 12 dei tester dello studio. È la terza interruzione del lavoro di Activision Blizzard in sei mesi da quando la società è stata citata in giudizio a fine luglio per molestie sessuali e accuse di cattiva condotta lavorativa.

Il 7 dicembre, almeno 200 dipendenti di Activision Blizzard nei vari studi dell'azienda hanno abbandonato il lavoro. Nell'ambito dell'attuale sciopero, che non ha una data di fine prestabilita secondo le persone coinvolte, i lavoratori hanno chiesto che l'azienda annulli i licenziamenti di dicembre e che tutti i collaboratori di Raven ricevano posizioni a tempo pieno.

Activision Blizzard non ha risposto alle richieste, hanno detto i dipendenti. Nel frattempo, a più di una dozzina di sviluppatori con sede nel Minnesota è stato chiesto di lavorare a stretto contatto con gli sviluppatori di Raven su Warzone.

"Molte persone sono sconvolte dal fatto che fosse stato loro chiesto di sostituire coloro che erano stati licenziati", ha affermato un attuale tester per Activision in Minnesota, che ha parlato sotto anonimato per paura di ritorsioni.

"Il motivo per cui i giochi hanno più problemi è sicuramente dovuto allo sciopero", ha affermato un secondo tester attualmente in sciopero, che ha aggiunto che, normalmente, bug enormi sarebbero stati rilevati dai tester prima di passare a una versione live del gioco. "Non puoi semplicemente perdere alcune delle tue persone che lavorano più duramente e aspettarti che non accada nulla".

I giocatori che giocano a Call of Duty: Warzone hanno notato che il gioco è pieno di bug che hanno notevolmente diminuito il divertimento. I giocatori hanno anche affermato di ritenere che i cheater stiano dilagando nelle lobby, nonostante il gioco abbia introdotto un nuovo software anti-cheat.

Gli streamer di Twitch e gli YouTuber hanno recentemente pubblicato una serie di video che dimostrano le loro frustrazioni per i problemi tecnici e lo stato generale di Warzone. Alcuni dei giocatori hanno affermato di essere a conoscenza dello sciopero in corso e hanno espresso sostegno ai lavoratori, mentre altri non avevano sentito parlare della situazione.

Fonte: The Washington Post.

A proposito dell'autore

Avatar di Matteo Zibbo

Matteo Zibbo

Contributor

Appassionato di videogiochi e musica (quella più rumorosa e veloce possibile), ha un'insana passione per i GdR occidentali che gli sta condizionando l'esistenza.

Commenti

More News

Ultimi Articoli