Se clicchi sul link ed completi l'acquisto potremmo ricevere una commissione. Leggi la nostra policy editoriale.

F1: la Red Bull sospende il pilota Juri Vips per aver usato insulti razziali su Twitch

Il pilota di F1 si scusa via social.

Il pilota Junior di Formula 1 Juri Vips è stato sospeso dal suo team Red Bull Racing dopo aver usato un insulto razziale mentre stava giocando a un videogioco durante una diretta streaming di Twitch.

Il 21enne è un pilota di riserva per la stagione 2022 con la Red Bull ed è il prossimo in linea dopo il campione del mondo 2021 Max Verstappen e il suo compagno di squadra Sergio Perez. Dopo aver guidato nelle sessioni di prove libere per la squadra e pubblicizzato come una star nell'attesa, il suo futuro è ora in dubbio.

Vips è stato sospeso dopo che ha usato la N-word mentre giocava a Warzone con il collega junior della Red Bull Liam Lawson che stava trasmettendo in streaming su Twitch. Non molto tempo dopo che questo è venuto alla luce, la Red Bull Racing si è affrettata ad agire e ha rilasciato la seguente dichiarazione: "La Red Bull Racing ha sospeso il pilota junior Juri Vips da tutti i compiti del team con effetto immediato, in attesa di un'indagine completa sull'incidente. Come organizzazione condanniamo gli abusi di qualsiasi tipo e abbiamo una politica di tolleranza zero nei confronti del linguaggio o dei comportamenti razzisti all'interno della nostra organizzazione".

Vips ha pubblicato in seguito una dichiarazione sul suo feed di Instagram, scusandosi per quello che ha detto. La sua dichiarazione recita: "Desidero scusarmi senza riserve per il linguaggio offensivo usato durante una diretta streaming. Questo linguaggio è del tutto inaccettabile e non ritrae i valori e i principi che sostengo. Sono profondamente dispiaciuto per le mie azioni e questo non è il l'esempio che desidero dare. Collaborerò pienamente con l'indagine".

Fonte: Eurogamer

Commenti