Se clicchi sul link ed completi l'acquisto potremmo ricevere una commissione. Leggi la nostra policy editoriale.

Destiny 2: Bungie citata in giudizio dal venditore di cheat AimJunkies

Il venditore afferma di non aver mai violato il copyright di Destiny 2.

Il venditore di cheat AimJunkies ha proseguito la sua battaglia legale contro Bungie, emettendo diverse citazioni nel tentativo di agire contro lo sviluppatore. Phoenix Digital Group, la società dietro il software, ritiene che un dipendente o appaltatore sconosciuto di Bungie abbia violato i termini di servizio del software acquistandolo e consegnandolo al proprio datore di lavoro.

In una dichiarazione, l'azienda ha affermato che intende "perseguire individui o società che hanno violato i nostri diritti d'autore e termini di servizio nella misura massima consentita dalla legge".

Una delle citazioni preparate è per Valve, in cui AimJunkies chiede informazioni sulle vendite mensili e sui numeri dei giocatori di Destiny 2 tra gennaio 2017 e oggi. Richiede inoltre informazioni, inclusi rapporti di comunicazioni, e-mail e tabulati telefonici relativi a diverse persone nominate.

La società ha affermato che ciò che offre AimJunkies non è illegale e che Steam offre una funzionalità simile. Aimjunkies ha anche presentato citazioni separate contro PayPal e Google, richiedendo informazioni su più persone che compaiono anche nel deposito di Valve, anche se non è chiaro cosa intenda fare l'azienda con le informazioni richieste.

"Bungie afferma che abbiamo causato gravi danni al loro gioco quando in realtà alcuni dei loro mesi più popolari di conteggio dei giocatori e vendite sono stati durante il periodo in cui Aimjunkies ha offerto i loro prodotti software", ha affermato Phoenix Digital Group nella dichiarazione. "Crediamo e intendiamo raccogliere prove attuabili di ciò e confutare un'altra delle loro affermazioni".

Per adesso la società non ha fatto nessun commento.

Fonte: Eurogamer

Commenti